Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [19/09/2019] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Mondo Artigiano scadenza 2019-09-20    360 Autori per tutto l’anno scadenza 2019-09-21    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CartaCarbone Festival Letterario Autobiografia e dintorni 2019 | Presentazione della sesa edizione - Treviso, Sabato 21 Settembre 2019, ore 11, Chiesa di San Teonisto (FESTIVAL LETTERARIO 2019-09-21)    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Ritratto di signora in rosso di Bruno Corino     Ore 04.50 Giorno Primo di Consolato Mercuri     Ore 04.50 - Giorno terzo di Consolato Mercuri     Solitudine di Carla Montuschi     Speranze di Maria cristina Piazza    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

ORE PICCOLE
un articolo di Gordiano Lupi


Ricevo il numero dieci di Ore piccole, una delle tante riviste letterarie prodotte con passione in questa Italia di scrittori e di editori dove in pochi leggono e quei pochi che lo fanno non comprano certo riviste letterarie ma Moccia e Faletti. Mi chiedo - come sempre - se abbia un senso occuparsene e scriverci un pezzo, perché se in pochi leggono le riviste letterarie ancora di meno leggeranno un articolo che commenta una rivista letteraria. Lo faccio lo stesso perché non leggo Moccia e Faletti e di loro non mi posso occupare. Da un po' di tempo a questa parte, però, non leggo nemmeno Nove, Pinketts, Covacich, Mozzi, Nori, Scarpa e un sacco di altri scrittori italiani che i critici veri definiscono letteratura, non so perché, mi facevano incazzare e io non leggo per incazzarmi, ma per distrarmi, o al limite per pensare.
Basta con la polemica. Ne ho fatta sin troppa in due interi libri e ho deciso di smettere. Per questo non leggo più chi non mi piace. Solo cose belle, mi sono detto, pure cazzate di tanto in tanto, ma presentate come tali, non travestite da letteratura. Se mi arriva un libro che non mi piace non lo leggo, comincio un paio di capitoli e poi lo butto via, benedetto Pennac che mi ha risolti i problemi di coscienza, meno male che ha scritto Come un romanzo. Altrimenti finisce che leggo cosa vogliono loro e va bene che ai recensori i libri li regalano, ma io non li voglio, preferisco scegliere e leggere cose che amo. Non mi pagano per leggere. Non ancora, almeno. Se un giorno dovesse accadere magari cambierò filosofia, ma per adesso non è così e allora niente best-seller, nessun scrittore sponsorizzato da tv, giornali o Sanguineti (che poi è la stessa cosa, mi pare), pochissimi italiani, razionati come fossero a tessera, ché la maggior parte degli italiani - scusate l'espressione volgare - mi fa cacare (in Toscana cacare si scrive con la c strascicata, ma la c non si pronuncia, mi scuso con i nordici che preferiscono la g dura, ma non la posso mettere, sono di Piombino).
Ho divagato, come sempre. Tornando a bomba, dicevo che ricevo il numero 10 di Ore piccole e lo vedo sin dalla copertina quanta passione ci mette il buon Gabriele Dadati per fare la rivista, quindi non voglio scrivere stroncature, ci mancherebbe altro. Devo dire, però, che trovo quanto meno azzardato affermare che Matteo B. Bianchi è uno scrittore molto amato in Italia, ché se lui è molto amato in Italia io sono uno scrittore molto amato in Corea del Nord, mi sa che il paragone è azzeccato. Matteo B. Bianchi - che io non ho mai saputo cosa voglia dire quella B puntata infilata tra il nome e il cognome, di lui forse è la sola cosa che m'interessa sapere, tutto il resto lo lascio ai Mozzi di turno, a me non me ne può fregare di meno - scrive un racconto che lo vedrei bene pubblicato su Intimità, al limite Grazia o Gioia dei bei tempi, una soap opera femminile che non ci si fa ad arrivare alla fine senza saltare le pagine, comprenderei mio figlio che lo fa pure con Aldo Zelli e Giani Rodari, ma con Matteo B. sarebbe giustificato.
Dadati sostiene che uno dei compiti di Ore piccole è quello di individuare voci giovani che dimostrano di aver intrapreso un cammino originale e infatti nel numero 9 pubblica un ottimo Morozzi che sa fare narrativa dal niente, lui è davvero uno dei più grandi scrittori italiani viventi. Peccato che accanto al bel racconto di Morozzi che ci narra con leggerezza come è diventato scrittore, pubblica un pippa fastidiosa e lunghissima di Francesca Mazzucato che ci racconta i (non richiesti) fatti suoi. Siamo al solito discorso della letteratura ombelicale, unica e poco fantasiosa variante della narrativa italiana contemporanea.
Spigolando trovo il ragazzo prodigio Paolo Di Paolo. Ne dicono tutti bene, chi sono io per parlarne male? Non ne parlerò, anche se qui non pubblica un racconto ma si lascia andare ad amene considerazioni sulla televisione, su Benigni, Ungaretti, gli sceneggiati di una volta e via di questo passo. Di poesia non ne capisco proprio perché ho trovato orribile Made in Italy di Simone Cattaneo, ma è colpa mia che non amo la letteratura italiana contemporanea. Se la legge Sanguineti di sicuro dice che è un capolavoro. E allora mandatela a Sanguineti, così è contento. A me no, per favore. Io non m'intendo di letteratura italiana contemporanea, da un po'di tempo a questa parte leggo solo cubani, mi piacciono di più, li vedo più vicini alle cose che amo. Sono anni che non leggo un numero del Maltese. Fernandel mi dicono che ha chiuso i battenti. Altre riviste non le compro e per fortuna me ne arrivano sempre meno. Leggo Desde Cuba, Generación Y, El Nuevo Mundo, ma gli italiani no, per favore, tanto lo so che mi raccontano l'ombelico e a me non me ne frega niente dei loro tiramenti. Se devo leggere un italiano me lo cerco da solo, voglio che sia fuori dal giro delle solite conventicole, lo voglio puro e underground. Chiedo troppo?

(c) Gordiano Lupi


VISITE: 2388
dal 02/02/2009


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.