© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Contatta il WebMaster help&faq
 
 
PB NEWS:    [06/10/2017] Il 12 Ottobre 2017 chiude i battenti la storica NETEDITOR    [19/07/2017] Lacrime dĺInchiostro    [24/03/2017] L'editore pi¨ povero del mondo parla sul blog "La Casa di Carta"    [25/04/2015] Audio Antologia della Letteratura Italiana Vol. I e Vol. II    [20/10/2017] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    ULTIMI INSERIMENTI SUL SITO AL 20/10/2017    Recensioni     Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati     Amore incompatibile di Francesco Dell┤Olio     Andata e ritorno di Elena Ciurli     L┤anno prossimo a Gerusalemme di AndrŔ Kaminski    Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini    Il parere di PB     Sesso, droga e rococ˛ - Storia del falsetto dai castrati all di Massimo Di Vincenzo     C Ŕ un tempo per gioire, c Ŕ un tempo per patire di Manrico A.G. Mansueti     PapÓ mi presti i soldi che devo lavorare? di Alessia Bottone    Le rose di Eusebia di Claudio Secci    La lama nera di Dario De Judicibus    Articoli e saggi     L┤horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE źemblematico ricostruttore di perdute dimensioni╗.     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 ľ Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dellĺemigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtÓ. Anita Desai e Kamala Markandaya.    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicitÓ di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     NÚmirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     MaternitÓ trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscuritÓ amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Una vita nel mistero (ITALIA 2010) regia di Stefano Simone    Musica     ScimpanzŔ (2015) - Loris Dalý     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix     Tapes (2008) - Alanis Morissette    IL FORUM DI PB    Ultimo topic: As myocarditis mischief anaemias, manuscript. inserito il 2017-10-11 (ultimo aggiornamento 2017-10-11)    Ultimo post: inserito da il 2017-10-11 sul topic As myocarditis mischief anaemias, manuscript.    
 
 
Email
PSWD
CONSIGLI DI LETTURA
Arretrati e copie stampate
PB International
PB Interactive
IN PRIMO PIANO


OnlineUtenti connessi: 10
Utenti collegati in chat 0

Dal 01/01/2003
questo sito ha generato
96.665.138
esposizioni

 
     

La donna di vapore di Carlos Ruiz Zaf˛n
traduzione a cura di Alice Gerratana
Pubblicato su SITO



VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 13056
Media 79.75 %

Non lo confessai mai a nessuno ma ottenni l’appartamento per puro miracolo. Laura, che baciava come una ballerina di tango, lavorava come segretaria per l’amministratore delle proprietà nel secondo appartamento del primo piano. La conobbi una notte di luglio in cui il cielo ardeva del vapore della disperazione. Io dormivo, esposto alle intemperie, su una panchina della piazza, quando mi svegliò lo sfregare di due labbra. “Hai bisogno di un posto in cui stare?” Laura mi guidò fino al portone. L’edificio era uno di quei mausolei verticali che rendono affascinante la città vecchia, un labirinto di gargoyle e rattoppi sul cui ingresso si leggeva 1866. La seguii su per le scale, quasi a tentoni. Ad ogni nostro passo, l’edificio scricchiolava come una vecchia barca. Laura non mi chiese né nome né referenze. Meglio così, perché in carcere non ti danno né l’uno né l’altra. L’attico aveva le stesse dimensioni della mia cella, una stanza sospesa tra una tundra di tetti. “Me lo prendo”, dissi. A dire la verità, dopo tre anni di prigione, avevo perso il senso dell’olfatto e le voci che trasudavano dai muri non erano una novità. Laura saliva quasi tutte le notti. La sua pelle fredda e il suo alito di vapore erano le uniche cose che non bruciavano in quell’estate infernale. Al mattino, Laura svaniva giù per le scale, in silenzio. Durante il giorno io ne approfittavo per dormicchiare. I vicini di casa mostravano quella mite gentilezza che la miseria conferisce. Contai sei famiglie, tutte con bambini e anziani che odoravano di fuliggine e terra smossa. Il mio preferito era don Florián, che viveva proprio sotto la mia stanza e dipingeva bambole su ordinazione. Passarono settimane senza che uscissi dall’edificio. Le ragnatele formavano arabeschi sulla mia porta. Donna Luisa, quella del terzo piano, mi portava sempre qualcosa da mangiare. Don Florián mi prestava vecchie riviste e mi sfidava a domino. I bambini della scala mi invitavano a giocare a nascondino. Per la prima volta nella vita mi sentivo il benvenuto, quasi amato. A mezzanotte, Laura mi portava i suoi diciannove anni avvolti nella seta bianca e si lasciava possedere come se fosse l’ultima volta. L’amavo fino all’alba, rifacendomi, con il suo corpo, di quanto la vita mi aveva rubato. Poi sognavo in bianco e nero, come i cani e i maledetti. Anche agli avanzi della vita, come me, viene concessa un’ombra di felicità in questo mondo. Quella, fu la mia estate. Quando arrivarono quelli del comune a fine agosto li scambiai per poliziotti. L’ingegnere addetto alle demolizioni mi disse che non aveva nulla contro gli abusivi però, dispiacendosi molto della cosa, dovevano far esplodere l’edificio. “Ci deve essere un errore”, dissi. Tutti i capitoli della mia vita cominciano con questa frase. Corsi su per le scale fino all’ufficio dell’amministratore delle proprietà per cercare Laura. Tutto ciò che trovai furono un appendiabiti e mezzo palmo di polvere. Salii a casa di don Florián. Cinquanta bambole senza occhi marcivano nell’oscurità. Perlustrai l’edificio in cerca di qualche vicino. Corridoi di silenzio stavano ammucchiati sotto le macerie. “Questo stabile è chiuso dal 1939, giovane – mi informò l’ingegnere. La bomba che ne uccise gli abitanti, ha danneggiato la struttura in modo irreparabile”. Volarono parole grosse. Credo che lo spinsi giù per le scale. Questa volta il giudice non si pose limiti. I vecchi compagni mi avevano conservato un letto: “Tanto torni sempre”. Hernán, l’addetto alla biblioteca, mi trovò il ritaglio di giornale con la notizia del bombardamento. Nella foto i corpi sono allineati dentro casse di pino, sfigurati dai frammenti di bomba ma riconoscibili. Un sudario di sangue ricopre i sampietrini. Laura veste di bianco, le mani sul petto scoperto. Sono già passati due anni, ma in carcere si vive o si muore di ricordi. I secondini si credono molto furbi, ma lei sa come prendersi gioco dei controlli. A mezzanotte, le sue labbra mi svegliano. Mi porta il ricordo di don Florián e degli altri. “Mi amerai sempre, vero?”, chiede la mia Laura. Ed io le rispondo di sì.

(Nota della redazione: Quanto sopra costituisce un puro esercizio di traduzione, si tratta di un frammento di opera edita inferiore al 10% del totale e quindi la diffusione no-profit è consentita. Per correttezza, abbiamo comunque cercato di metterci in contatto con l'autore e/o con il suo editore italiano per ottenere l'autorizzazione alla pubblicazione ma, ad oggi, non abbiamo avuto risposta).

Carlos Ruiz Zafón (Barcellona, 25 settembre 1964) è uno scrittore spagnolo.
Autore di libri per ragazzi (Il principe della nebbia), esordisce nella narrativa per adulti col suo quinto romanzo, L'ombra del vento (Planeta, 2002 - Mondadori, 2004), che, uscito in sordina in Spagna, ha conquistato col passaparola il vertice delle classifiche letterarie europee, diventando un vero e proprio fenomeno letterario. Vive dal 1993 a Los Angeles, dov'è impegnato nell'attività di sceneggiatore. Collabora regolarmente con le pagine culturali di "El País" e "La Vanguardia". (Fonte WIKIPEDIA)

Autore: vapore di Carlos Ruiz Zaf˛n
Traduzione a cura di Alice Gerratana



Recensioni ed articoli relativi a vapore di Carlos Ruiz Zaf˛n

(1) La donna di vapore di Carlos Ruiz Zaf˛n trad.di Alice Gerratana - TRADUZIONE

Recensioni ed articoli relativi a Alice Gerratana

Nessun record trovato

Testi di Alice Gerratana pubblicati su Progetto Babele

(1) Il visitatore di Evelin di Mary Elizabeth Braddon (1862) trad.di Alice Gerratana - TRADUZIONE
(2) La donna di vapore di Carlos Ruiz Zaf˛n trad.di Alice Gerratana - TRADUZIONE


>>ARCHIVIO TRADUZION

>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2007-12-05
VISITE: 22219