Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [18/10/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Linee di Paesaggio” scadenza 2019-10-28    Concorso per artisti emergenti scadenza 2019-10-30    Motori & Passioni scadenza 2019-10-31    Ve- Leggiamo scadenza 2019-10-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
32 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
5 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Gordiano Lupi intervista
Giancarlo Narciso


Giancarlo Narciso è autore che non ha bisogno di presentazioni. Pubblica da anni romanzi di spionaggio su Segretissimo, edito da Mondadori, sotto lo pseudonimo di Jack Morisco, ha vinto il Premio Tedeschi (1998) con Singapore Siling, il Premio Scerbanenco (2006) con Incontro a Daunanda, due romanzi inseriti nella trilogia di Rodolfo Capitani che si completa con Le zanzare di Zanzibar. Luigi Bernardi sceglie un romanzo breve di Giancarlo Narciso per continuare la serie di autori noir italiani nella elegante collana Babelesuite, che dovrebbe vincere un premio per la cura editoriale e il progetto grafico. Ho avuto modo di apprezzare Santanta di Danilo Arona (un vero autore horror italiano), Duri di cuore di Alfredo Colitto (un noir duro alla Scerbanenco), ma anche altri nomi della collana sembrano affidabili: Piergiorgio Di Cara, Elisabetta Bucciarelli e Loriano Machiavelli.


Anno 2008 - Perdisa Pop
Prezzo € 9 - 120 pp.
(collana Babelesuite)
ISBN 9788883724619

Appena terminata la recensione di Un’ombra anche tu come me, ho deciso di avvicinare l'autore e fargli qualche domanda...

Giancarlo, vuoi parlarci di questo romanzo?
Mentre lo scrivevo non sapevo ancora come sarebbe finito e, in parte, non lo so nemmeno ora, perché la storia è vista dagli occhi di Jack che non è un testimone del tutto attendibile, preso com'è dalla sua ossessione misogina. Daniela non è così assolutamente cinica e perfida come si potrebbe pensare, è una donna con disturbi della personalità. Nicola non è lo stinco di santo che dice di essere. I due si meritano reciprocamente.

Non anticipiamo il finale. Cosa racconta la storia e da dove deriva l'esigenza di scriverla?
La storia racconta lo strano rapporto di Jack con le donne. Le sue paure coperte dal tono sicuro con cui parla di loro. Lui comincia a fare il duro, della serie, io da questa qui non mi faccio fare fesso, anche se è lei che lo paga, per cui è in posizione subordinata, ma mano a mano che si allontanano dai posti turistici è lui a riprendere il sopravvento, visto che è la guida e la donna ha bisogno della sua esperienza.

Il protagonista ti somiglia un po'…
Ho volutamente fatto confusione creando un personaggio dalla biografia quasi identica alla mia (a parte la Folgore, ma mi serviva uno che sapesse sparare, la pistola era necessaria) e con il mio stesso nome, in modo da riproporre al lettore il dubbio che non tutto quello che si racconta in un libro è vero, ma è solo deformato. Se Narciso racconta di essere il personaggio di una storia non vera, allora anche il personaggio forse non racconta tutte le cose come stanno ma solo come le vive lui, allora anche Daniela e Nicola raccontano una realtà deformata. Insomma: la realtà non è mai come la si racconta, non può esserlo.

Il futuro della narrativa italiana è nei generi letterari?
Non mi sembra di scorgere significativi segni di cambio all'orizzonte rispetto al passato, il genere è vivo e vegeto e svolge la sua funzione accanto a una letteratura che invece cerca di svincolarsi dai cliché. Che ci riesca è un altro paio di maniche.

Per uno scrittore italiano è così difficile uscire dai cliché narrativi? Un italiano deve necessariamente scrivere un giallo ambientato in provincia?
Credo che il giallo di provincia sia alla frutta. Ce l'hanno rigirato in tutte le salse e ha davvero stancato.

Meglio l'edicola o la libreria?
Dovendo scegliere, la libreria, anche se l'edicola fa numeri che in libreria nemmeno si sognano. Ma se vai in edicola non vieni recensito ed è quasi impossibile venire tradotti in altre lingue. L'ideale sarebbe uscire prima in libreria e poi in edicola in una collana economica, come certi editori fanno.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
Da un lato uscire dal genere con un romanzo di ampio respiro e dall'altro restare nello spionaggio usando l'esperienza maturata per raccontare intrighi italiani. Ho già fatto un primo tentativo nel racconto uscito sulla antologia Legion di Segretissimo, in cui pur usando il mio personaggio seriale di Banshee, lo collegavo alla realtà politica italiana, nella fattispecie agli anni di piombo. Mi affascina l'idea di usare agenti del Sismi come personaggi positivi, tipo Calipari, invece del solito stereotipo d'operetta dei bombaroli stragisti e golpisti. Penso per esempio a una storia che ponga la questione del perché, per salvare certi ostaggi, si mobilita l'intero paese pagando a volte prezzi pesantissimi (e non parlo di soldi, vedi il caso Sgrena o quello del giornalista rapito in Afghanistan dove l'interprete è stato lasciato a morire) mentre ci sono altri ostaggi per cui non si muove un dito, come i casi recenti in Africa. Qual'è il ruolo dei servizi di intelligence in queste storie? Ci sono ostaggi di serie A e di serie B? E se sì, perché?

Non perdiamo di vista Giancarlo Narciso, perché questa idea mi sembra molto interessante!

Per gentile concessione di Giancarlo Narciso
e Gordiano Lupi


inserito 30/01/09
VISITE: 2808



© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.