Progetto Babele FUMETTI
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cosa è PB Autori Collabora con noi
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [20/03/2019] 13 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Trofeo RiLL, il miglior racconto fantastico scadenza 2019-03-20    Racconti di Donna -Antonella Calì scadenza 2019-03-22    Fuori dal cassetto scadenza 2019-03-30    La voce della Natura: Armonia, Benessere e Spiritualità scadenza 2019-03-31    Scrivi un giallo a Fico Eataly World scadenza 2019-03-31    Maria Virgina Fabroni scadenza 2019-03-31    La tecnologia è magia? scadenza 2019-03-31    Maria Virginia Fabroni scadenza 2019-03-31    Un Roero da Favola scadenza 2019-03-31    Premio Internazionale di poesia San Gerardo Maiella scadenza 2019-03-31    ROCCAGLORIOSA scadenza 2019-03-31    Angiè scadenza 2019-03-31    Ballo proibito scadenza 2019-03-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno     Epiphaino di Guglielmo Campione    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
62 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
4 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Giampaolo Giampaoli intervista...
Lorenzo Bartoli



Lorenzo Bartoli fa parte della schiera di scrittori di fumetti di ultima generazione, che ha diffuso presso la Eura Editoriale il prodotto italiano. Da sempre la nota casa editrice, benché incentrata sul mercato nazionale, manifesta una chiara predisposizione ad offrire spazio ad autori esteri. In passato emergevano sulle pagine della Eura alcuni tra i migliori della scuola argentina, tra cui Mandrafina e Salinas, ma persino Gustavo Trigo, che contemporaneamente collaborava anche a Dylan Dog per la Bonelli. Oggi, a fianco di nuovi e valenti scrittori e disegnatori come Bartoli, pubblicano sui periodici Eura anche vari autori francesi e belga, inoltre permane la rappresentanza argentina. Tra i personaggi di Lorenzo Bartoli c’è il noto e amato John Doe. Un eroe moderno, su cui i responsabili della nota casa editrice di fumetti negli ultimi anni hanno puntato. Basti ricordare che è stato l’unico prodotto della Eura ad aver fin dagli esordi una testata mensile tutta propria, senza prima passare dalla fase sperimentale sui settimanali Skorpio e Lanciostory.



Signor Bartoli, come nasce un personaggio alla Editoriale Eura?
“Solitamente alle nuove serie viene effettuato un rodaggio sulle pagine dei settimanali Skorpio e Lanciostory. Se riscuotono il consenso dei lettori, si cerca di proseguire le saghe più fortunate su pubblicazioni mensili. Attraverso questa originale filosofia editoriale, sono state lanciate serie di successo come quelle di Amanda e di Dago, firmate da Robin Wood. Ma per il mio personaggio, John Doe, è stato diverso. Avevo una buona idea nel cassetto adatta ad essere sviluppata su un mensile, la proposi all’editore e fu accetta con entusiasmo. John Doe è nato così.”

Qual è la caratteristica del suo personaggio più evidente? “
John Doe è in continua fuga. Io e i miei collaboratori abbiamo l’obbligo di seguirlo, per portare avanti la sua serie. Proprio per questa originale caratteristica del protagonista, le storie risultano legate da un incastro, che si prolunga albo dopo albo quasi per vie naturali. Un po’ come se la vicenda successiva fosse sempre la diretta conseguenza di quella precedente. Avvenimenti che non potrebbero succedersi in modo diverso. Tutto questo è fonte di enorme soddisfazione personale.”

Quale differenza sussiste tra scrivere un racconto libero su Skorpio e Lanciostory e portare avanti una serie mensile?
“Nel racconto libero non ci sono vincoli. Lo scrittore pensa una storia, la elabora in modo compiuto e la affida al disegnatore. Non gli resta che sperare che la sua idea riscuota il consenso dei lettori. Portare avanti una serie, invece, richiede coerenza puntata dopo puntata, sia che la saga abbia uscita indipendente in un mensile, sia che appaia periodicamente sui settimanali Eura. In merito a questi ultimi la casa editrice con il tempo si è concentrata maggiormente sulle serie, anche se rimangono presenti i racconti liberi.”

Che genere di rapporto ha instaurato con il suo editore?
“Direi ottimo e come me anche i miei colleghi. Siamo liberi di produrre, dando massimo sfogo alla nostra immaginazione. Il supervisore non limita assolutamente la nostra creatività. Vi garantisco che è una delle condizioni migliori per chi fa il mio mestiere.”

Legge molto?
“Direi moltissimo. Sono stato un lettore prodigio. Fin da bambino mi sono avvicinato a libri di notevole livello culturale. Nelle storie narrate l’uomo può vivere una realtà che non esisterà mai. Ho amato molto la letteratura americana, in particolare Hemingway. Per lo svolgersi del mio lavoro mi sono accostato ad una notevole varietà di opere. È fondamentale per dare libero sfogo alla creatività. Per poter sfruttare al massimo le potenzialità dell’immaginazione si deve trarre ispirazione da qualsiasi fonte possibile.”

Come giudica il fumetto italiano?
“Il nostro fumetto ha raggiunto un buon livello. Un po’ tutte le case editrici attualmente in attività mettono sul mercato pubblicazioni che non temono il confronto con la produzione straniera. Siamo competitivi sia da un punto di vista qualitativo che quantitativo. Tutto questo va a vantaggio dei nostri lettori, che possono con facilità avvicinarsi a storie distensive, ma anche interessanti.”

Nella panoramica del fumetto italiano, la sua casa editrice che posizione occupa?
“In passato l’Editoriale Eura ha offerto notevole spazio agli autori argentini. Fino ai primi anni Novanta i contributi principali delle testate settimanali erano quelli di Trigo, Mandraffina, Salinas e altri artisti del loro livello. Ci hanno regalato davvero tante emozioni con le loro storie a fumetti, ma in questo modo la Eura, pur essendo una casa editrice italiana, non era improntata sulla produzione nazionale. Negli ultimi dieci o quindici anni sono arrivati anche gli autori Made in Italy, senza che la Eura perdesse la sua apertura internazionale. Infatti, attualmente collaborano con la nostra casa editrice sempre vari autori esteri, tra cui prevalgono i francesi e ancora gli argentini.”

Quali sono gi autori che stima di più?
“Non è facile rispondere ad una domanda del genere. Sono molti gli autori a cui mi sono rifatto nella mia carriera di scrittore, iniziata nel 1988. Apprezzo enormemente la cultura di Alfredo Castelli, ma il genio dei fumetti degli anni Novanta per me resta Tiziano Sclavi.”

Cosa vede nel futuro del fumetto italiano?
“Finalmente anche i nostri editori stanno iniziando a capire che il loro prodotto può evolversi in un gioco di ruolo o in un videogame o addirittura anche in un cartoon. Lo ha dimostrato ultimamente il mitico personaggio di Alfredo Castelli, Martin Mistere, che è diventato il protagonista di un videogame di successo. Per andare avanti dobbiamo guardare al di là del fumetto, per una sinergia tra le varie arti di intrattenimento.”

(c) Giampaolo Giampaoli


>>Progetto Babele Speciale Fumetti

VISITE: 3790
dal 12/04/07

© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.