Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [21/09/2019] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    360 Autori per tutto l’anno scadenza 2019-09-21    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CartaCarbone Festival Letterario Autobiografia e dintorni 2019 | Presentazione della sesa edizione - Treviso, Sabato 21 Settembre 2019, ore 11, Chiesa di San Teonisto (FESTIVAL LETTERARIO 2019-09-21)    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Identità riservata di Cinzia Baldini     Punti di vista di Gaia Borella     Come una madre di Maria cristina Piazza     Mio figlio e Bukowski di Massimo Martinelli     Un Brandello di storia di Alessio Salerno    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

RUBEM BRAGA
(1913-1990)


Scrisse Carlos Drunmond de Andrade, il più rinomato poeta brasiliano (che quest'anno compirebbe cent'anni), per il cinquantesimo compleanno, il 17 gennaio 1963 dell'amico Rubem Braga, "professore di lucidità":

Rubem Braga aveva diciotto anni e si era già affermato come cronista a Belo Horizonte. Scriveva sul giornale "Estado de Minas" una colonna di lettura obbligatoria. Sempre girovago, un bel giorno fece un viaggio e non scrisse nulla. Ma il giornale decise di imbrogliare i lettori com una cronaca scritta da un altro, usando la sua firma. Braga lesse e telegrafò al direttore Afonso Arinos: "Non usate il mio santo nome invano". Impossibile usare il nome di Braga imitando la prosa
di Braga. È brevettata. I suoi elementi - sensualità, tenerezza, anarquia, tédio, poesia, hunour --, da soli sono manipolabili da chiunque. Messi insieme formano un composto specificamente braghiano, che dispensa firme. E quanti ce ne sono di suoi imitatori! Imitano soltanto... Come corrispondente del suo giornale sul "fronte" della Rivoluzione Costituzionalista de 1932 (vera guerra civile per la secessione dello stato di San Paolo dal governo fascista della capitale Rio de Janeiro), venne arrestato come spia e corse il pericolo di essere sottoposto alla corte marziale o persino ad essere fucilato. Oh, che immaginazione!... In una "cronaca" Braga confessa: "Io ero una spia; ero la spia della vita tra i morti. La guerra era troppo stupida per non farmi sorridere e io non riconoscevo alleati né nemici. Vedevo soltanto uomini poveri che si ammazzavano per il bene di uomini ricchi. Vedevo il Brasile che si ammazzava con armi straniere". Chi vedeva queste cose senza la nebbia passionale che turbava tanta gente, era un ragazzo di diciannove anni che a trentaquattro avrebbe scritto: "Osservo le cose con due occhi che, nonostante siano castani e un po' sul verde, vedono questo mondo con sufficiente chiarezza".
E questa è la qualità principale e inaspettata di Braga: la lucidità. Un uomo che dice tante cose assurde o surreali può forse essere un buon osservatore della vita? Sicuramente sì. Sempre che ce ne sia la necessità, Braga emette giudizi ponderati su fatti politici, economici, sociali e, anche se non sempre o quasi mai la sua opinione coincide con l'opinione dominante o vittoriosa, ciò non prova niente contro l'esattezza della sua visione intellettuale e il suo buon senso; prova soltanto che tali attributi non godono di molto favore della collettività... Come spia della vita dall'apparenza annoiata ma interessatissimo, annota i meravigliosi fenomeni della primavera e dell'estate che passano inosservati all'uomo comune, e ne estrae il massimo profitto esistenziale. Le arti della caccia, della pesca e dell'amore, l'osservazione costante del vento di nord-ovest, il contatto con la spiaggia e le acque correnti, acqua corrente lui stesso, la notizia di uccellini, insetti, frutti, paesaggi, la celebrazione quasi liturgica delle grazie e misteri della donna (per sembrare gentile un giorno mi disse in una lettera che gli sarebbe piaciuto darmi in regalo una piccola fregata e quattro o cinque donne), il dono di sentire, valorizzare e distribuire la natura come un bene di cui abbiamo sempre più di bisogno. Questa è la lezione di Braga, "lezione di insaziabile libertà e piacere di vivere", che fa piacere proclamare nel giorno in cui l'ammirevole professore completa cinquant'anni con la naturalità, il gusto della vita e della terra e l'intenso sentimento poetico e umano che aveva a diciannove anni.

A cura di Giuseppe Butera
butera@ucdb.br


Pubblicazioni di Rubem Braga:

O Conde e o Passarinho (Il conte e l'uccellino), 1936.
O Morro do Isolamento (Il colle dell'isolamento), 1944.
Com a FEB na Itália (Con la Forza Spedizionaria Brasiliana in Italia), 1945.
Um Pé de Milho (Una pianta di granturco), 1948.
Um Homem Rouco (Un uomo rauco), 1949.
50 Crônicas Escolhidas (50 Cronache scelte), 1951.
Três Primitivos (Tre primitivi), 1954.
A Borboleta Amarela (La farfalla gialla), 1955.
A Cidade e a Roça (La città e la campagna), 1957.
100 Crônicas Escolhidas (100 Cronache prescelte), 1958.
Ai de Ti, Copacabana (Guai a te, Copacabana), 1960.
A Traição das Elegantes (Il tradimento delle eleganti), 1967.
200 Crônicas Escolhidas (200 Cronache scelte), 1977.
Livro de Versos (Libri di versi), 1980.
Recado de Primavera (Avviso di primavera), 1984.
Os Melhores Contos de Rubem Braga (I migliori racconti di Rubem Braga), 1985.

 

DA LEGGERE (sul sito):
>>Il racconto Nell'ora neutra del primo mattino, nella traduzione a cura di Giuseppe Butera, è stato pubblicato su Progetto Babele n.2, che può essere scaricato cliccando qui.

 


VISITE: 7516

 

© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.