Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [19/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2019-07-01    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
32 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Caratteristiche tipiche del racconto gotico dell'ultimo
capitolo de "L'idiota" di Dostoevskij


A cura di Angela Ravetta

L'ultimo capitolo de "L'idiota" di Dostoevskij è un perfetto esempio di racconto noir o gotico. L'utilizzo di vari generi letterari all'interno dei romanzi dell'autore russo è stato rilevato da parte dei critici. Sarebbe interessante indagare in che modo avvenga e per quali motivi. Nel caso in esame sussistono tutte le caratteristiche tipiche del genere.

Due uomini giacciono tutta la notte sdraiati vicino ad una morta che uno dei due ha ucciso. Ecco la descrizione del cadavere:

"Sui piedi e sulle gambe si vedevano dei merletti ammucchiati, e sul biancore di quei merletti spiccava, sporgendo da sotto il lenzuolo, la punta di un piede nudo; quel piede sembrava scolpito nel marmo, ed era di una immobilità terrificante. Il principe continuava a guardare , e quanto più guardava, tanto più incombente si faceva il silenzio di morte che regnava nella stanza. Ad un tratto una mosca si destò e cominciò a ronzare, volò per un po' sopra il letto e si posò vicino al capezzale."
Da Fëdor Dostoevskij, L'idiota, Feltrinelli, Milano 2004

L'immagine del piede richiama i piedi di Emma Bovary morente:

"Il sacerdote si alzò per prendere il crocifisso; allora Emma protese il collo come un assetato e, appoggiando le labbra sul corpo dell'Uomo-Dio, vi posò con tutte le forze che ancora le rimanevano il più appassionato bacio d'amore che mai avesse dato. Poi il prete recitò il Misereatur e l'Indulgentiam, immerse il pollice nell'olio e cominciò l'unzione: prima sugli occhi, che avevano tanto bramato i lussi e gli splendori terreni, poi sulle narici, desiderose di aspirare tepide brezze e sentori amorosi, quindi sulla bocca che si era aperta per pronunciare menzogne, e aveva emesso gemiti d'orgoglio e grida di lussuria, e ancora sulle mani che si dilettavano ai soavi contatti, infine sulle piante dei piedi, un tempo così rapidi quando correvano verso l'appagamento del desiderio e che ormai non avrebbero più camminato."

Dal cap. VIII della parte terza di "Madame Bovary" di Gustave Flaubert.

Sono parti per il tutto di un corpo già smembrato, ridotto a pezzi, su cui Dostoevskij fa posare una mosca, Flaubert l'olio santo, Poe un gatto.

"Il cadavere, già putrefatto in gran parte imbrattato di grumi di sangue, apparve, ritto in piedi, agli occhi degli spettatori. Sulla sua testa, la bocca rossa spalancata e l'unico occhio di fiamma, stava appollaiata la bestia orrenda, le cui arti mi avevano sedotto all'assassinio, e la cui voce accusatrice mi consegnava al boia. Avevo murato il mostro dentro la tomba!"
Edgar Allan Poe, Racconti, Torino, 2003, pag.350

L'omicidio è avvenuto in una cupa casa che il principe Mýškin riconosce, dalle caratteristiche del padrone (Rogòžin), senza averla mai vista prima:

"Era una casa grande, a tre piani, di aspetto tetro, di color verde sporco e priva di qualsiasi pretesa architettonica…tanto l'esterno che l'interno di queste case hanno un aspetto arido e inospitale, si ha l'impressione che tutto vi debba essere tenuto celato e coperto dal segreto, ma sarebbe difficile spiegare come mai l'aspetto stesso della casa desti una tale impressione." Ibidem, pag.266

Un quadro che rappresenta il Salvatore cadavere, "Cristo morto", copia di quello di Hans Holbein, lungo quasi due metri e alto meno di una trentina di centimetri, è appeso sopra la porta della quadreria. Il principe Mýškin è oppresso da questa immagine che può, a suo dire, far perdere la fede. Il principe è l'idiota del titolo, uno jurodìvyj, cioè un "folle in Cristo". Rogòžin ha attentato alla sua vita, lo minaccia e lo spia:

"Gli occhi di Rogòžin scintillavano e un ghigno forsennato gli deformava il volto. Il suo braccio destro si sollevò e nella mano stringeva qualcosa che luccicava. Il principe non pensò neppure ad afferrare quella mano; gli parve soltanto, a quanto poi ricordava, di aver gridato:
"Parfèn, non ci credo!…"
Un attimo dopo fu come se un velo gli si squarciasse improvvisamente davanti agli occhi e una straordinaria luce interiore gl'illuminò l'animo." Ibidem , pag. 303
Eppure il principe aveva appena scambiato con lui la croce che portava al collo:
"Vuoi che ci scambiamo le croci? Se è così, ne sono ben felice, Parfèn; stringiamo un patto di fratellanza."
Il principe si tolse dal collo la croce di stagno, Parfèn la sua, che era d'oro, e se le scambiarono. Parfèn taceva. Con triste stupore il principe notò che la diffidenza di prima, quel sorriso amaro e quasi beffardo, permanevano tuttora sul viso del suo fratello di elezione, o almeno a tratti vi si manifestavano chiaramente." Ibidem, pag.286 Il capitolo XI si apre con il principe che ricerca affannosamente Rogòžin e la donna, Nastàs'ja Filìppovna. Egli vede ovunque gli occhi terribili di Parfèn e teme che sia accaduto l'irreparabile che aveva presagito.
"Tu però non distingui il tuo amore dall'odio," replicò sorridendo il principe. "E se l'amore passerà, potrà capitare qualcosa di ancora peggiore. Fratello Parfèn, voglio dirti ancora questo…"
"Che le taglierò la gola?"
Il principe fu scosso da un brivido.
"La odierai terribilmente a causa dell'amore che le porti adesso, a causa dei tormenti che adesso devi sopportare.
"ibidem, pag.276

Quando il principe e Parfèn si incontrano, parlano a voce sussurrata, bassissima oppure tacciono. Il delitto è già avvenuto e in un clima di grande oppressione si accingono a vegliare la morta. La casa è buia, rischiarata solo dalla luna piena .
Dostoevskij riprende fedelmente i particolari tecnici dell'assassinio commesso dal mercante Mazùrin:

"L'ho coperta con un telo d'incerata, una buona incerata americana, e sopra l'incerata ho steso il lenzuolo; poi ho aperto anche quattro boccette d'acqua di Ždànov, e gliel'ho disposte lì vicino."
ibidem, pag.746

Rogòžin, ormai fuori di sé, si mette a gridare.

"Trascorse così una mezz'ora; a un tratto Rogòžin prese a gridare e a ridere forte a scatti, come se si fosse completamente dimenticato che bisognava parlare sottovoce:
"Quell'ufficiale, quell'ufficiale…te ne ricordi? Ti ricordi della scudisciata che dette in faccia a quell'ufficiale, là, nel padiglione della musica, ah, ah, ah, te ne ricordi? E poi quel cadetto…sì, quel cadetto…quello che saltò su…"
ibidem, pag.749

Siamo sempre sotto l'impressione che egli possa uccidere il principe o che impazziranno entrambi e che il principe avrà un altro dei suoi attacchi epilettici.
Il principe non cerca di fuggire pur essendo consapevole degli impulsi che prova l'assassino. È in preda ad un vero terrore, ma non abbandona l'omicida come Cristo non abbandona il peccatore.

"Il principe lo guardava e aspettava; intanto il tempo passava e cominciava a farsi giorno. Rogòžin di tanto in tanto cominciava improvvisamente a borbottare qualcosa, a voce alta e brusca, pronunciando parole sconnesse; a momenti cominciava a gridare e a rider forte; allora il principe stendeva verso di lui la sua mano tremante e gliela passava delicatamente sul capo, sui capelli, accarezzandoglieli, e carezzandogli le guance…non c'era nient'altro che potesse fare! Egli stesso aveva ricominciato a tremare, e di nuovo a un tratto sentì mancarsi le gambe. Si sentiva oppresso da una sensazione completamente nuova, che gli stringeva il cuore in una morsa di angoscia infinita. Nel frattempo si era fatto completamente giorno. Alla fine egli si distese sul cuscino, come se avesse perso ogni forza dalla disperazione, e accostò il suo viso a quello pallido e immobile di Rogòžin. Le lacrime scorrevano dai suoi occhi a bagnare le guance di Rogòžin, ma forse già in quel momento egli non sentiva più nemmeno le proprie lacrime, e non si rendeva neppure conto di piangere…"
ibidem, pag.750

Mýškin è un uomo buono e in quanto tale destinato alla follia per la follia degli uomini. Quando giungono i soccorritori il principe non è più cosciente ma non cessa di accarezzare con mano tremante il viso di Rogòžin ogni volta che questi urla in preda al delirio. Nonostante la crudeltà dei fatti narrati una grande pace si effonde nei nostri animi. Egli è l'elemento altro, l'imprevedibile, (incarnato in un personaggio) che risolve il racconto, come se Cristo fosse sceso da quel quadro per lenire la pena del peccatore.
Tale caratteristica è tipica del racconto gotico. Osserviamola in Poe:

"Ed ecco un bombito lontano e discorde di voci umane. Ed ecco uno scoppio, come lo squillo di una moltitudine di tube insieme. Ed ecco l'aspro rotolar di mille tuoni. E le mura incandescenti si ritrassero spegnendosi, lente. E un braccio afferrò il mio in una morsa di ferro nell'istante in cui ero per precipitare svenuto nell'abisso. Era il braccio del generale Lassalle. L'esercito francese era entrato in Toledo. L'Inquisizione era alla discrezione dei suoi nemici."
Edgar Allan Poe, Racconti, Torino, 2003, pag.340 da "Il pozzo e il pendolo"(A.R.)


VISITE: 2712


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.