Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Contatta il WebMaster help&faq
 
PB NEWS:    [06/10/2017] Il 12 Ottobre 2017 chiude i battenti la storica NETEDITOR    [19/07/2017] Lacrime d’Inchiostro    [24/03/2017] L'editore più povero del mondo parla sul blog "La Casa di Carta"    [25/04/2015] Audio Antologia della Letteratura Italiana Vol. I e Vol. II    [21/11/2017] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    ULTIMI INSERIMENTI SUL SITO AL 21/11/2017    Recensioni     Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati     Amore incompatibile di Francesco Dell´Olio     Andata e ritorno di Elena Ciurli     L´anno prossimo a Gerusalemme di Andrè Kaminski    Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini    Il parere di PB     Sesso, droga e rococò - Storia del falsetto dai castrati all di Massimo Di Vincenzo     C è un tempo per gioire, c è un tempo per patire di Manrico A.G. Mansueti     Papà mi presti i soldi che devo lavorare? di Alessia Bottone    Le rose di Eusebia di Claudio Secci    La lama nera di Dario De Judicibus    Articoli e saggi     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Una vita nel mistero (ITALIA 2010) regia di Stefano Simone    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix     Tapes (2008) - Alanis Morissette    IL FORUM DI PB    Ultimo topic: Spondyloarthritides itch, compounding offspring structures palmar rickettsia. inserito il 2017-11-09 (ultimo aggiornamento 2017-11-09)    Ultimo post: inserito da il 2017-11-09 sul topic Spondyloarthritides itch, compounding offspring structures palmar rickettsia.    
 
 
 
Email
PSWD
CONSIGLI DI LETTURA
Arretrati e copie stampate
PB International
PB Interactive
IN PRIMO PIANO


OnlineUtenti connessi: 12
Utenti collegati in chat 0

Dal 01/01/2003
questo sito ha generato
96.843.375
esposizioni

 
 
     

Giampaolo Giampaoli intervista...
Cristiano Spadavecchia


Per Cristiano Spadavecchia il suo cognome, di chiaro sapore medioevale, è sempre stato ragione non soltanto di orgoglio, ma soprattutto di amore per un particolare tipo di fantasy. Un originale genere narrativo che dalla letteratura si è trasferito al grande schermo, per infine approdare alle vignette del fumetto. Dirò di più: alle vignette del fumetto bonelliano. Si tratta del fantasy con ambientazione medioevale. Vicende appassionanti e suggestive, dove solitamente per una qualche ragione il genere umano è rimasto vittima della sua stessa tecnologia o di un universo che lo ha punito con una catastrofe, e così l’uomo è tornato indietro nel tempo, interpretando il suo passato. A questo punto abbiamo detto già molto, ma ancora di più sarà stato dedotto dai lettori più attenti. Che Spadavecchia è un giovane disegnatore di fumetti di talento non è una novità e se si parla di fantasy con ambientazione medioevale in casa Bonelli, chi il fumetto italiano lo conosce, non esiterà a capire che il nostro riferimento è indirizzato ad uno degli ultimi nati della nota casa editrice.

Una delle nuove produzioni più fortunate: la saga del cavaliere di ventura Brendon. Stavo quasi per dire, anche una delle serie di maggiore interesse, ma mi sono frenato: di solito Sergio Bonelli lancia sul mercato prodotti di qualità, una ulteriore nota a favore di Brendon sarebbe stata dettata soltanto dalla grande passione che nutro per questo personaggio e dall’ammirazione per il suo creatore, l’ex dylandoghiano Claudio Chiaverotti. Ma torniamo a Cristiano Spadavecchia. Gli abbiamo rivolto alcune domande.

Ci parli dei suoi interessi cinematografici e letterari.
“Leggo molto e guardo diversi film. Per un disegnatore di fumetti il contatto con il cinema e la narrativa è fondamentale. Anzi, direi di più: è una necessità “vitale”. Nello scegliere cosa vedere e cosa leggere non mi pongo limiti: credo che muoversi tra libri e film a trecentosessanta gradi sia la cosa migliore. Dalla lettura dei classici italiani e stranieri, appresi tra le scuole superiori e l’Accademia delle Belli Arti, alle opere storiografiche.”

Come può aiutare il cinema e la letteratura un disegnatore di fumetti a formarsi professionalmente?

“Chi esercita le arti figurative a tutti i livelli e in particolare modo il fumetto, ha bisogno di generare mentalmente una realtà fittizia da rappresentare, poi, sulla carta. La sua mente deve essere esercitata a compiere questo processo non semplice. La narrativa e il cinema allenano il cervello a concepire effettivi visivi. Ciò che si legge o si vede in un film resta memorizzato e le immagini vengono automaticamente riproposte agli occhi della mente. Così si compie quel meccanismo celebrale, che è fondamentale per chi deve pensare una realtà fittizia e “materializzarla” nel disegno. Alcuni autori, come Poe, Herbert, Lowcraft e in generali tutti i maggiori interpreti del romanzo gotico, sollecitano con particolare incisione la mente del lettore ad immaginare le scene narrate. Li consiglio come lettura a chiunque stia imparando a disegnare.”

E per quanto riguarda il lavoro che svolgi su Brendon, in quale misura ti aiutano le tue letture e il cinema?
“Chiaverotti vuole che i suoi disegnatori guardino i film che vengono citati nelle storie. È un buon metodo per avere davanti agli occhi le scene che ispirano la narrazione e partire su una solida base visiva. Quindi, lascio a voi immaginare il ruolo centrale che svolge la visione dei film nel dipanarsi del mio lavoro quotidiano. Ma non è assolutamente un sacrificio: anzi, amo il cinema e sono ben felice che faccia parte della mia professione.”

All’inizio come sei riuscito ad entrare in sintonia con la saga di Brendon?
“La serie non è un Fantasy puro, ma post catastrofico, quindi ambientato su uno scenario desolato e selvaggio. Insomma, una ambientazione simile a quella del western horror di Magico Vento, così il passaggio da una saga all’altra non è stato traumatico, come avrebbe potuto essere con una serie completamente diversa. Ormai il mondo di Brendon fa parte di me, lo vivo intensamente giorno dopo giorno, lo conosco e lo apprezzo.”

Cosa ti accomuna maggiormente a Brendon?
“Beh, probabilmente il mio cognome. Lui è un cavaliere di ventura medioevale rimaneggiato, io da buon Spadavecchia con il medioevo sono abbastanza in sintonia, quindi è inevitabile che tra me e Brendon ci sia una certa sinergia. Ma attenzione! Mi rivolgo in particolare a tutti i lettori del mio personaggio: il medioevo di Brendon non è affatto una rivisitazione semplice da comprendere.”

Che genere di fumetti leggi?
“Sono cresciuto leggendo ed apprezzando Linus, ma tra i mie preferiti c’erano anche Corto Maltese e Valentina. Non ho mai trascurato nemmeno il fumetto per ragazzi, dai classici inossidabili della Disney ad Asterix. E poi i cartoni animati, in particolar modo quelli giapponesi, che sono stati il tormentone della mia generazione. Tutto questo mi ha aiutato a mantenere attiva la mia fantasia, proprio in merito a quel processo di immaginazione mentale di cui ho già parlato.”

Quale consiglio daresti ad un giovanissimo che desidera farsi strada nel mondo dei personaggi a strisce?

“Credo che un principiante abbia due strade da seguire: o cerca di cimentarsi in vari generi, acquistando una certa versatilità che a volte è una dote utile, oppure può scegliere uno stile tutto suo in cui specializzarsi. L’importante è essere disponibili, almeno all’inizio. Si deve accettare tutte le offerte di lavoro ragionevoli, è così che sono arrivato alla Sergio Bonelli.”

Quale strada pensi stia percorrendo il fumetto italiano?

“Rispetto a trenta o quarant’anni fa il livello quantitativo della produzione dei disegnatori si è abbassato, ma si è alzato quello qualitativo. È inevitabile che producendo limitatamente la qualità si innalzi. I nostri elaborati sono stati affinati per essere maggiormente competitivi con la produzione estera, giapponese, francese e americana. Quindi, credo che il fumetto italiano stia percorrendo una strada che lo porterà ad avere sempre più un ruolo significativo nella compagine internazionale.”

(c) Giampaolo Giampaoli


>>Progetto Babele Speciale Fumetti

VISITE: 7505
dal 10/04/07