Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [21/09/2019] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    360 Autori per tutto l’anno scadenza 2019-09-21    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CartaCarbone Festival Letterario Autobiografia e dintorni 2019 | Presentazione della sesa edizione - Treviso, Sabato 21 Settembre 2019, ore 11, Chiesa di San Teonisto (FESTIVAL LETTERARIO 2019-09-21)    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Identità riservata di Cinzia Baldini     Punti di vista di Gaia Borella     Come una madre di Maria cristina Piazza     Mio figlio e Bukowski di Massimo Martinelli     Un Brandello di storia di Alessio Salerno    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

ALBERT CAMUS
(1913-1960)


A cura di Patrizia Cau


Nato a Mondovi (Algeria) il 7 novembre 1913, da una famiglia francese residente in Algeria, rimane presto orfano del padre che muore nella battaglia della Marna durante la prima guerra mondiale. Fin da giovane brilla negli studi, anche se le condizioni economiche familiari sono molto difficili: terminerà il liceo, e grazie al suo professore di filosofia, avrà una borsa di studio per la prestigiosa Università di Algeri. La tubercolosi gli impedirà però di frequentare regolarmente le lezioni, così studiando da privatista si laurea in filosofia nel 1936 con una tesi su Plotino e Sant'Agostino, lavoro che verrà pubblicato in Italia nel 2004 con il titolo Metafisica cristiana e Platonismo.
Nel 1934 si iscrisse al Partito Comunista, che qualche anno dopo abbandonerà (1937) per evidente divergenza di idee. Per sostenersi economicamente fece diversi lavori: impiegato presso un'amministrazione statale, operaio presso una ditta di spedizioni e altri.
Passione politica e impegno giornalistico, sono due caratteristiche del suo modo di concepire la vita e le battaglie a favore dell'uomo. Le sue denunce contro lo sfruttamento degli arabi in Francia e la denuncia delle loro condizioni miserabili vissute sotto il colonialismo francese, gli portarono censure e fastidi.
Intorno al 1937 esordì nel mondo letterario con la raccolta di prose liriche e di saggi intitolato " Il rovescio e il diritto". Sempre in questo periodo scoprì la sua passione per il teatro e fondò una compagnia " Théâtre du Travail" d'ispirazione marxista che inseguito diventerà il "Théâtre de l'Equipe", dove scrisse il dramma "Rivolta nelle Asturie " (1935), la cui rappresentazione venne vietata. Nel 1938 la sua prima opera teatrale Caligola
I problemi di salute lo costrinsero ad andare in Savoia a curarsi; rientrando in Algeria passò per l' Italia, dove visitò Firenze, Pisa, Genova. Rifiutò un posto come insegnante presso il Collegio Sidi-Bel-Abbès e decise di dedicarsi solo alla letteratura, al teatro e al giornalismo.
Iniziò a leggere le opere di G. Sorel, Friedrich W. Nietzsche, O. Spengler, Fëdor Dostoevskij, Honoré de Balzac.
Nel 1942 portò a termine il saggio "Il mito di Sisifo", giustamente sottolineato come "Saggio dell' assurdo" espressione del suo pensiero filosofico.
Legge avidamente e intensamente letture come: Tolstoj, Sade, P. Lavirey, Marco Aurelio, Defoe, Cervantes e Melvill.
Le condizioni difficili della vita algerina lo costringeranno a trasferirsi a Parigi, dove però ben presto si attiverà contro l'occupazione nazista.
A Parigi è segretario di redazione al Paris-Soir, entra a far parte della cellula partigiana Combat, dove curerà numerosi articoli, per l'omonimo giornale che esce clandestinamente.
Per Camus la presenza tedesca è atroce, così come tutti i totalitarismi che sono in evidente contrasto con la libertà e la dignità dell'uomo. Infatti in aperta protesta lascerà il posto al' UNESCO
a causa dell'entrata della Spagna franchista, così come è tra i pochi intellettuali a criticare
aspramente i metodi brutali del Soviet, in occasione della repressione di uno sciopero a Berlino Est.
Le sue posizioni si attesteranno, al di fuori di qualsiasi ideologia fine a se stessa, che non abbia come impegno l'unità delle genti.
Sempre nel 1942 venne pubblicato "Lo straniero", il suo romanzo più noto e tradotto in quasi tutte le lingue. É considerato unanimemente uno dei capolavori della letteratura novecentesca.
In questo periodo incontra Francis Ponge e fra i due scrittori nacque una solida amicizia; conobbe anche Jean-Paul Sartre.
Porterà in scena l'opera teatrale Il Malinteso (1944), senza ottenere però successo.
Nel 1946 partì per gli Stati Uniti per una serie di conferenze presso varie Università.
Al suo rientro a Parigi portò a compimento "La peste" (1947), che ottenne grande successo di pubblico e il premio della critica. In questo lavoro Camus fece la cronaca dei dolorosi avvenimenti accaduti ad Orano.
Il 1948 fu per Camus un anno di intense lotte civili; prese posizioni molto dure contro le dittature sovietica e franchista, si batté per i comunisti greci condannati a morte riuscendo ad ottenerne la grazia.
Partì anche per un viaggio in Sud america, ma ebbe un grave peggioramento del suo stato di salute che, al suo rientro in Francia, lo costrinse ad un lungo periodo di riposo.
Nello stesso anno scrisse "Stato di assedio" (1948) e il famoso saggio filosofico "L'uomo in rivolta ", che verrà pubblicato nel 1951.
Fu un'opera che sollevò molte polemiche, e che segnò la frattura ideologica fra Camus e Sartre: i contrasti di vedute fra i due si accesero vivacemente attraverso interventi sulla stampa di sinistra, sviluppandosi principalmente intorno agli avvenimenti drammatici della guerra in Algeria. Camus, francese d'Algeria, visse con profondo dolore le vicende della sua terra d'origine. In quegli anni Camus pubblicò "I giusti" (1950), "L'Estate" (1954), "La caduta" (1956), "L'Esilio e il regno" (1957).
Nel 1957 gli venne assegnato il Premio Nobel per la letteratura. A Stoccolma pronunciò due importanti discorsi che vennero pubblicati l'anno seguente col titolo "Discorsi di Svezia".
Durante un viaggio in Grecia la sua salute gli creò nuovamente fastidiosi problemi, ma al suo rientro, pur conducendo una vita appartata continuò ad occuparsi di attività teatrali.
Il Ministro della Cultura francese gli offrì la direzione della "Comédie Française", incarico che rifiutò per problemi di salute.
Chiese invece di poter dirigere un teatro sperimentale, e su questa proposta si sarebbero dovuti accordare di lì a pochi giorni nel corso di un incontro che purtroppo non avvenne.
Albert Camus morì il 4 gennaio 1960 a Villeblevin (Yonne), in un gravissimo incidente automobilistico. Aveva quarantasei anni.
Vennero pubblicati postumi i due volumi "I taccuini" (1962-1964), il romanzo incompiuto "La morte felice" (1971) che lo scrittore aveva iniziato nel 1937 e il romanzo autobiografico "Il primo uomo"(1994), sul quale stava lavorando prima della morte. (Patrizia Cau)

© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.