Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [21/09/2019] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    360 Autori per tutto l’anno scadenza 2019-09-21    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CartaCarbone Festival Letterario Autobiografia e dintorni 2019 | Presentazione della sesa edizione - Treviso, Sabato 21 Settembre 2019, ore 11, Chiesa di San Teonisto (FESTIVAL LETTERARIO 2019-09-21)    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Identità riservata di Cinzia Baldini     Punti di vista di Gaia Borella     Come una madre di Maria cristina Piazza     Mio figlio e Bukowski di Massimo Martinelli     Un Brandello di storia di Alessio Salerno    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

GIOVANNI PASCOLI
(1855-1912)


di R.M.L.Bartolucci

Verso il 1880 in Italia ci furono degli anni piuttosto "caldi" e movimentati: frequenti erano le manifestazioni di piazza di anarchici e socialisti per protestare contro le dure condizioni di vita dei lavoratori, e spesso scoppiavano tafferugli. Nel 1878 a Bologna durante una di queste manifestazioni venne arrestato un giovane studente che non aveva fatto in tempo a scappare. Egli rimase per ben tre mesi in carcere in attesa del processo, con l'accusa di "partecipazione a manifestazione sediziosa e resistenza alla forza pubblica". Al processo, però, il giovane fu assolto con formula piena. I giudici tennero in massimo conto quanto dichiarò un testimone d'eccezione, il grandissimo poeta Giosuè Carducci, di cui l'imputato era l'alunno preferito. Certo, lo studente Giovanni Pascoli senz'altro aveva partecipato al corteo, ma era del tutto impossibile che avesse commesso azioni violente. Chi lo conosceva in profondità sapeva che quel ragazzo pallido e dall'aria sognante era la personificazione stessa della mitezza e provava uno spontaneo orrore per la violenza, poiché proprio della violenza era stato vittima innocente.
La tragedia che aveva sconvolto la sua esistenza aveva avuto luogo in una sera d'agosto del 1867, quando Giovanni era ancora un bimbo di dodici anni. Fino ad allora la vita della famiglia Pascoli era trascorsa felicemente nella grande fattoria di San Mauro di Romagna. Genitori e figli erano profondamente legati da un grande affetto, e in questo ambiente armonioso e sereno crescevano sani ben otto ragazzi. Indimenticabili furono quei momenti per Giovanni, indimenticabili la vecchia casa tra gli alberi, il cortile e la grande cucina dove ci si riuniva a tavola o accanto al fuoco. Il padre era l'amministratore della tenuta, e la famiglia viveva anche in una certa agiatezza economica. Ma in quella sera d'agosto quel bellissimo mondo armonioso di affetti era stato spazzato via brutalmente: un assassino, che rimase per sempre sconosciuto e quindi impunito, aveva ucciso il padre del Pascoli sparandogli a bruciapelo. Quel delitto sembrava tanto più feroce perché colpiva un uomo giusto e mite, stimato da tutti. Seguì a questo episodio una catena di lutti. Dopo meno di un anno morì la madre, disfatta dal dolore, poi una sorella, poi altri fratelli. La famiglia si era decimata e la miseria incombeva sui superstiti.
Molto sensibile, malinconico e pessimista, in un primo momento il Pascoli non era stato capace di reagire: chiuso nel suo dolore viveva nel rimpianto di una felicità perduta per sempre. Aveva continuato i suoi studi a costo di incredibili sacrifici, e per la sua intelligenza era divenuto il prediletto di tutti i suoi maestri, che gli profetizzavano un brillante avvenire. Ma neppure gli incoraggiamenti più autorevoli riuscivano a fargli guardare al futuro con un po' di speranza in più. Dentro di sé coltivava il culto del passato: le immagini dei suoi cari ormai scomparsi, della sua casa, della sua terra e di quelle mille piccole cose che avevano costituito il mondo della sua infanzia. In questa prospettiva anche i fatti e gli oggetti più comuni assumevano così una dimensione inconsueta: quel particolare giorno di sole, o quel fiore colto nel campo, o quel canto di uccelli ascoltato a sera prima che la mamma chiamasse per cena. L'amore e il dolore gli facevano riscoprire e apprezzare tutto ciò che agli occhi degli altri può apparire insignificante.
Il giovane Pascoli ebbe qualche slancio di entusiasmo solo durante i primi anni di Università, quando gli ideali umanitari del socialismo lo portarono a credere nella possibilità di una "fratellanza universale" di tutti gli oppressi: fu allora che il gelo della sua solitudine sembrò disciogliersi nel calore della lotta comune. Ma ben presto, disgustato dalle intemperanze di tanti irresponsabili e provato dall'amara esperienza del carcere, tornò al suo solito isolamento. Si sentiva segnato dal dolore e vittima di un'oscura persecuzione del destino alla quale era inutile opporsi. Però pian piano questo terribile pessimismo andò attenuandosi: diventando uomo, era la vita stessa che lo spingeva ad andare avanti. Dovette lavorare, provvedere a se stesso e agli altri familiari, insomma agire, fare qualcosa, pur senza rinnegare la sua indole di solitario e sognatore.
Nel 1882 si laureò in lettere e iniziò ad insegnare, senza ambizioni di carriera, mirando solo a procurarsi da vivere nel modo più silenzioso. Così si trovò a percorrere tutti i gradini della sua professione, fino a ricoprire, nel 1906, l'incarico più prestigioso: quello di professore ordinario di letteratura italiana all'Università di Bologna, succedendo al suo antico maestro Giosuè Carducci.
Quest'uomo timido e mite, oltre che grande poeta, fu uno studioso di grande valore. La sua conoscenza delle letterature classiche era eccezionale, e il riconoscimento della sua autorità in materia avvenne tramite i premi vinti al "Concorso internazionale" di Amsterdam, una gara annuale tra cultori di lingua latina di tutto il mondo, che sottopone al giudizio di una giuria di altissimo livello composizioni poetiche in lingua latina. Tale "olimpiade ideale" con cui si intende rendere omaggio a una grande civiltà del passato si svolge ancora oggi. Pascoli vi riportò il massimo numero di primi premi mai aggiudicati a uno stesso concorrente, rivelandosi il più grande poeta latino dei tempi moderni. Questi onori mai sollecitati lo resero meno timido della gloria e gli dettero una serenità che fino ad allora gli era mancata, anche se nella sua indole rimase sempre lo stesso "fanciullo dolente" di un tempo.

Trascorse gli ultimi anni della sua vita tra Bologna e Castelvecchio di Barga, un piccolo paese toscano dove aveva comprato una villetta e una vigna. Non si sposò mai; fedele compagna della sua vita fu la sorella Maria, da lui affettuosamente chiamata Mariù, la sola che poteva condividere con lui dolori e ricordi. E nella mano di lei egli tenne la sua al momento della sua morte, il 6 aprile 1912 a Bologna.

Rossella Maria Luisa Bartolucci
rbart@ciaoweb.it


OPERE

Opere poetiche in lingua italiana:

Myricae (1891), Poemetti (1897), Canti di Castelvecchio (1903), Primi Poemetti (1904), Poemi conviviali (1904), Odi e Inni (1906), Nuovi Poemetti(1909).

Opere poetiche in lingua latina:

Carmina (in due volumi pubblicati postumi: 1914 e 1930)


Opere in prosa:

Minerva oscura (1898), Sotto il velame (1900), La mirabile visione (1902), Miei pensieri di varia umanità (contengono il celebre discorso sul Fanciullino)(1903), Pensieri e discorsi (1907)

Altri testi (possibile minore rilevanza):

(1) Acciaio di Silvia Avallone - RECENSIONE
(2) amore all’inferno;Un di Diego Cugia - RECENSIONE
(1) Pascoli prosatore (Studi di lingua e letteratura italiana) a cura di Enzo Sardellaro - ARTICOLO
(2) Pasolini tra Pascoli e Baudelaire di Pierino Gallo - RECENSIONE
(1) T. S.Eliot e P.P. Pasolini: The Waste Land e La muart ta l`aga a cura di Lara Scifoni - ARTICOLO


DA LEGGERE:

Tutte le poesie
a cura di A.Colasanti, N.Calzolaio
Newton Compton (I mammuth) 2001
1312 pg. euro 12,90

>>Compra questo libro su IBS <<

VISITE: 27666


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.