Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Collabora con PB Cos'è PB?
TeleScrivente:    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    La biblioteca più alta del mondo (forse) (01/05/2018)    Lo stagno dei caimani - ritrovato il racconto perduto di Salgari (12/04/2018)    Il 12 Ottobre 2017 chiude i battenti la storica NETEDITOR (06/10/2017)    [20/09/2018] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    BANDO PER SCRITTORI / I Premio Letterario Vittorio Stagnani - Bando Bibart 2018/2019 scadenza 2018-09-20    Mondo Artigiano scadenza 2018-09-21    Premio Letterario Internazionale L'Arcobaleno della Vita scadenza 2018-09-22    Fiori d’Inverno scadenza 2018-09-29    Racconti tra le nuvole scadenza 2018-09-30    Premio Poesia dell'Anno scadenza 2018-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Biennale Arte Contemporanea Viterbo - 5a edizione (NOSCELTA 2018-09-30)    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    RECENSIONI     Polaroid di Davide Rocco Colacrai     Ce sto io … poi ce sta De Niro - Mario Brega Biografia di Ezio Cardarelli     Breve inventario di un’assenza di Michele Paoletti     Coraline di Neil Gaiman Adattato e ilustrato da P. Craig Russell     A Sud dell’Alameda - Diario di un’occupazione di Lola Larra e Vicente Reinamontes    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
Angolo di SImone
La Rivista
PB numero 19
Scarica gratuitamente PB
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
25 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
11 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Ernest Hemingway (1898-1961)
a cura di Giampaolo Giampaoli
Pubblicato su PB19



VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 19201
Media 183.86 %



Biografie

Ernest Hemingway nasce da una famiglia protestante il 21 luglio del 1898 nell'Illinois ad Oak Park, una località non troppo distante dalla città di Chicago. Durante l'infanzia compie lunghe esplorazioni in compagnia del padre, che talvolta si spinge per il suo lavoro fino alla zona dei Grandi Laghi; in questi soggiorni lontano da casa, il dottor Hemingway presta servizio sanitario presso le riserve indiane. Il contatto con una natura viva e selvaggia ispira nell'animo del piccolo Ernest quella irriducibile passione per l'avventura, che si riverserà costantemente in ogni sua opera letteraria.
Il futuro narratore, però, non gode solo di un ottimo rapporto con il padre, ma è molto legato anche al fratello Leicester, che diverrà il suo miglior biografo. Difficile e caratterizzato da incomprensione, invece, è il rapporto con la madre che, lungi dal rappresentare motivo di insicurezza e debolezza, contribuisce ad alimentare il carattere insofferente verso ogni imposizione del piccolo Ernest.
Appena diplomato, Hemingway inizia la sua carriera giornalistica presso il Kansas City Star, un quotidiano che si caratterizza per l'adozione di un linguaggio diretto e moderno. Le lunghe esperienze di cronista compiute in tutto il mondo contribuiranno ad accrescere il suo interesse verso la lingua parlata, per l'elaborazione di un modello letterario finalizzato alla rappresentazione dei molteplici aspetti della realtà.
Con la Grande Guerra parte per l'Europa. Un difetto alla vista gli preclude l'accesso ai reparti combattenti, ma il giovane scrittore non ha assolutamente intenzione di evitare una partecipazione diretta al conflitto, così entra a far del servizio di ambulanza sul fronte italiano. Nei momenti di emergenza, addirittura, escogita l'espediente di portare i medicinali ai feriti in trincea avvalendosi di una bicicletta. L'assiduo impegno di soccorso, compiuto nel totale sprezzo del pericolo, costa ad Hemingway il ricovero in infermeria per una ferita ad un occhio; qui conosce Agnes Von Kurowski, bella e affettuosa infermiera, che ricambia la sua passione amorosa, ma rifiuta di sposarlo facendolo soffrire. Alla fine del conflitto mondiale il giovane giornalista viene decorato per il suo coraggio con la Croce di Guerra Americana e con la Medaglia d'Argento Italiana.
La lunga e sofferta esperienza nel primo conflitto mondiale si riversa in "Addio alle armi", che viene scritto e pubblicato successivamente nel 1929. Nell'opera, dove un Hemingway ormai maturo rivisita la sua gioventù di soldato, emerge l'avvicendarsi dei fatti reali raccontanti con un'intensità espressiva, che rispecchia la profondità dell'esperienza compiuta dall'autore. C'è l'interesse a riportare vicende di vita vissuta non solo attraverso l'ordinario succedersi degli avvenimenti, ma anche adottando una scrittura capace di trasmettere nel lettore le sensazioni provate. Sopra ogni ideale civile e morale, si pone l'amore infelice per la bella infermiera.  
Tornato nell'Illinois, la deludente vita di reduce di guerra e ulteriori contrasti con la madre, spingono Hemingway ad abbracciare definitivamente la carriera giornalistica. Nel 1919 lavora come inviato al Toronto Star e sposa la prima moglie Hadley Richardson, in compagnia della quale parte per la Francia con lo scopo di realizzare una serie di servizi sulla società europea. A Parigi stringe contatti con autori che influiranno in modo positivo sulla sua formazione artistica: tra questi il poeta Ezra Paund, James Joyce e Scott Fitzgerald. Con il Trattato di Losanna, che mette fine alla guerra tra Grecia e Turchia, il giovane scrittore ha l'occasione di intervistare Benito Mussolini, ma nel suo articolo realizza un ritratto negativo e sferzante del futuro dittatore.
Nel 1923 viene dato alle stampe il primo libro di Hemingway dal titolo "Tre racconti e dieci poesie", dove vengono raccolti alcuni lavori compiuti negli anni precedenti, ma ben più significativa risulta la successiva raccolta delle diciotto prose lirico narrative  "Nel nostro tempo". Sono scritti brevi ma intensi, capaci di trasmettere una notevole sensibilità; è la sensibilità avvertita dall'autore per le persone e gli oggetti che avevano caratterizzato la sua fanciullezza. È invece datato 1926 il primo capolavoro, il romanzo "Fiesta", ritratto di una società prossima al declino, che suscita aspre polemiche, ma contemporaneamente porta notorietà allo scrittore esordiente.
L'opera riassume le impressioni maturate sulla società spagnola, conosciuta a fondo attraverso due viaggi, il primo in compagna dell'editore Mc Almon e poi con la moglie a Pamplona, antica capitale della Navarra. L'autore rimane a tal punto affascinato dalla corrida, da voler incentrare la sua opera sull'affascinante spettacolo; addirittura chiamerà il futuro figlio con il nome di un noto torero, Nicanor di Villalta, conosciuto di persona e apprezzato per  la piacevole compagnia. Da tale straordinario personaggio Hemingway si fa raccontare varie imprese di tori e di toreri, riassunte successivamente con la sua scrittura, che mantiene quei caratteri di immediatezza e realismo già presenti ne "Il nostro tempo".
Il 1929 è l'anno di "Addio alle armi"; il romanzo viene tradotto e letto in varie lingue, ma non conosce diffusione paradossalmente proprio in Italia, il paese dove si svolgono le vicende narrate. La censura del regime fascista, infatti, depenna l'opera solo per i rimandi in essa contenuti alla disfatta di Caporetto, un evento che Mussolini voleva assurdamente cancellare dagli "annali" della storia del suo paese.
Nei primi anni trenta Hemingway si avvicina ad un rinnovato impegno di carattere politico e  sociale; biasima le contraddizioni insite nella società borghese statunitense, esternando il suo giudizio negativo solo dopo un'attenta analisi realistica. Il disprezzo per l'era della tecnologia e dei consumi è presente anche in "Avere e non avere", opera data alle stampe nel 1937, dove si riassumono le ideologie maturate mediante la lunga riflessione. Lo stesso anno lo scrittore americano torna in Spagna per la guerra civile, dove conosce la terza moglie, la giornalista Martha Gellhorn. Il conflitto tra fascisti e comunisti, che si risolverà a favore del dittatore Franco, rappresenta un ulteriore stimolo per Hemingway, che continua a  riflettere sulla realtà della guerra e sulle sue dure conseguenze. Di questo periodo è l'interessante racconto "Il vecchio e il ponte", dove si parla della sofferenza dell'uomo comune, che non comprende i grandi ideali per cui viene combattuta un conflitto.
Conclusa anche questa esperienza, l'ormai noto narratore si trasferisce a Cuba e nel 1939 scrive buona parte di "Per chi suona la campana". Il romanzo, come un po' tutte le sue opere, alla sua comparsa nelle librerie alterna vendite notevoli a critiche e giudizi pesanti da parte dei lettori più attenti.
Si compone di cinquecento pagine; un'opera di dimensioni considerevoli, ma in cui vengono narrati solo gli ultimi tre giorni della vita del protagonista, il sostenitore del fronte popolare Robert Jordan. Questi desidera un'esperienza esistenziale totale, aspirazione che si contrappone all'immobilismo a cui lo costringe l'impresa che deve portare a termine: far saltare il ponte d'acciaio. La varietà delle sensazioni che il giovane eroe avverte è notevole ed è questo l'aspetto più interessante della sua personalità; tra i sentimenti prevale, però, il profondo amore nato e vissuto in poco tempo per la compagna Maria. Sul finale la disfatta dell'esercito repubblicano stabilirà la fine non solo della vita di Jordan, ma anche di tutti gli ideali che egli ha provato a difendere.        
Con il dicembre del 1941 e i fatti di Pearl Harbor, Hemingway attrezza il suo battello per il pattugliamento antisommergibile; non teme il confronto diretto con le forze nemiche, lo spirito dedito all'avventura in lui ha costantemente il sopravvento sulla piatta razionalità. Come Jordan, anche Ernest deve vivere la sua vita intensamente. Successivamente partecipa in qualità di inviato di guerra allo sbarco in Normandia e alla liberazione della Francia; sono imprese che consolidano la sua attività di giornalista attento agli avvenimenti bellici, avventure che si ricollegano alle esperienze compiute in gioventù, durante il primo conflitto mondiale.
È del 1946 il terzo divorzio, a cui segue il matrimonio con la quarta moglie Mary Welsh, poi nel 1953 Hemingway riceve il premio Pulitzer per "Il vecchio e il mare", mentre l'anno successivo gli arriva il Nobel. Quest'ultimo romanzo, osannato alla sua comparsa nelle librerie, sarà successivamente biasimato da alcuni critici: infatti, per la sua brevità rappresenterebbe più un assaggio di letteratura, che letteratura vera e propria. Con tutto ciò, non si può sottovalutare che ne "Il vecchio e il mare" l'autore porta il suo modello narrativo alla piena maturità. Nella lotta del pescatore contro il colossale pesce e nella successiva perdita della preda, si ravvisa il rapporto secolare di odio e amore che l'uomo vive con l'ambiente. Un romanzo di vita vissuta, perché solo un pescatore come Hemingway avrebbe potuto comunicare in modo talmente particolareggiato le sensazioni avvertite dal protagonista, le sensazioni di un uomo a confronto con il mare.
L'impegno nel raccontare in "Festa Mobile", che uscirà postumo, la sua gioventù trascorsa a Parigi, coincide con le prime crisi depressive di cui è vittima lo scrittore americano; siamo alla fine degli anni cinquanta e il tumore che porta in corpo lo consuma lentamente, giorno dopo giorno. Chi ha vissuto l'esistenza in modo assoluto, apprezzandone ogni sfaccettatura, per poi narrarla agli altri cercando di comunicare la grandezza insita nella totalità di pensiero e di azione, non può accettare una morte che sopraggiunge gradualmente, ma inesorabile. Ernest Hemingway si suicida il 2 luglio 1961, sparandosi con un fucile mentre la moglie saliva le scale del pianerottolo per rincasare.

© Giampaolo Giampaoli


Recensioni ed articoli relativi a Ernest Hemingway

(1) Eduardo Halfon tra il sorprendente e il quotidiano a cura di Maria pina Iannuzzi - ARTICOLO
(2) Da D'Annunzio a Pirandello di Mario Puccini - RECENSIONE
(3) Hemingway, Ernest(1898-1961) a cura di Giampaolo Giampaoli - BIOGRAFIA
(4) Un posto pulito, illuminato bene di Ernest Hemingway trad.di Marco Roberto Capelli - TRADUZIONE

Testi di Ernest Hemingway pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato


Testi di Giampaolo Giampaoli pubblicati su Progetto Babele

(1) Shakespeare, William di Giampaolo Giampaoli - BIOGRAFIA
(2) Wolf, Virginia di Giampaolo Giampaoli - BIOGRAFIA
(3) Lucca Comics & Games 2014 un mondo di personaggi e giochi fantastici a cura di Giampaolo Giampaoli - ARTICOLO
(4) La vampira di Giampaolo Giampaoli - RACCONTO
(5) Hemingway, Ernest(1898-1961) a cura di Giampaolo Giampaoli - BIOGRAFIA
(6) Dietro i tuoi sentimenti di Giampaolo Giampaoli - POESIA
(7) Gocce cadono nel mare di Giampaolo Giampaoli - POESIA
(8) Il potere della letteratura di Giampaolo Giampaoli - RACCONTO
(9) Addio; Breve pensiero di Giampaolo Giampaoli - POESIA


>>ARCHIVIO BIOGRAFIE
>> Vecchio archivio (134 biografie)





dal 2008-09-14
VISITE: 38519


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.