Progetto Babele FUMETTI
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cosa è PB Autori Collabora con noi
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [20/03/2019] 13 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Trofeo RiLL, il miglior racconto fantastico scadenza 2019-03-20    Racconti di Donna -Antonella Calì scadenza 2019-03-22    Fuori dal cassetto scadenza 2019-03-30    La voce della Natura: Armonia, Benessere e Spiritualità scadenza 2019-03-31    Scrivi un giallo a Fico Eataly World scadenza 2019-03-31    Maria Virgina Fabroni scadenza 2019-03-31    La tecnologia è magia? scadenza 2019-03-31    Maria Virginia Fabroni scadenza 2019-03-31    Un Roero da Favola scadenza 2019-03-31    Premio Internazionale di poesia San Gerardo Maiella scadenza 2019-03-31    ROCCAGLORIOSA scadenza 2019-03-31    Angiè scadenza 2019-03-31    Ballo proibito scadenza 2019-03-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno     Epiphaino di Guglielmo Campione    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
62 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
4 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Storia della Marvel in Italia
Prima parte
a cura di Marco Rufoloni



La storia delle pubblicazioni Marvel in Italia comincia nel 1968, prima ancora dell'editoriale Corno, con l'uscita di una fantomatica serie dedicata a Nick Fury ed i suoi "commandos ululanti". Si tratta di storie di guerra ambientate nella seconda guerra mondiale, con un Nick Fury che non aveva ancora perso l'occhio e che combatteva ancora col grado di sergente. L'iniziativa durò per pochissimi numeri, ma sicuramente il meglio doveva ancora venire.

Fantastici QuattroPrima del 1970 fecero in tempo ad apparire le origini dei Fantastici Quattro sul supplemento estivo della rivista
Linus, e lo stesso Luciano Secchi propose al pubblico le origini di Capitan America, dell'Uomo Ragno e di Thor sulle pagine della mitica Eureka. Il responso fu quanto meno buono, perchè nel marzo del 1970 vide la luce il primo numero dell'Uomo Ragno, seguito la settimana successiva dal primo numero dell'incredibile Devil. A guardarli oggi non fanno una grande impressione quegli albetti: erano solo di 48 pagine (uno standard che oggi non si usa quasi più), stampati metà in bianco e nero e metà a colori a pagine alterne, come si usava all'epoca. L'impatto che ebbero fu invece epocale: in Italia i fumetti dei super eroi ristagnavano; Superman/Nembo Kid e Batman non richiamavano più pubblico, gli eroi belli e sempre vincenti, così lontani dal mondo di noi semplici uomini, avevano stancato... la tematica dei super-eroi con super problemi, vessillo di Stan Lee, fece subito breccia e migliaia di ragazzini si affezionarono immediatamente ai nuovi eroi.

Un'altro fattore che si rivelò vincente fu la scelta dei comprimari. Temendo che il tipo di disegno dei primi numeri dell'Uomo Ragno e Devil risultasse troppo datato, Secchi scelse di accoppiare loro storie molto recenti: videro così la luce Silver Surfer (le mitiche storie di Lee e Buscema ristampate dalla Play Press su Play Book 4, 9, 13 e 17) su Devil ed il Dottor Strange, proposto dal n.169 della prima serie (il primo albo con la testata dedicata al buon Dottore/Mago, precedentemente il nome della sua testata in America era Strange Tales), sull'Uomo Ragno. Questa scelta, se da un lato ingenerò confusione creando un forte sfasamento temporale nella continuity (l'Uomo Ragno è del '63, Devil è del '64, Silver Surfer del '68 e Strange del '69), dall'altra ebbe modo di far gustare storie fresche (sia come trama che come disegni) ai lettori di allora e, come ho detto prima, alla fine si rivelò vincente.

Nell'arco di pochi numeri debuttò la rubrica della posta (esattamente sul n.6 di entrambe le testate),che rivelò un'età media molto bassa dei lettori, ed una rubrica che presentò uno per uno i principali eroi e criminali Marvel
(onde chetare l'ondata di curiosità dei novelli Marvel-fan).

Agli occhi di uno della vecchia guardia, oggi quegli albi hanno un alone di mitico, ma debbo ammettere che certamente non seguivano un grande rigore filologico: fin dall'inizio si decise di ricolorare in giallo gli occhi dell'Uomo Ragno (ritenendo questo colore più efficace), e la tuta di Devil, che nei primi numeri era nell'originale gialla e nera, fu riproposta in rosso e nero per non ingenerare confusione nei lettori che di lì a poco l'avrebbero vista cambiare definitivamente in quella rossa che porta anche ora. Inoltre furono riadattati i testi, e dove la traduzione italiana risultò essere più lunga del testo inglese (e quindi esuberante dal ballon) si scelse, anzi che diminuire l'ingombro del lettering stesso, di aumentare le dimensioni del ballon, andando a coprire una fetta di disegno. Tutte queste cose al giorno d'oggi non verrebbero più tollerate dai fans, ma si era in un'altra epoca: resta il fatto che nel 1970 le edizioni Corno erano il non plus ultra.

Fantastici QuattroDa segnalare che, sul n.4 dell'incredibile Devil, venne presentata per l'ennesima volta l'origine dei Fantastici Quattro e, nel n.5, venne fatta debuttare la rubrica di cui parlavo prima, ovvero "La storia dei Super-Eroi Marvel". Il primo personaggio presentato fu l'incredibile Hulk, seguito sul n.6 dell'Uomo Ragno dall'invincibile Iron Man. L'impressione che si ha leggendo la pagina della posta è invece che i personaggi di rincalzo (Silver Surfer ed il Dottor Strange) colpirono la fantasia degli Italiani in misura maggiore dell'Uomo Ragno e di Devil: il loro disegno ed i loro testi erano infatti più attuali e più realistici.
Purtroppo in America le due serie sopracitate ebbero vita breve: Silver Surfer chiuse col numero 18 ed il Dottor Strange col 181. Per ovviare a questo fatto si passò molto presto a presentare due storie complete dell'Uomo Ragno e Devil insieme a poche pagine per volta dei comprimari. La situazione si fece insostenibile: le neonate testate avevano bisogno di nuovi comprimari. Ecco quindi arrivare sull'Uomo Ragno Ant-Man e le storie del Dottor Strange di Ditko tratte da Strange Tales a sostituire le storie più recenti del mago supremo dell'Universo Marvel (terminate sul n.22), mentre su Devil approda il Vendicatore d'oro, Iron Man, a sostituire il surfista, arrivato al capolinea col n.25.

Ma prima di questi avvenimenti voglio ricordare le decine di personaggi apparsi nel 1970, destinati a passare alla storia del fumetto: sull'Uomo Ragno furono presentati in rapida sequenza l'Avvoltoio, il Riparatore, il dottor Octopus, Incubo, l'Uomo Sabbia, Dormammu, il dottor Destino, Lizard, il barone Mordo, Electro, Mysterio, Goblin, Kraven, Ringmaster, lo Scorpione e Molten, passando per un famoso incontro/scontro con la Torcia Umana nel n.15 disegnato da Jack Kirby, che allora era ancora semisconosciuto in Italia.
Devil non è da meno perchè presentò in una successione altrettanto rapida personaggi come il Gufo, Killgrave,
Mefisto, Sub-Mariner, Stilt Man, Ka-Zar, il Saccheggiatore, il Gladiatore, Frog la rana, Marauder e gli Inumani (anche se, a dire la verità, personaggi come Frog, il Saccheggiatore e Marauder sono rimasti criminali di serie "C"): il Cosmo Marvel in Italia era nato.

MarvelSfogliando qua e là gli albi di quel periodo noto la comparsa della testina del personaggio in alto a sinistra del titolo, a somiglianza degli albi originali americani a partire dal numero 18 di entrambe le testate. A questo punto
è passato un anno da quel fatidico marzo 1970, e dopo un inizio stentato le vendite si assestarono su buoni livelli: i tempi erano maturi per una rivoluzione. Vennero presentati nuovi personaggi (Iron Man e Namor su Devil, Ant-Man sull'Uomo Ragno) e soprattutto si decise di accontentare le numerosissime richieste dei lettori dando loro in pasto due nuovissime e promettenti testate: i Fantastici Quattro ed il mitico Thor. Il primo albo presentò per un certo periodo storie a solo del quartetto, accompagnato da storie singole della Torcia Umana, mentre il secondo vide l'esordio dei Vendicatori (dal mitico n.5).
L a bontà delle scelte fatte è indiscutibile, tanto è vero che in America tutti questi personaggi (a parte Ant-Man) riscuotono ancora adesso un successo che sembra non oscurarsi mai. Nel frattempo erano spariti i redazionali (per non riapparire più): questa fu una scelta meditata, si volle evitare di appesantire troppo gli albi che all'epoca erano diretti per lo più a ragazzini al massimo quindicenni. Al giorno d'oggi le cose sono cambiate e si preferisce dare il giusto rilievo a redazionali ed articoli: i ragazzini di ieri sono cresciuti e non si accontentano più (a ragione, credo) dei soli fumetti e vogliono notizie di tutti i retroscena dei loro albi preferiti.

A cura di Marco Rufoloni
marco.rufoloni@casaccia.enea.it


>>Progetto Babele Speciale Fumetti

VISITE: 9344
dal 06/04/07

© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.