Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [20/09/2019] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Mondo Artigiano scadenza 2019-09-20    360 Autori per tutto l’anno scadenza 2019-09-21    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CartaCarbone Festival Letterario Autobiografia e dintorni 2019 | Presentazione della sesa edizione - Treviso, Sabato 21 Settembre 2019, ore 11, Chiesa di San Teonisto (FESTIVAL LETTERARIO 2019-09-21)    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Mio figlio e Bukowski di Massimo Martinelli     Un Brandello di storia di Alessio Salerno     Teoria degli Implosivi e degli Esplosivi di Mauro Moscone     L'appuntamento di Cinzia Baldini     Ritratto di signora in rosso di Bruno Corino    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
26 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Rodolfo Walsh (1927-1977)
a cura di Diana Facile
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 40813
Media 79.77 %



Biografie

La personalità di Rodolfo Walsh (Lamarque, 09.01.1927 – Buenos Aires, 25.03.1977) spicca in ambito letterario come un caso paradigmatico di tensione tra impegno politico e intellettuale, tra militanza e scrittura.
Correttore di bozze e traduttore per la casa editrice Hachette dalla metà degli anni ’40, Walsh esordisce giovanissimo come giornalista, scrivendo articoli per le riviste Vea y vea e Leoplán. Sono gli anni in cui Walsh scopre e si appassiona al genere poliziesco, rivelando grandi doti narrative con la pubblicazione di Variaciones en rojo (1953), una raccolta di racconti gialli che racchiude i germi di quella che diventerà la sua grande ossessione: l’indagine criminale.
La sua vita scorre tranquilla fino a una fredda notte di giugno del 1956, quando Walsh viene casualmente a conoscenza della fucilazione di 27 civili presumibilmente implicati nella rivolta militare del generale Valle contro il governo della Revolución Libertadora (1955-1958). Alcuni mesi dopo, mentre sorseggia una birra in un bar de La Plata, gli si avvicina un uomo e gli dice “c’è un fucilato che vive”. Parole che risvegliano in Walsh la necessità impellente di fare della scrittura il mezzo per denunciare quella realtà di cui le ingiustizie sono protagoniste. Con dedizione e passione inizia un’indagine minuziosa sui fatti accaduti il 9 giugno 1956. Il risultato della sua inchiesta sarà il fulcro su cui costruirà Operación Masacre (1957), un capolavoro di denuncia civile che partendo dal racconto dei fatti realmente accaduti porta alla luce la verità. Con quest’opera Walsh inaugura il genere della Novela de no ficción, qualificandosi come il precursore del new journalism canonizzato da Truman Capote otto anni più tardi con il romanzo-reportage In cold blood.
Il 1958 vede Walsh impegnato in una nuova indagine volta a rilevare le implicazioni del governo della Revolución Libertadora nell’omicidio dell’avvocato Satanoswky, da cui scaturirà un altro impressionante esempio di giornalismo investigativo: Caso Satanowsky.
In seguito al trionfo della rivoluzione di Castro, Walsh parte per Cuba. Insieme al connazionale Jorge Masetti fonda e dirige la rivista Prensa Latina, il cui intento è quello di offrire al mondo intero la testimonianza diretta della nascita del nuovo e contraddittorio ordine cubano.
Rientra a Buenos Aires e pubblica Los oficios terrestres (1965) e Un kilo de oro (1967), due raccolte di racconti in cui la storia contemporanea argentina gioca un ruolo fondamentale. Walsh, autore e protagonista dei racconti, instaura col lettore un dialogo fondato su una sorta di complicità: presupponendo che il suo interlocutore sia a conoscenza delle circostanze congetturali in cui si svolgono i fatti, non fornisce alcuna spiegazione su quanto sta narrando. L’omissione si configura come una peculiarità strutturale della sua scrittura e obbliga il lettore ad assumere una posizione attiva di fronte al testo.
Continua le sue inchieste per la rivista Panorama, offrendo articoli socio-antropoligici che spiccano per il contenuto sociale e la prosa eccellente.
L’impegno politico di Walsh si impenna alla fine degli anni ’60. Nel 1968, contestualmente alla pubblicazione del romanzo-reportage ¿Quién mató a Rosendo? - imperniato sull’omicidio di un lider sindacalista peronista - assume la direzione del settimanale CGT (Confederación General del Trabajo) e inizia a militare nel peronismo di base, insegnando giornalismo nelle villas miserias. Dal 1973 entra attivamente a far parte del movimento dei Montoneros, occupandosi della redazione della rivista Noticias, lo strumento politico adottato dai guerriglieri per esporre il loro punto di vista.
Col golpe militare del 1976, Walsh si rende conto che la sconfitta è ormai prossima. Si scontra coi vertici montoneros di cui non condivide più la linea politica, ritenendola causa di tante morti inutili tra cui quella della figlia Vicky. Continua la sua lotta individuale, usando la scrittura come strumento di opposizione al regime. Crea l’ANCLA (Agencia Clandestina de Noticias) e CADENA INFORMATIVA con il fine di divulgare, anche all’estero, ciò che accade nel paese.
A un anno esatto dalla data del golpe, il 24 marzo 1977, nella sua veste di scrittore, intellettuale e militante, Walsh invia alla stampa nazionale ed internazionale alcune copie della Carta abierta de un escritor a la Junta Militar, in cui offre un’analisi lucida, cruda e spietata su repressione, censura e crisi economica.
“… Estas son las reflexiones que en el primer aniversario de su infausto gobierno he querido hacer llegar a los miembros de esa Junta, sin esperanza de ser escuchado, con la certeza de ser perseguido, pero fiel al compromiso que asumí hace mucho tiempo de dar testimonio en momento dificiles.”
Un’opera maestra di giornalismo ed un’espressione di coraggio che decreterà la sua condanna a morte. Il giorno seguente, un gruppo di militari dell’ESMA (Escuela de Mecánica de la Marina) gli tende un’imboscata. L’obiettivo è quello di catturarlo vivo e torturarlo, ma Walsh sceglie di morire come ha vissuto. Lottando per i suoi ideali. Tira fuori la pistola e apre il fuoco. Finisce a terra, crivellato di colpi. Il suo nome integra ancora oggi la lista dei 30.000 desaparecidos.

Bibliografia (in italiano)
1. Rodolfo Walsh - Variazioni in Rosso (Sellerio, 1998)
2. Rodolfo Walsh – Operazione massacro (Sellerio, 2002)

© Diana Facile


Recensioni ed articoli relativi a Rodolfo Walsh

Nessun record trovato

Testi di Rodolfo Walsh pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato


Testi di Diana Facile pubblicati su Progetto Babele

(1) I richiami del Vodù di Diana Facile - RACCONTO
(2) Walsh, Rodolfo (1927-1977) a cura di Diana Facile - BIOGRAFIA
(3) Quella donna di Rodolfo Walsh trad.di Diana Facile - TRADUZIONE
(4) La vita degli altri di Diana Facile - RACCONTO
(5) Il concorso di Diana Facile - RACCONTO
(6) Il vestito di velluto di Silvina Ocampo trad.di Diana Facile - TRADUZIONE


>>ARCHIVIO BIOGRAFIE
>> Vecchio archivio (134 biografie)





dal 2010-12-30
VISITE: 54614


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.