Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [19/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2019-07-01    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
32 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

RECENSIONE
Viaggioa Kandahar

FRANCIA/IRAN 2001


Recensione di Francesca Lagomarsini

Viaggio a Kandahar

Titolo originale: Safar e Ghandehar
Nazione: Francia/Iran
Anno: 2001
Genere: Drammatico
Durata:
Regia: Mohsen Makhmalbaf
Cast: Niloufar Pazira, Hassan Tantaï, Sadou Teymouri

L'immagine iniziale è quella di un disco nero su sfondo oro sbiadito, due dischi sovrapposti, quelli di un eclisse vista dai fori del burqa di una donna.
Ci immergiamo subito nel racconto quasi giornalistico di questa donna che si immerge volontariamente nelle ombre del mondo afghano per raggiungere la sorella ed impedirle di togliersi la vita prima dell'ultima eclissi del millennio.
Attraverso il deserto tra Iran ed Afghanistan si compie questo "viaggio di ritorno" irto di pericoli, che costringe la protagonista a nascondere la propria identità e, contemporaneamente, si svolge l'elemento essenzialmente poetico del film: la costante registrazione delle sensazioni, delle voci del deserto e delle persone che incontra durante il viaggio. E' il dialogo immaginario e struggente con la sorella che si intreccia con le aberrazioni della miseria, della fame, delle mutilazioni rilevate durante il cammino a tenere alto il livello del film.
Le immagini mozzafiato del deserto, del cielo infinito che lo avvolge si alternano come episodi di vita, di prigionia fisica e spirituale in cui uomini e donne sono relegati dalla "tradizione".
Si va dal giovane allievo che non riesce a leggere in modo soddisfacente il Corano e viene cacciato dal Mullah suscitando la disperazione della madre già vedova, alla folle corsa dei mutilati verso le protesi paracadutate sul campo della Croce Rossa. La sensazione è che certi episodi volessero essere dipinti dal regista con ironia e sarcasmo ma non sempre l'operazione è riuscita; la sensazione più ricorrente è il disagio, la consapevolezza di assistere ad una farsa fin troppo realistica e soprattutto di essere beffati dal finale.
C'è curiosità verso questo film, lo dimostra la presenza di un pubblico nelle sale numeroso nonostante non si tratti di un film né leggero né divertente.
C'è desiderio di sapere, di calarsi in questa scomoda realtà non più così lontana ma che ormai noi occidentali avvertiamo sulla pelle e quello che risulta più evidente ai nostri occhi sempre più disincantati e che il rispetto per quanto di più sacro abbiamo, la vita, sia spesso per quelle popolazioni un valore calpestato, sop rattutto per i bambini costretti a crescere troppo in fretta. Vivere diventa, quindi, solo sopravvivere e tutto ciò nell'indifferenza altrui e dello splendido deserto afghano…

VISITE: 5716

© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.