Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    La biblioteca più alta del mondo (forse) (01/05/2018)    [21/10/2018] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Un Museo senza pareti. Alla scoperta degli Ecomusei del Trentino scadenza 2018-10-26    Il Prete Bambino scadenza 2018-10-30    Socc'mel...che viaggio! scadenza 2018-10-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Capelli struggenti di Franz Krauspenhaar     L’incredibile vicenda che portò Jack Lanarco a salvare l’iperspazio da fine certa di Vincenzo Trama     Polaroid di Davide Rocco Colacrai     Ce sto io … poi ce sta De Niro - Mario Brega Biografia di Ezio Cardarelli     Breve inventario di un’assenza di Michele Paoletti    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
31 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
8 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Il calice di Verlaine di Emilio Carrère
traduzione a cura di Maria pina Iannuzzi
Pubblicato su SITO



VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 18406
Media 79.8 %

Paul Verlaine aveva una sete fatale, una sete mostruosa e suicida, e fu un gran bevitore fino alla morte. A volte sentiva la voce di una sirena favolosa nel fondo glauco dell’assenzio. L’usignolo insolente andava al caffè D'Harcourt e beveva, beveva… Le pagine attendevano in una cartellina, insieme al calamaio brutto, secco, lustro del caffè. L’angolo era un morbido ristagno malinconico nel trionfo di luce e suoni di una folle Parigi.
A volte, con l’orrido calamaio e la penna ossidata, guardando alla folla più ciarliera, Verlaine scriveva una poesia meravigliosa. Quasi mai riusciva a pagare il suo assenzio. Quando arrivavano ammiratori, amici, il poeta, tristemente sbronzo, chiedeva soldi. Poi, a notte fonda, nelle taverne di vagabondi e meretrici, nell’ora della fatica dell’amore di strada, Verlaine scagliava le monete che aveva chiesto, come una pioggia d’oro, alla dolorante marmaglia. Allo stesso modo, i suoi versi erano una pioggia di stelle sulla folla che urlava e lo offendeva vedendolo passare ubriaco al proprio lato.
Nel suo quartiere aveva una grottesca popolarità. Era un vecchio matto, ubriaco e mal vestito, e scagliava denaro ai bambini che sbeffeggiavano la sua strana prodigalità e gli tiravano pietre. Quando morì, le comari fecero grandi smorfie, vedendo arrivare macchine blasonate e fulgenti uniformi. Credevano che il loro vicino fosse un mendicante bizzarro.
E anche spiritualmente era poco conosciuto:

Car elle me comprend et mon cœur transparent pour elle seule, hélas, cesse d'être un problème.

Per quella sconosciuta, bionda o bruna o rossa, il suo cuore trasparente cessò di essere un problema, per lei sola… ma lei non è mai esistita. Per i suoi contemporanei - ad eccezione di pochi nobili di spirito - fu un grande poeta che aveva un difetto, si ubriacava e conduceva una vita assurda: Dissipò le sue felici doti naturali che avrebbe potuto sviluppare per il bene della sua opera e della sua reputazione facendo una vita più metodica.
Conosco personalmente lo sconosciuto idiota che scrisse questa frase. È una sorta di imbecille, di quelli che abbondano in ogni luogo: l’imbecille cosmopolita. Poe lo soffrì in nord America; Verlaine a Parigi e in Spagna, sono molti gli spiriti di artisti che non si adattarono alla torbida stupidità dell’ambiente circostante. È l’idea dell’imbecille sensato, valga l’orribile paradosso.
E che cosa avrebbe dovuto fare di più Verlaine secondo l’imbecille discreto, l’imbecille metodico, l’imbecille del senso comune? Quasi dieci volumi incomparabili, unici, scritti dal vecchio poeta maledetto nei caffè, nelle taverne, forse nei suoi lunghi periodi in ospedale che il Pauvre Lelian definiva il suo palazzo d’inverno. Il mantello da mendicante di Verlaine è oggi la bandiera della Francia spirituale. Unto dalla gloria. Vetta ricoperta d'oro dall’immortalità.
Queste glorie postume sono solitamente sarcastiche. Servono per arricchire l’editore; più amaro al contrario che il poeta abbia trascorso una vita disastrosa. È l’eterna tragicommedia lacerante.
Verlaine aveva una sete fatale che non si saziava mai… Fu forse per questo un originalissimo ed elevato poeta? Pedro Luis de Gálvez crede di sì e forse ha ragione questo ammirevole ingegno, questo eccellente poeta, odiato, disdegnato, assurdo, fantastico, che girovaga per le strade, ubriaco e triste, all’assalto di poche monete di rame roso, in questo miserabile paese di spiccioli. Pedro Luis porta una fatalità misteriosa sulla sua testa.
Non esiste poeta che, come Verlaine, sia stato unto dalla grazia lirica. Possedeva un’emozione unica e una magia particolare nell’incastonare le parole in armoniose collane di divine sfumature crepuscolari. Si può dire, senza iperbole, che fu uno stregone delle rime, delle ineffabili parole musicali, lì versava la sua anima mistica e pagana, fervida, peccatrice, universale. Povero Verlaine, mendicante, ubriaco e solitario! Di quale siderale armonia era ricolmo il tuo triste cuore, simile ad un vermicaio di peccati mortali?
Quale enorme catastrofe dell’anima generò in te quella grande sete, mostruosa e suicida? Una fascinosa sirena cantava nel fondo del bicchiere e tu non volevi sentire altro che la voce avvelenata della funesta Lorelei. E lì ti aspettava la Morte, la marionetta scarna, tutta biancore e piroette, come la Colombina delle tue Fêtes Galantes.

Colombine rêve surprise
d'écouter un cœur dans la brise
et de sentir dans son cœur voix.

Anche tu sentivi voci miracolose nel cuore quando scolpivi i tuoi versi con la penna calata nel piccolo e orrido calamaio del caffè bohemien. Oh, povero, maledetto e solitario! Al tuo fianco passava il trionfo della città, sirena di Lutezia, folle, senza un sorriso affettuoso per il divino poeta che con un umorismo capace di gelare le ossa chiamava l’ospedale il suo palazzo d’inverno, del tremendo inverno parigino. Forse il genio è la compensazione della miseria e della disgrazia,

que ser feliz y artista no lo permite Dios,

come, con felice e amara lucidità, ha scritto Manuel Machado. Essere un grande poeta equivale, ad essere un grande sventurato. Mercurio conserva l’oro nella cassa del suo retrobottega. L’amore delle donne belle, l’ammirazione dei più è in Spagna per quei fantocci commoventi vestiti d’oro che sanno sorridere quando la Morte gli accarezza le frange. Forse arriva la gloria per gli artisti… ma dopo morti. E’ un crudele scherzo del Destino.
Calice di verde e velenoso liquore, dove la sirena del genio seppe cantare per Verlaine! Forse nel fondo del bicchiere sta il dolce talismano che incanta la vita! Ebbri d’amore, di virtù o di vino. Attenti a restare sempre ebbri, disse il tragico Baudelaire nel sentire l’enorme vuoto della sua esistenza, che fu celebrata… solo dopo, quando una vita nera e una morte da cani lo lanciarono verso l’eternità come uno straccio molto glorioso, ma altrettanto frantumato e ricolmo di dolore.

Emilio Carrère "La copa de Verlaine", Madrid 1918
(Verlaine visto attraverso gli occhi e la passione decadente di Emilio Carrère).

Autore: Verlaine di Emilio Carrère
Traduzione a cura di Maria pina Iannuzzi



Recensioni ed articoli relativi a Verlaine di Emilio Carrère

(1) Il calice di Verlaine di Emilio Carrère trad.di Maria pina Iannuzzi - TRADUZIONE

Recensioni ed articoli relativi a Maria pina Iannuzzi

Nessun record trovato

Testi di Maria pina Iannuzzi pubblicati su Progetto Babele

(1) Il calice di Verlaine di Emilio Carrère trad.di Maria pina Iannuzzi - TRADUZIONE
(2) Ancora una primavera di Aloysius Bertrand (1807-1841) trad.di Maria pina Iannuzzi - TRADUZIONE
(3) Eduardo Halfon tra il sorprendente e il quotidiano a cura di Maria pina Iannuzzi - ARTICOLO
(4) Il giornalista ed il suo merito letterario di Rubén Darío trad.di Maria pina Iannuzzi - TRADUZIONE
(5) Blas de Otero: una vita alla ricerca di Dio a cura di Maria pina Iannuzzi - ARTICOLO


>>ARCHIVIO TRADUZION

>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2010-06-21
VISITE: 29579


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.