Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [16/12/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    La diversità dell'Italia scadenza 2019-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2019-12-20    LuceNera scadenza 2019-12-30    LUCENERA scadenza 2019-12-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
28 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Ugo Ojetti
(1871-1946)


Ugo Ojetti (Roma, 15 luglio 1871 - Firenze, 1 gennaio 1946) è stato uno scrittore e un critico d'arte italiano. Figlio di un architetto e restauratore, e quindi educato all'arte, si laureò in legge a ventuno anni, dopodichè si dedicò prevalentemente al giornalismo ed alla critica d'arte. Personalità di vastissima cultura, scrisse per diversi giornali, dall'Illustrazione italiana, alla Tribuna al Corriere della Sera. Organizzò numerose mostre d'arte, come esperto in particolare del Rinascimento e del Secentismo, ma con interessi che spaziavano fino alla pittura e scultura contemporanea, e dette vita ad importanti iniziative editoriali, come "Le più belle pagine degli scrittori italiani" per l'editrice Treves e la collana de "I Classici italiani" per Rizzoli. Per il teatro scrisse, assieme a Renato Simoni, la commedia in quattro atti Il matrimonio di Casanova. Fece parte fino al 1933 del consiglio di amministrazione della Enciclopedia Italiana.
Nei sette volumi che costituiscono la raccolta Cose viste sono contenuti articoli da lui scritti per il "Corriere della Sera" dal 1921 al 1943. Quelli scritti fra il 1904 e il 1908 per l'"Illustrazione italiana" vennero invece pubblicati nei due volumi de I capricci del conte Ottavio, usciti rispettivamente nel 1908 e nel 1910. Scritto con uno stile che si pone fra la critica e il reportage, Alla scoperta dei letterati, pubblicato ancora in giovane età nel 1895, fu considerato, e come tale fece discutere, un momento di analisi profonda del movimento letterario dell'epoca ricavato attraverso interviste a scrittori celebri dell'epoca come Fogazzaro, Carducci, Matilde Serao e Gabriele D'Annunzio.
Profondo conoscitore ed appassionato studioso di arte, Ugo Ojetti ha pubblicato sull'argomento diversi importanti libri: Ritratti di artisti italiani (in due volumi, 1911 e 1923), I nani tra le colonne (1920), Raffaello e altre leggi (del 1921, La pittura italiana del Seicento e del Settecento (1924), l' Atlante di storia dell'arte italiana (due volumi, 1925 e 1934) e La pittura italiana dell'Ottocento (1929) e Ottocento, Novecento e via dicendo (1936).
Come scrittore di narrativa, Ojetti è ricordato per i romanzi Senza Dio (scritto quand'era poco più che ventenne nel 1894), Mimì e la gloria (del 1908) e Mio figlio ferroviere (1922).
Fondatore della rivista d'arte "Dedalo" (uscita dal 1920 al 1933), Ojetti diresse a Milano dal '33 al '35 "Pan", rivista fondata sulle ceneri della precedente esperienza fiorentina della Rassegna di lettere ed Arti "Pègaso".
Nominato Accademico d'Italia nel 1930, Ojetti è celebre anche per i suoi aforismi, massime e pensieri, molti dei quali sono raccolti nel volumetto Sessanta, uscito nel 1937, ma scritto dall'autore per i suoi sessant'anni, cioè nel 1931. Ne citiamo a titolo di esempio tre che sono rimasti famosi: "Dì bene del tuo nemico soltanto se sei certo che glielo andranno a riferire", "Se vuoi offendere un avversario, lodalo a gran voce per le qualità che gli mancano" "Amare col buio, dormire col sole, mangiare in silenzio:tre sciocchezze", dove il cinismo romanesco si unisce efficacemente ad una saggezza senza tempo.
Colpevolmente dimenticato dopo la morte, anche per l'enorme importanza avuta durante il fascismo, Ojetti sta ritrovando una certa visibilità e viene più frequentemente citato, specie nella storia e critica d'arte, negli ultimissimi anni. La sua ricca biblioteca (circa 100mila volumi) venne donata nel 1977 da sua figlia Paola, anche lei giornalista e dedicataria delle Cose viste, al Gabinetto Viesseux di Firenze, dove si trova tutt'oggi, come fondo Ugo e Paola Ojetti.

Cose viste di Ugo Ojetti

Mondadori, 1960 (ed.completa)
Avagliano 2003 (antologia)
296 pp. 11 euro

Un testo letterario può avere validità e significato sotto vari aspetti. C'è il valore letterario tout court, ma sicuramente in molti casi c'è anche il valore documentale, relativo a come l'autore ha cercato di tracciare il proprio ritratto personale di certe situazioni ambientate in un'epoca particolare. Il valore documentale è sempre presente nel buon giornalismo. Più difficile è trovare del giornalismo che abbia un significativo valore letterario, specie al livello di quella prosa d'arte che aveva tanta voga in Italia intorno agli anni '20 ed anche successivamente, e che fu in buona parte spazzata via dall'ondata del neorealismo nel dopoguerra.
Un caso di scritti al confine tra giornalismo da terza pagina e prosa d'arte è fornito dalle "Cose viste" di Ugo Ojetti, sette volumi di scritti vari, di lunghezza abbastanza uniforme, oscillante intorno alla decina di cartelle l'uno, pubblicati dall'autore sul Corriere della Sera, di cui fu anche direttore nel 1926-27. Delle "Cose viste" esiste un'edizione mondadoriana del 1960, in un unico volume, la cui mole comprensibilmente intimidisce, in quanto si tratta di qualcosa come 1500 pagine piuttosto fitte, che trattano…Beh, un po' di tutto, e cercherò di dare qualche saggio dei temi trattati nel seguito.
Romano autentico, Ojetti era una personalità di spicco in diversi campi, dal giornalismo alla critica d'arte e letteraria. Non si professava particolarmente esperto di musica, ed infatti cercò di trattarla con leggerezza, anche quando incontra Giacomo Puccini già malato ed ossessionato dalla Turandot, che teme di non finire, come infatti fu, o quando si imbatte in Umberto Giordano, che valuta con bonomia meridionale ed umanità dei cantanti lirici per cercare di capire se abbiano la "stoffa", ma per il resto dà l'idea di avere una vastità di interessi e di competenze non comune.
Gli anni delle Cose viste coincidono suppergiù con il "ventennio". Fu fascista, Ojetti? Di sicuro non fu un entusiasta ad oltranza, certo fu un sostenitore, ma questo si può dire di tanti scrittori dell'epoca. Non mancava però di coraggio, nel 1925 scrisse un pezzo visitando l'amico Salvemini incarcerato dal governo, pezzo che poi la direzione del Corriere decise di non pubblicare, nel 1928 esprimeva la sua opinione di critico d'arte e di romano sulla "liberazione" del teatro di Marcello con la distruzione di piazza Montanara, seconda piazza "a fiocco" della topografia romana dopo piazza di Spagna, professando il suo amore per quel luogo caratteristico, pur se umile, della città eterna. Certo, era un amante del classicismo, anche nella sua versione un po' cinematografica e cartapestacea dell'E 42 (o EUR, come si dice oggi). Alla nascita dell'EUR è dedicata una Cosa vista del 1938. E' l'angolazione che è particolare, Ojetti riesce a vedere la nuova zona dell'Esposizione Universale dal convento delle Tre Fontane, che è quanto di più sobrio e meno declamatorio ci possa essere, come riesce a vedere la fondazione di Littoria (oggi Latina) dagli sguardi degli operai a mensa. Parimenti descrive i Fori Imperiali ricordando la sua conoscenza di una servetta che abitava nelle demolende case di via Cremona (via che esiste ancora oggi, ma che delimita ormai solo gli scavi del foro di Trajano, dove c'è anche quella curiosa statua di Cesare, che indica col braccio un certo balcone…).
Quindi c'è Roma, la Roma imperiale del discorso mussoliniano seguito alla vittoria in Etiopia, e la Roma del popolo, la gente comune che sciama a conoscere il Parco di Castelfusano nel 1932, la cosiddetta "pineta di Ostia" appena aperta al pubblico, e negli ultimi anni sciaguratamente bruciata in buona parte da qualche delinquente, rimasto impunito. E lo scritto su Castelfusano è delizioso, lieve ed umoristico, pur nella leggera coloritura retorica, c'è la famigliola che fa un pic-nic, il marito che fa inavvertitamente cadere a terra due panini, la moglie che dice "Questi adesso te li magni tu" e lui che replica "Se lo sapevo, ne facevo cadere di più". Ci sono anche i romani vicini al Vaticano, che non più abituati, scoprono dopo il Concordato del '29, che si può andare, come un tempo, a rivedere il Papa a San Pietro, ma dopo tanti anni si è persa la tradizione, e tutti, ad incominciare dallo stesso Ojetti, in marsina dalle sette del mattino, sembrano non sapere esattamente come ci dovrebbe comportare davanti a quel pontefice tanto vicino da sempre, ma volutamente recluso in Vaticano per quasi settant'anni… E si parla del matrimonio del Principe Umberto, il futuro "re di maggio", con Maria José, ma ancora una volta visto dalla porta di servizio, da quella popolana che vista la giovane età e la prestanza dei due sposi, si chiede quando lasceranno da soli i "pori fiji" perché facciano quel che natura vorrebbe.
Un grande giornalista di costume, insomma. E la letteratura? Ci sono tutti gli scrittori dell'epoca, come a vederseli davanti, c'è D'Annunzio in tutte le sue varie forme, dal poeta combattente al collezionista un po' maniacale del Vittoriale al commosso ricordo qualche anno dopo la morte, c'è la notizia della morte di Pirandello portata ai membri dell'Accademia d'Italia e la corsa in auto verso la dimora periferica romana del grande drammaturgo, ci sono Panzini e Moretti nella loro Romagna, uno robusto e vivace, l'altro allampanato e crepuscolare, la spiaggia di Bellaria contro il porto-canale di Cesenatico…, Matilde Serao che conciona gli ospiti in dialetto e che ugualmente in dialetto confessa e consola un'accorata Eleonora Duse, uno dei ritratti più umani del libro, Salvatore di Giacomo che si lamenta della qualità della pizza, già allora… e Vincenzo Gemito, con la sua memoria inossidabile, oltre che la sua notoria ed enfatizzata povertà. E' come cercare di far sciogliere un libro di letteratura o di storia dell'arte in un bicchiere d'acqua, per farcelo meglio digerire, allo scopo di cercare di avvicinare gli uomini di cultura a noi lettori. Insomma, è divulgazione allo stato puro, ed anche per questo di interesse in una rivista per tutti come Progetto Babele. Come tanto giornalismo, va letto poco a poco, come fu scritto, articolo ad articolo: un'overdose creerebbe qualche problema di assimilazione... Tuttavia, la maggior parte delle Cose viste sono ancora godibili e vantano sempre qualche zampata vincente, ed alcuni pezzi sono famosissimi, come quello che inizia con "Odio il punto esclamativo, questo cappello su una testa molto grande", che prelude ad un'interessante disquisizione su quando sarebbe nata la necessità di esclamare, che non esiste certo in Dante e Petrarca, e sembra apparire dal nulla tra il Seicento ed il Settecento. Ojetti, da buon critico battagliero, dichiara la sua guerra personale al punto esclamativo, come altri oggi hanno dichiarato (per motivi di ritmo, dicono) odio alla parentesi. Il sottoscritto, che ama ed usa spesso l'uno e l'altra, rimpiange però il garbo dell'argomentazione ojettiana rispetto alla brutalità delle regole di scrittura odierne… E gli viene un po' di tristezza, pensando al tramonto della "terza pagina". Ma penso non sia un caso che mi piacciano le riscoperte. (C.S.)

a cura di Carlo Santulli

Altri testi (possibile minore rilevanza):

(3) Distruzione e conservazione. La tutela del patrimonio artistico durante la prima guerra mondiale. di Giuseppe Talamo - RECENSIONE
(1) Ojetti, Ugo di Carlo Santulli - BIOGRAFIA

VISITE: 13816


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.