Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [23/04/2019] 16 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Passioni, desideri, tentazioni, fra realtà e fantasia. scadenza 2019-04-23    SCENICCHIA UNA SEGA #2 PRATICAMENTE UN CONCORSO LETTERARIO scadenza 2019-04-26    La Farnia d'Oro In terra nostra scripta apparuerunt scadenza 2019-04-30    Il Prete Bambino scadenza 2019-04-30    Premio drammaturgico per testi a tematica gay scadenza 2019-04-30    La tecnologia è magia? scadenza 2019-04-30    L’Ebbrezza della vita scadenza 2019-04-30    Città di Latina scadenza 2019-04-30    Onigo Mura bastia scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Tra Secchia e Panaro scadenza 2019-04-30    Il Sogno del Poeta scadenza 2019-04-30    OCEANO DI CARTA scadenza 2019-04-30    Nuova Scrittura Ermetica 2019 scadenza 2019-04-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
56 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
4 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Autore


Wang Shuo


Da La ferocia degli animali
di Wang Shuo
Trad. a cura di Melinda Brindicci

Apparsa per la prima volta su PB Dodici DICEMBRE 2004

"Non ricordo bene che giorno fosse, mi pare fosse il giorno della festa nazionale o forse il giorno delle manifestazioni e delle proteste. Io partecipai con tutta la scuola ad una visita della città, a farci da scorta c'era una guida turistica militare; con una bandierina di carta fra le mani seguivamo tutti i il professore che intonava slogan.
Quel giorno in tutta la città tutte le istituzioni e tutte le scuole si organizzarono per le strade, dappertutto si potevano vedere bandierine rosse e sentire slogan intonare. Ad ogni incrocio si vedevano numerosissimi membri del contingente militare marciare in modo ordinato e preciso, anch'essi intonando uno slogan. Alcuni operai ben organizzati tiravano fuori dal carretto a tre ruote un gran tamburo.
In queste manifestazioni ci si stanca tanto, e bisogna camminare un bel po' per arrivare alla piazza centrale, girarle attorno e ritornare finalmente all'università.
Quel giorno a Tian'an men non ci fu nessun leader ad accoglierci, solo una grande lanterna rossa e una ringhiera bianca nient'altro.
Facemmo il giro della piazza intonando uno slogan, mentre gli altri gruppi riprendevano la via centrale per ritirarsi.
Sulla via del ritorno eravamo tutti ammutoliti dalla stanchezza, il sole era ancora molto forte, tanto che anche gli slogan chiari e forti del professore di educazione fisica davanti al gruppo, iniziavano pian piano a diventare sempre più silenziosi. Tutti noi camminavamo per inerzia e ogni tanto scambiavamo qualche parola, ma alla vista della signora che vendeva i ghiaccioli ci affrettammo tutti a comprarne uno per raggiungere poi di nuovo la guida militare che ci accompagnava.
Le strade quel pomeriggio sembravano abbandonate, lavoratori, studenti e militari riprendevano la via del ritorno e gli slogan che avevano animatamente animato le vie non si sentivano più, nessuno più aveva la forza di parlare.
Una decina di persone che indossavano l'abito militare e le scarpe di pezza cinesi erano sedute sulle biciclette ad un incrocio davanti alla stazione della polizia, con le mani nelle mani e una sigaretta in bocca, chiacchieravano animatamente attirando con sfida lo sguardo della gente.
Quando noi studenti passammo dinanzi a loro, ci guardarono con superiorità e disprezzo, facendo preoccupare un pò i più rispettosi fra gli studenti, mentre i professori fecero finta di averli notati.
Erano i miei vecchi amici, ex compagni di classe, proprio quelli che mia madre mi proibiva di vedere.
Gao Yang fu il primo a vedermi, mi sorrise e mi chiamò e tutti gli altri si girarono a guardarmi e sorridendomi gridarono:
"Che noia che sei!"
Io spontaneamente mi allontanai dal gruppo della scuola e andai verso di loro con un cero orgoglio. Molti dei miei compagni di classe mi guardarono, ma richiamati dai professori proseguirono il cammino verso la scuola.
Xu Xun mi passò subito una sigaretta "Hengda", io in piedi dinanzi a loro cominciai a fumare, con fierezza osservavo i militari che sfilavano al mio fianco e in un attimo provai un senso di grandezza e superiorità.
Loro intanto parlavano di donne, un tema nuovo. Prima, quando io ero nel gruppo con loro si parlava solo di con chi fare a pugni, era l'unico argomento d'interesse. In quel periodo se c'era chi parlava di qualunque cosa che avesse relazione con le ragazze, non solo veniva minacciato all'istante, ma veniva anche attaccato unanimemente dal gruppo, noi eravamo convinti che questo fosse il ruolo e l'onore dei veri eroi. Era oramai da due mesi che non stavo più col gruppo, e vedevo che quando loro parlavano di donne lo facevano senza pudore e con indifferenza, quasi come esperti di belle prede. Così sembrava dalle loro parole. Capì quindi che in questo periodo avevano conosciuto un po' di persone, e non mancavano nomi noti nel gruppo, non solo mi presentarono alcuni ragazzi potenti, ma avevano anche rapporti con alcune ragazze.
In quel momento provai la solitudine e il dolore di essere fuori dal gruppo, di essere rimasto solo.

Wang Shuo da "La ferocia degli animali"
Trad. a cura di Melinda Brindicci

 

VISITE: 8778

 



© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.