Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    [19/07/2019] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Profumi di Poesia scadenza 2019-07-21    Premio Svicolando scadenza 2019-07-29    UN MONTE DI POESIA scadenza 2019-07-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Shamans of digital era II edizione - festival dedicato alle commistioni tra musica elettronica di ricerca e arti audiovisive contemporanee in chiave performativa (EVENTO 2019-07-20)    Festival dello Scrittore - l format, o meglio l’idea base, rimane la stessa: mettere a confronto Autori che abbiano pubblicato un libro con il pubblico (EVENTO 2019-07-21)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.    Racconti     Ritorno al Moccagatta di Teodoro Lorenzo     La vita degli altri di Diana Facile     Speranza di Antonio Carnuccio     Passi di Marika Salonna     Un'anima di Lorena Curiman    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
23 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
2 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Emilio Salgari
(1862-1911)


Il libro è come un viaggio senza il peso dei bagagli
di Sabina Marchesi

Si dice di lui che Mare e Giungla sono due parole che appartengono alla sua genealogia, non v'è praticamente nessuno che non abbia mai preso in mano o prima o poi un suo volume, ciascuno, anche il lettore meno diligente o appassionato, può dire di conoscere almeno una delle sue opere, che sia La Tigre della Malesia, o Il Re del Mare, o Iolanda la Figlia del Corsaro.
Nacque a Verona, nell'Agosto del 1862 da madre veneziana e padre veronese, ambedue modesti commercianti. Nel 1878 si iscrisse al Regio Istituto Tecnico e Nautico "P. Sarpi" di Venezia, non terminò mai gli studi ma, pur senza averne diritto, si presentò spesso come Capitano di Cabotaggio, giungendo perfino a firmare con questo titolo alcuni suoi romanzi ed a difenderlo in duello. Per essere un uomo che seppe mirabilmente narrare di terre lontane, di paradisi incontaminati, di mari selvaggi, di giungle e isole, stupisce sapere che non lasciò mai l'Italia, che si spinse fino a Torino e a Genova come massimo polo di esplorazione, e che compì un solo unico e breve viaggio di mare nel 1880, andando su e giù da Venezia alla Dalmazia fino a Brindisi per tre mesi sulla "Italia Una".
Era uno scrittore ispirato che si documentava minuziosamente in biblioteca e passava le notti insonne a scrivere romanzi, saghe, racconti ed episodi, forse il più prolifico di tutti gli autori, se si contano anche le innumerevoli opere del genere avventuroso che scrisse sotto falso nome per aggirare le clausole capestro impostegli dagli editori, e cercare di arrotondare le entrate per mantenere un tenore di vita dignitoso.
Pur essendo forse uno dei più famosi scrittori italiani di tutti i tempi, visse sempre in estreme ristrettezze, terrorizzato dallo spettro della povertà al punto da morire suicida in maniera atroce, quando sentì di non poter uscire dalle sue misere condizioni economiche e si avvide che nessuno voleva o poteva aiutarlo, nonostante fosse stato nominato Cavaliere addirittura dalla Regina d'Italia.
All'età di soli venti anni vendette il suo primo racconto ambientato in Papuasia, pubblicato a puntate, solo nel 1883 iniziò la collaborazione con La Nuova Arena di Verona che pubblicherà i primi episodi della Tigre della Malesia. Risale invece al 1887 l'uscita del primo romanzo completo in volume, La Favorita del Mahdi, all'epoca tacciato di erotismo.
Ambientati in Malesia, nel Borneo, in Papausia, in Australia, e ovunque nel mondo, i suoi romanzi diventano presto famosissimi e imitatissimi, tanto che ancora oggi ci si districa con difficoltà nell'identificare correttamente la paternità delle numerosissime opere a lui attribuite, alcune delle quali pubblicate postume, ad opera del figlio Omar e del suo caro amico e sostenitore Motta, che cercarono di imitarne lo stile.
Ebbe sempre grandissime difficoltà che spesso gli imposero un compenso fisso, invece del consueto contratto sui diritti editoriali, al punto che neppure al culmine della fama potè trarre beneficio dalla gloria riscossa, costretto com'era a dibattersi tra i debiti. Poco lungimirante dunque o titubante sulle sue capacità, compì frequenti cambi di editori che ogni volta gli costarono un patrimonio in penali contrattuali.
Nel 1892 sposò l'amatissima Ida Peruzzi e nel 1894 si trasferì a Torino. Qui, in quello stesso anno, pubblicò per Paravia "Il continente misterioso", ambientato in Australia, per Speirani "Il tesoro del Presidente del Paraguay" ed una collezione di racconti di mare, "Le novelle marinaresche di Mastro Catrame". Nel 1898 cambiò nuovamente editore, sottoscrivendo un contratto in esclusiva con le Edizioni Donath e si spostò vicino Genova. Risale al 1896 il primo romanzo del filone sui pirati occidentali, il famosissimo Corsaro Nero.
Nel frattempo la famiglia si era allargata, nel 1892 infatti, era nata la figlia Fatima, nel 1894 Nadir, nel 1898 Romero e nel 1900 Omar. Purtroppo, le prime avvisaglie della grave malattia della moglie incrinano la felicità del matrimonio.

Nel 1900 uscì in volume le Tigri di Mompracem, forse il romanzo più famoso di Salgari, che segnò al contempo l'apica della sua fama e l'inizio di una fase discendente che lo avrebbe condotto al suicidio di lì a pochi anni..
Tornato di nuovo a Torino, nel 1903 la moglie fu costretta a un ricovero per problemi mentali, nel 1906 è la volta di un ulteriore cambio di editore. E' un periodo di attività frenetica (ben 19 romanzi scritti tra il 1907 e il 1911) e di grande stress fisico e mentale, che vide Salgari curvo giorno e notte sulla scrivania, nel tentativo impossibile di adempiere alle condizioni contrattuali, in lotta continua con i debiti incalzanti.
Nel 1910 la salute della moglie peggiorò bruscamente e lo scrittore tentò il primo suicidio, fallendo. Nell'Aprile dell'anno successivo, una sola settimana dopo il ricovero della moglie in manicomio, ripeterà il tentativo, questa volta squarciandosi ventre e gola con un rasoio affilato, e morendo suicida, come già aveva fatto suo padre nel 1889 e come avrebbe fatto suo figlio Romero nel 1931.
Lo avevano portato a quel gesto disperato le difficoltà finanziarie, il rapporto difficile con gli editori, il dolore per le condizioni della moglie e la paura per l'indebolimento della vista, che rischiava di rendergli impossibile la scrittura . Lasciò lettere vibranti di sdegno e di accuse per gli editori e i direttori dei giornali, e colme di affetto e di rimpianti per i suoi familiari, agli editori disse: "pagate voi per i miei funerali, voi che mi avete affamato e lasciato morire in miseria". Furono accuse pesanti che scossero l'opinione pubblica e che radunarono una vera folla il giorno del suo funerale.
La sua vita era stata sicuramente inadeguata al suo talento ed al suo successo, i ragazzi che partivano per la Tripolitania e la Cirenaica scrivevano a casa citando le frasi dei protagonisti dei suoi libri, il loro stesso valore, coraggio, fedeltà, eroismo erano ispirati dalle pagine dei suoi romanzi. In prossimità del suicidio chiese sovvenzioni, aiuto, ma nessuno rispose al suo appello così, tutto solo, Salgari prese il tram, si recò su una collina dove era solito fare merenda con la sua famiglia, e si uccise sventrandosi ventre e gola in perfetto stile giapponese, come uno dei suoi eroi, rivendicando con questo atto estremo onore e dignità. Lo trovò una contadina, dopo che il sangue aveva intriso la terra, ed egli imitando lo spirito dei suoi personaggi lasciò questo mondo dicendo a chi lo aveva tradito: vi saluto spezzando la penna, pagate almeno i miei funerali.
Nel complesso sono a lui attribuite ben 81 opere tutte del filone avventuroso che egli seppe magistralmente rappresentare, ispirandosi a tematiche eroiche e fortemente moralistiche, esaltando il coraggio, il disprezzo del pericolo, lo spirito di sacrificio, la fedeltà ai valori di patria e amicizia, la noncuranza per la ricchezza e l'esaltazione dell'onore e dell'eroismo sopra ogni altra cosa.
I suoi eroi sono giunti intatti fino a noi, Yanez, Sandokan, Tremalnaik, Kammamuri, Il Corsaro Nero, Iolanda, spiccano dalle pagine ed incarnano perfettamente lo spirito di un'epoca avventurosa e impavida e se accuse di imprecisione sono state fatte alle sue opere ciò si deve solo alla poca accuratezza dei testi che egli consultò per documentarsi, e non a sua imperizia o mancanza, per cui possiamo annoverarlo a pieno diritto nell'Olimpo dei Classici come il vero padre del romanzo di avventura italiano. ( Sabina Marchesi)

 

VISITE: 10982


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.