© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Contatta il WebMaster help&faq
 
 
PB NEWS:    [06/07/2016] Problemi tecnici sul sito - LAVORI IN CORSO    [06/07/2016] Problemi tecnici sul sito - LAVORI IN CORSO    [07/03/2015] RISOLTI i problemi di compatibilità con Google Chrome...    [29/09/2014] Res ineffabile - Annotazioni critiche a margine di Tutto il ferro della torre Eiffel    [26/08/2016] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    ULTIMI INSERIMENTI SUL SITO AL 26/08/2016    Recensioni     Leo Longanesi - Il borghese conservatore di Francesco Giubilei    Il segno del telecomando - Dallo sceneggiato alla fiction di Biagio Proietti – Maurizio Giannotti    Il suggeritore di Donato Carrisi     Peccaminosa di Sandro Capodiferro     Vittime di Jonathan Kellerman    Il parere di PB     Papà mi presti i soldi che devo lavorare? di Alessia Bottone    Le rose di Eusebia di Claudio Secci    La lama nera di Dario De Judicibus    Le coincidenze necessarie di Patrizia Marzocchi    Il 18° vampiro di Claudio Vergnani    Articoli e saggi     I cosacchi in Friuli: una terra impossibile     Lucca Comics & Games 2014 un mondo di personaggi e giochi fantastici     Res ineffabile     I diari di Kafka     Stabat Mater    Racconti     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini     La porta di Carla Montuschi     la vergine cuccia di Luigia Forgione     Scoprire il mondo dalle vetrate di un autobus di Lorena Curiman    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     W.T.Vollmann: X Ray Visions trad. di Maria giovanna Varasano    Poesie     Senza titolo di Francesco luca Santo     Fotografia di Maria luisa Donatiello     Orme di Primavera di Rosanna Affronte     Mi hai chiesto di Sara Janni     Abbastanza tardi di Eugenio Solla    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Una vita nel mistero (ITALIA 2010) regia di Stefano Simone    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix     Tapes (2008) - Alanis Morissette    IL FORUM DI PB    Ultimo topic: Anabolicsfast buy domestic steroids online inserito il 2016-08-09 (ultimo aggiornamento 2016-08-09)    Ultimo post: inserito da il 2016-08-09 sul topic Anabolicsfast buy domestic steroids online    
 
 


Anno: 2014
Collana: SF e FANTASTICO
Formato A5 (13,5X21)
COPRIGIDA Pag. 222

Kindle logo

Email
PSWD
CONSIGLI DI LETTURA
Arretrati e copie stampate
PB International
PB Interactive
IN PRIMO PIANO


OnlineUtenti connessi: 13
Utenti collegati in chat 0

Dal 01/01/2003
questo sito ha generato
93.298.549
esposizioni

 
     

Mai - Linkami l'immagine
di Leonardo Marini - Carmine De Falco




Recensore Salvo Ferlazzo
Ricevuto 24-03-2006
Recensito il
Pubblic.su n.a.
Anno 2006 - Fara Editore
Prezzo € 12 - 128 pp.
ISBN 888780883X
 

Alla fine del libro, i due autori deflagrano nella mente di chi ha letto il loro libro, instillandovi il dubbio se il quadro complessivo dei paesaggi, delle figure, delle situazioni, dei dialoghi, sia la meta o invece non rappresenti il percorso per arrivarci.

Lungo questo percorso, si intravedono le radici dei due autori, alle quali qualcuno rimane attaccato; qualcun altro, sradicato, cosmopolita, si abbandona ad una erranza forte, decisa, mitigata soltanto da immagini che sostuiscono una catena di sensazioni a volte fredde, distorte, indifferenti.

A volte trasmettono la sensazione di sentirci tutti cittadini del mondo, con la passione febbricitante di lanciare il cuore al di la dell’ostacolo, in un impeto insaziabile di libertà.

Intangibilità delle parole, compostezza policroma delle immagini.

Il libro e le sue storie si muovono tra una profonda coscienza della propria appartenenza ad un mondo, che è la terra che diventa dimora scuola, residenza; e la consapevolezza dell’eredità che quel paese, quella gente sono in grado di trasmettere ai protagonisti, persino al lettore.

Sotto la “t” di terra si muovono personaggi infarciti di dubbi, errori di sintassi, che ne fanno quasi un mito agostano, quando tutti vanno al mare, inteso come acqua, principio di ogni cosa.

Fine aurorale. Cupio dissolvi.

Da “esso” fino a “ Mai”, assistiamo ad una sorta di carosello di immagini che vanno dal lamento dell’escluso, all’utopia nevrotica di un’aspirante valletta, alla ricerca infelice di un alibi, passando per un luogo di gerarchie rovesciate e no, fino a “Mai”.

Profonde lontananze di luce, spingono il protagonista di questo breve racconto a fare delle considerazioni sui personaggi che lui stesso osserva, a volte distaccandosi da essi, a volte andandogli tanto vicino da suggerire la strada da prendere (“…le basterebbe prendere due o tre viuzze di scorciatoia…”).

Un destino comune, un intima linea di contatto lega i personaggi di “ Mai”, dove il reale si mischia al surreale, creando orizzonti esistenziali che li spingono a superare quelle immaginarie colonne d’Ercole, a sentirsi come tanti Ulisse, scoperti nel tentativo di liberarsi di un malessere cupo, silenzioso, rabbrividente.

E’ quello stesso malessere che fa dire al protagonista di “Mai” che:”la morte non è che un dato puramente naturale, come la nascita, il sonno, l’alimentazione, le malattie, il sesso, le deiezioni e blablabla.”

E conclude con un inquietante “mi sbagliavo?”

E’ come se si cercasse dentro di noi una sostanza sconosciuta che non faccia vacillare il nostro Io, la certezza del nostro Io.

Tra la gente che il protagonista di “Mai” incontra, si potrebbero benissimo trovare tutta quell’altra gente dei precedenti racconti, mischiata tra quella folla forse partecipe del destino comune, dove onore, nobiltà d’animo e coscienza morale si alleano in una lotta commovente, per realizzare alti ideali umani.

Si intravede, per la verità non molto nascosta, l’idea di una quasi ribellione, di una rivolta verso alcuni valori, più o meno condivisi.

Il valore della famiglia, quello legato ai convenevoli quotidiani. La ricerca della fama, della propria affermazione attraverso il mezzo televisivo. La consapevolezza che esiste la gente comune, che riguarda, ti vede come modello, archetipo di un’esistenza non più scontata.

Ma guai se uno di questi traguardi venisse enunciato come assoluto: l’integrità dell’individuo inteso come valore-base, sarebbe relegata in secondo piano, e la rivolta perderebbe il suo fascino: verrebbe tradita.

Una ricollocazione dell’io in chiave discorsiva e non più introspettiva, riporta le storie di “Mai” in una modalità orizzontale dell’apprendimento dell’esistenza. La “vergogna” egoista diviene così l’atto di riappropriazione riflessa del “mondo” come dimora esclusiva della coscienza.

Un’immensa sceneggiatura, che Leonardo Marini costruisce, armonizzando i personaggi che vi si muovono, agiscono, pensano in una immediatezza semplice e ingenua.

L’ironia del simbolo è l’assurdo della trascendenza immediata dell’immediato, l’impareggiabilità dell’”essere” e del “fare”, ossia la rivolta della vita sospesa nell’intenzione.

Con “linkami l’immagine”, De Falco riprende la vita come essa è prima del senso: una linea perenne, sbiadita, insignificante, il cui valore è l’estensione vivente, come virtù tranquilla, una stato non turbato o interrotto nel suo corso da alcuna differenza.

Eppure, le differenze ci sono, si scontrano, generano altri limiti, per dare vita ad un’immagine storica, simbolizzazione acuta che assicura la certezza della sopravvivenza: margine derubricato di una proiezione esistenziale diversa, dove la memoria diventa misura di un passato”… lei volto grasso capelli lordosi…(pg.90),”…lui grigia tempra barba sfatta lunga camicia…(pg.91), quasi un’icona intuita di una città, Helsinki, che mostra il “peggio di se”(pg.93), nella quale convogliano emozioni, passioni trasgressive, a volte ossessionanti, ma sempre legate all’attualità, al quotidiano storico.

Una strana forma di pedagogia pervade il nostro De Falco,”coscienza pensante”, che azzera ogni valore per ricondurli tutti a quel livello dal quale ri-partire, linkando ogni immagine,”lo sguardo delle persone sconosciute”(pg.96).

Un esercizio umano spossante; il linguaggio è lo strumento attraverso il quale De Falco celebra quei “rigagnoli di vita” che “si perdono nei percorsi venosi di cellule adipose”(pg.97).

Entra ed esce dal suo “sé” parlando di un mondo che suo non è, non gli appartiene perché il prezzo che paga alla sua individualità è quello della radicalizzazione del confronto nella sottrazione, o tentativo di sottrazione, del”personale”, che il gioco inevitabile della vittoria, inadeguabile ad un’esistenza totale.

Forse si intravede un punto di rottura dell’alterità con la propria esistenza in quella terra, in quella regione del mondo, in cui l’operabilità mediativa “teoria-prassi”, è il nesso cruciale di verifica dello schema vitale. Ogni azione è seguita dal volere dell’esistenza umana.

Non c’è struttura o marginalità equivoca nel progetto di un linguaggio globalizzato, ma una fitta rete di integrazioni vitali che ne legittimano l’attuazione.

© Salvo Ferlazzo



Recensioni ed articoli relativi a Leonardo Marini - Carmine De Falco

(2) Mai - Linkami l'immagine di Leonardo Marini - Carmine De Falco - IL PARERE DI PB

Testi di Leonardo Marini - Carmine De Falco pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Salvo Ferlazzo

(1) Aspides di Riccardo Merendi - RECENSIONE
(2) N.O.I.R. - Quindici passi nel buio di A.A.V.V. a cura di Andrea Franco - RECENSIONE
(4) Nonostante me di Giorgio Mosetti - IL PARERE DI PB
(5) Le vie dei ritorni di Luciana Caranci - IL PARERE DI PB
(6) Due Soli di Vincenzo Cerracchio - IL PARERE DI PB
(7) Le evangeliste di Bruges di Adriana Assini - IL PARERE DI PB
(8) Quando i media staccano la spina di Gilberto Mastromatteo - IL PARERE DI PB
(9) Aspides di Riccardo Merendi - IL PARERE DI PB
(10) Mai - Linkami l'immagine di Leonardo Marini - Carmine De Falco - IL PARERE DI PB
(11) I sessanta nomi dell'amore di Tahar Lamri - IL PARERE DI PB
(12) Di mostrare le cose a parole di Giovanni Di Muoio - IL PARERE DI PB
(13) Il confine invisibile di Alfio Cataldo Di Battista - IL PARERE DI PB
(14) La casa dell'ospite di Barbara Giambartolomei - IL PARERE DI PB
(15) La collezionista ovvero la Sindrome di Babbo Natale di Chiara de Luca - IL PARERE DI PB
(16) Transit di Abdourahman A.Waberi - IL PARERE DI PB
(17) Due braccia e una lira di Mario Scaccia - IL PARERE DI PB
(18) La vigilia di Natale di Maurizio Bassani - IL PARERE DI PB
(19) Tre semplici sconosciuti di Andrea Franco - IL PARERE DI PB
(20) Non si sa mai di Donatella Placidi - IL PARERE DI PB
(21) Il ghiaccio nei tubi del verderame di Tito Ettore Preioni - IL PARERE DI PB


Il Parere di PB, le recensioni dei libri ricevuti in redazione
462 i libri ricevuti, di cui 359
recensiti ( 359 rec.pubbl, da pub.) ,
25 in recensione, 42 da recensire
.

 







VISITE: 8271