Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [15/12/2019] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    La diversità dell'Italia scadenza 2019-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2019-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
28 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Il cavallino di legno
di Marilia Tortora
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 4927
Media 80.25 %



C'era una volta, in un paese lontano lontano, in una piccola città chiamata Nazareth, un uomo di nome Giuseppe. Voi direte che questa storia la sapete già, ma non è come credete. Quest'uomo faceva il falegname e aveva un'abilità particolare nell'intagliare il legno. Ma la necessità di campare lo costringeva a piegare la sua arte alle esigenze dei più ricchi che gli commissionavano mobili e utensili. Quando però era libero da impegni, dava libero sfogo alla sua creatività creando fantastiche sculture che prendevano vita nella sua piccola bottega riempiendola di luci e colori. Anche Maria, la donna di cui era innamorato, adorava quelle sculture e amava in Giuseppe quella sua capacità di tramutare la realtà in fantasia. Quando era con lui, Maria si sentiva felice, tutto intorno a lei si vestiva di colore e sentiva nascere dentro un entusiasmo per la vita che non aveva mai provato prima. Era convinta che il Signore le aveva regalato il sogno di costruire un esistenza con Giuseppe, e non per caso si erano incontrati. Quel giorno però, quando quell'uomo di luce le era apparso raccontandole che sarebbe diventata madre, Maria si sentiva sconvolta, e per la prima volta ebbe paura di Giuseppe, di leggere nei suoi grandi occhi scuri la delusione e l'incredulità. Ed all'inizio così fu, Giuseppe abbassò lo sguardo e rimase in silenzio. Maria si sentì trafitta da quel silenzio che le si conficcò nel cuore come una pugnalata. Ma troppo grandi erano la fede nel suo Signore e l'amore per Giuseppe per farla disperare e aspettò, aspettò con fiducia il giorno in cui il suo uomo avrebbe capito il Mistero custodito nel suo grembo. Un giorno, quando ormai era giunto il tempo fissato per le nozze, Giuseppe la mandò a chiamare. S'incontrarono in quella bottega, lì dove i sogni prendevano forma e si trasformavano in legno. Lì Giuseppe la tirò a sé e la cinse in un abbraccio e restarono lì, immobili, a raccontarsi tutto il loro amore e a farsi coraggio l'un l'altro. In una mano Giuseppe stringeva un piccolo cavallino di legno che aveva costruito pensando a quel bambino che già sentiva suo. Emanava ancora il profumo del legno fresco, dell'albero più bello che Giuseppe aveva scelto per quel piccolo germoglio che stava crescendo nel ventre di Maria. Quel cavallino diventò il giocattolo preferito del bambino che fu chiamato Gesù. A lui si abbracciava quando le notti diventavano troppo lunghe e buie, quando si sentiva solo e aveva paura. Il profumo del legno gli ricordava suo padre, la sua bottega, le ore passate con lui ad imparare il mestiere del falegname. Anche quando diventò grande e suo padre lo aveva lasciato, quel cavallino accendeva in lui il calore dell'abbraccio di Giuseppe, delle sue grandi mani profumate di legno che lo consolavano quando non riusciva a dare vita al legno come faceva il suo papà. Quando il tempo si compì e giunse la sua ora, Gesù ebbe paura, sentiva il Padre celeste lontano e si sentì abbandonato. Inchiodato al legno della croce, si sentì terribilmente solo, anche Dio sembrava essersi dimenticato di lui. Il dolore era insopportabile e si sentiva venire meno. Reclinò la testa di lato aspettando che la morte prendesse il sopravvento sulla crudeltà degli uomini regalandogli finalmente l'abbraccio del Padre. Un odore forte penetrante, promanava dal legno della croce. Quell'odore sapeva di casa, del pane cucinato da Maria, della bottega di Giuseppe, delle notti trascorse abbracciato al suo cavallino aspettando che arrivasse l' aurora. Così si abbracciò a quella croce e si abbandonò ad essa sicuro che l'aurora lo avrebbe sorpreso addormentato tra le braccia del Padre.

© Marilia Tortora



Recensioni ed articoli relativi a Marilia Tortora

Nessun record trovato

Testi di Marilia Tortora pubblicati su Progetto Babele

(1) Il cavallino di legno di Marilia Tortora - RACCONTO
(2) Il poeta di Marilia Tortora - POESIA



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2011-04-05
VISITE: 6628


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.