Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [22/09/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Identità riservata di Cinzia Baldini     Punti di vista di Gaia Borella     Come una madre di Maria cristina Piazza     Mio figlio e Bukowski di Massimo Martinelli     Un Brandello di storia di Alessio Salerno    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
2 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
5 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Edvino Ugolini

DA TRIESTE A BAGDAD


La missione di "Aiutiamoli a Vivere" ha coinvolto in una esperienza comune di solidarietà varie persone provenienti da ambienti diversi. Dal sacerdote no-global don Vitaliano della Sala al pediatra triestino Marino Andolina, dal Manifesto all'Arena di Verona, dal poeta Edvino Ugolini alla cantante rock Gianna Nannini. E da collante fungeva il presidente dell'Associazione Tusio de Iuliis che ringrazio vivamente per avermi offerto la possibilità di fare questa esperienza.

L'impatto con un paese reduce da una breve ma devastante guerra, portata avanti da un esercito militarmente e tecnicamente di gran lunga superiore a quello iracheno, sulla pelle di un popolo già stremato da dodici anni di embargo, non è facile da descrivere. Innanzitutto la scena irreale di un paesaggio seminato da carcasse di veicoli militari e non di ogni tipo. La notte passata all'addiaccio perché non è consigliabile girare di notte, a detta della nostra guida, ma poi alla luce del giorno ti trovi davanti a bambini sorridenti e gente che tutto sembra meno dei briganti. L'entrata a Baghdad è stata accompagnata da un caos infernale di traffico urbano. Tutte le macchine sembravano alla ricerca di qualcosa che sfuggiva alla nostra comprensione. Poi le lunghe file davanti alle pompe di benzina.

La benzina c'è ma le pompe scarseggiano, per cui tutti a caccia del liquido prezioso che viene anche venduto ai lati delle strade in taniche di fortuna. Il litro costa ancora venti dinari iracheni, un centesimo di euro circa, ma chissà per quanto ancora. Ogni tanto si affaccia sulla strada un venditore ambulante, poche cose essenziali. Si nota la pochezza di un'economia ridotta all'osso dall'embargo e dalla guerra. Arriviamo all'albergo Palestine, dimora dei giornalisti di tutto il mondo, intenti a descrivere una guerra senza storia, protetti dai carri armati americani che non fanno entrare gli estranei. Noi alloggiamo in un albergo più piccolo nelle vicinanze, sempre però all'interno dell'isola felice. Subito facciamo una ricognizione per le vie del centro. Negozi chiusi dappertutto, molto traffico e anche molta gente per le strade.

Tutti ci guardano con l'aria interrogativa tra lo stupore e la diffidenza. Qualcuno ci chiede da dove veniamo e alla risposta "From Italy" i volti si illuminano con un sorriso. Non uno dei palazzi che ospitavano uffici e ministeri è rimasto illeso.
Alcuni portano i segni delle bombe, altri sono semplicemente incendiati dall'interno.

Dopo due ore di vagabondaggio attraverso la città assistiamo ad una delle tante scene di ordinaria prassi che ha imposto le sue regole in questi giorni di caos generalizzato. Un carro armato sta stazionando davanti ad una banca e dopo alcuni minuti escono dei militari americani che scortano e poi fanno sdraiare a terra alcuni giovani iracheni sotto la minaccia delle armi. La folla si stringe minacciosamente intorno ai militari e allora parte una coltre fumogena dal carro armato, una via di mezzo tra gas lacrimogeno e fumo bianco. Ci allontaniamo, mentre i militari trascinano i fermati all'interno dell'edificio. Purtroppo non ho con me la videocamera per filmare la scena. Continuiamo il nostro giro tra cumuli di rifiuti ed edifici devastati. Pian piano si fa sera e le strade cominciano a svuotarsi. Anche noi decidiamo di tornare alla base perché qui la notte non porta consiglio e comunque dopo le undici di sera vige il coprifuoco in tutta la città.

Questo il resoconto della prima giornata a Baghdad. Le seguenti giornate ci hanno dato altre emozioni, come quella di aver visitato l'ospedale di Bakuba a nord-est di Baghdad, dove abbiamo consegnato le medicine e con cui abbiamo iniziato un rapporto di gemellaggio solidale. Un'altra esperienza importante è stata l'incontro con gli artisti di Baghdad che tuttora si incontrano in un ritrovo nei pressi dell'Accademia delle Belle Arti, anch'essa saccheggiata e in parte distrutta dalle fiamme. La stessa sorte è toccata anche alla vecchia Università e al Museo Nazionale.

Ripartiamo accompagnati dal boato del deposito di munizioni che, come apprendiamo più tardi, è stato fatto saltare in aria, con le conseguenze che tutti conosciamo. Un triste congedo da una città ferita nell'orgoglio e nella sua dignità di centro culturale e di sede di una delle civiltà più antiche nella storia dell'umanità. Partiamo con la promessa di tornare al più presto con un altro carico di medicine e di aiuti umanitari.

Edvino Ugolini
edvinoug@tin.it

Scritto per "Aiutiamoli a Vivere"
Per gentile concessione dell'autore


VISITE: 5293


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.