© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Contatta il WebMaster help&faq
 
 
TeleScrivente:    Lo stagno dei caimani - ritrovato il racconto perduto di Salgari (12/04/2018)    Il 12 Ottobre 2017 chiude i battenti la storica NETEDITOR (06/10/2017)    Lacrime d’Inchiostro (19/07/2017)    L'editore più povero del mondo parla sul blog "La Casa di Carta" (24/03/2017)    Audio Antologia della Letteratura Italiana Vol. I e Vol. II (25/04/2015)    [20/04/2018] 14 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    X Premio Navarro scadenza 2018-04-20    Racconti di Donna scadenza 2018-04-20    Vinòforum scadenza 2018-04-20    Trofeo RiLL, il miglior racconto fantastico scadenza 2018-04-27    Fuori dal cassetto scadenza 2018-04-27    Le Occasioni scadenza 2018-04-29    Concorso Internazionale di Saggistica “Riscontri” scadenza 2018-04-30    Città di Latina scadenza 2018-04-30    Riviera Adriatica scadenza 2018-04-30    “Caro Fabrizio, ti racconto di un ritorno” scadenza 2018-04-30    Premio Antonio Fogazzaro scadenza 2018-04-30    Pietro Corsi scadenza 2018-04-30    Tra Secchia e Panaro scadenza 2018-04-30    Il Sogno del Poeta scadenza 2018-04-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    RECENSIONI     Verde Limone di Marcial Gala     Quei gran pezzi dell'Emilia Romagna di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini     Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati     Amore incompatibile di Francesco Dell´Olio     Andata e ritorno di Elena Ciurli    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
 
 
Email
PSWD
CONSIGLI DI LETTURA
Arretrati e copie stampate
PB International
PB Interactive
IN PRIMO PIANO


OnlineUtenti connessi: 12
Utenti collegati in chat 0

Dal 01/01/2003
questo sito ha generato
99.605.920
esposizioni

 
     

19/07/2017
Lacrime d’Inchiostro



Ricevuto 22/04/2015 da www.delmiglio.it

È mancato improvvisamente Giampiero Dalle Molle, giornalista, editor, promotore culturale e creatore di Inchiostro, la prima e più venduta rivista italiana di narrativa

Lacrime d’Inchiostro

Ancora non riusciamo a crederci. La notizia è stata così fulminea e devastante che la mente fatica ad accettare la realtà. A tutti noi amici di lunga data, sembra impossibile non trovarlo in redazione, seduto al suo mac strapieno col sorriso sornione di sempre o non pensarlo con gli sci ai piedi sulle amate piste di Brunico.
Invece, Giampiero Dalle Molle se n’è andato improvvisamente poco prima dell’alba del 20 aprile 2015, senza che ore di sala chirurgica e mani esperte abbiano potuto nulla per salvarlo.

Giampiero Dalle Molle era nato a Parma nel settembre del 1962 e dalla città emiliana aveva ereditato l’ironia sottile e l’amore per le cose belle e buone della vita; il piacere per la buona cucina, prima di tutto. Ma non solo.

Fin dalle elementari, ha sempre letto almeno un quotidiano al giorno, iniziando da quello che portava a casa il padre. Inoltre, scriveva moltissimo. Per un periodo, da ragazzo, sì è dedicato ai racconti gialli, ma i risultati non l’avevano soddisfatto. La passione per la letteratura è cosa innata, ma l’ambiente familiare, con una madre insegnante di Lettere, ha certamente incoraggiato il giovane Giampiero.
E la scrittura è diventata la sua vita. Giornalista professionista, ha esordito come collaboratore e poi redattore non assunto specializzandosi nel settore economico e politico. La prima testata con cui ha collaborato è stata il Gazzettino, poi il Nuovo Veronese, Gente Money e la corrispondenza dal Veneto per il Secolo XIX di Genova.
Poi è arrivato Inchiostro.

La molla è stata la grande passione per i racconti, genere che in Italia, a suo parere, era sottostimato, al contrario di quel che avveniva nel mondo ispanico o anglosassone, assieme alla consapevolezza che c’erano scarse possibilità di far emergere i talenti letterari. Così nacque Inchiostro, una nuova vetrina per nuovi scrittori, la prima rivista per esordienti in Italia e, forse, in Europa.
Era il 1994 quando Giampiero decise di lasciare il Nuovo Veronese per la nuova avventura, giunta oggi al ventesimo anno d’attività.
Anche se fin dall'inizio la rivista ha avuto una dimensione, un respiro e una distribuzione nazionali, e in certi casi addirittura internazionali, la redazione è sempre stata ancorata alla realtà cittadina: dal 1995 al 2001 la sede di Il Riccio Editore è stata in via Manin, sopra la allora Standa, e da quattordici anni è in via Risorgimento, in Borgo Trento.

In un ventennio, Inchiostro è divenuta il punto di riferimento assoluto, a livello nazionale, per gli autori esordienti e gli scrittori “in erba”: ad oggi, alla redazione sono infatti giunti oltre ventiduemila manoscritti di narrativa e quasi ottomila poesie.
Alcuni di coloro che hanno utilizzato le pagine della rivista veronese come trampolino di lancio per farsi conoscere e uscire dall'anonimato sono poi divenuti scrittori di primo piano: Gianluca Morozzi, Guido Sgardoli e Silvana De Mari, ad esempio, hanno tutti esordito con Inchiostro.

Il segreto del successo della rivista fu forse la scelta di essere leggibili e utilizzabili da chiunque, lontani da un atteggiamento accademico con la puzza sotto il naso.

Costruire una credibilità e un consenso così ampio non è stato facile. Gli ingredienti fondamentali sono stati pazienza e costanza.
«All’inizio le case editrici a malapena ci rispondevano quando chiedevamo i loro libri da recensire, oggi la situazione si è ribaltata e riceviamo pacchi di libri. – raccontava Giampiero – Se poi non escono le recensioni, gli editori quasi si offendono. Adesso che abbiamo costruito una nostra identità, anche gli autori che pubblichiamo vengono tenuti in considerazione».

D’altro canto, la qualità delle opere pubblicate è stata continuamente monitorata. Gli scritti sono sempre stati selezionati con cura da un comitato di lettura composto da numerosi professionisti, ognuno dei quali compilava una scheda di valutazione. L’autore poteva chiamare e chiedere di leggere le schede senza alcun costo, sia che la sua storia venisse pubblicata o meno.
Inchiostro si è configurato nel tempo come un gradino intermedio tra autori ed editori, una palestra e al tempo stesso una vetrina per gli scrittori esordienti.

Fin dall'inizio, poi, accanto alla pubblicazione della rivista, Inchiostro ha dato vita a due attività altrettanto importanti per la crescita e il consolidamento del marchio su scala nazionale: la ricerca e selezione di manoscritti inediti da portare fino alla pubblicazione e l'organizzazione di corsi e laboratori di scrittura creativa.

Nel tempo, quindi, la palestra si trasformata in scuola. Accanto all’iniziativa editoriale, infatti, Giampiero Dalle Molle ha portato avanti un’intensa attività didattica, con centinaia di corsi di scrittura creativa, anche nella formula “vacanza/studio” in località turistiche rinomate con insegnanti professionisti di livello nazionale.
Recente è collaborazione con l’università di Verona che si è avvalsa della professionalità di Giampiero come formatore.

Non va dimenticata anche la veste di editore di qualità di Giampiero Dalle Molle, con pochi titoli attentamente selezionati pubblicati ogni anno, e il suo ruolo di promotore culturale. Nel 2006, infatti, creò e realizzò a Verona “Inchiostro, Fiera dei libri”, kermesse letteraria che si svolse per due anni consecutivi nel palazzo della Gran Guardia, con grande partecipazione di editori, ospiti e visitatori. Gli espositori furono entusiasti dell’affluenza di pubblico e le iniziative, come l’asta benefica di libri battuta da Carlo Lucarelli all’auditorium, furono molto apprezzate.

«Se penso che, nel 1995, chi ci voleva più bene era disposto a concedere ad Inchiostro al massimo sei mesi di vita – spiegava Giampiero – il fatto di essere, dopo vent'anni, non soltanto vivi e vegeti, ma con numeri che crescono anno dopo anno, non può che gratificarci enormemente. Viviamo questo traguardo, però, soprattutto come uno sprone per guardare al futuro e continuare a crescere».

Parole che parlano di futuro pronunciate solo qualche settimana fa, piene di entusiasmo, rivelatrici di progetti ambiziosi, e che oggi suonano dolorose.
Ma proprio il dispiacere, l’affetto per l’uomo e il rispetto per la sua creatura ci fanno dire che il sogno continuerà.




>>Leggi tutte le NEWS<<



VISITE: 898