© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Contatta il WebMaster help&faq
 
 
PB NEWS:    [06/10/2017] Il 12 Ottobre 2017 chiude i battenti la storica NETEDITOR    [19/07/2017] Lacrime d’Inchiostro    [24/03/2017] L'editore più povero del mondo parla sul blog "La Casa di Carta"    [25/04/2015] Audio Antologia della Letteratura Italiana Vol. I e Vol. II    [21/11/2017] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    ULTIMI INSERIMENTI SUL SITO AL 21/11/2017    Recensioni     Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati     Amore incompatibile di Francesco Dell´Olio     Andata e ritorno di Elena Ciurli     L´anno prossimo a Gerusalemme di Andrè Kaminski    Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini    Il parere di PB     Sesso, droga e rococò - Storia del falsetto dai castrati all di Massimo Di Vincenzo     C è un tempo per gioire, c è un tempo per patire di Manrico A.G. Mansueti     Papà mi presti i soldi che devo lavorare? di Alessia Bottone    Le rose di Eusebia di Claudio Secci    La lama nera di Dario De Judicibus    Articoli e saggi     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Una vita nel mistero (ITALIA 2010) regia di Stefano Simone    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix     Tapes (2008) - Alanis Morissette    IL FORUM DI PB    Ultimo topic: Spondyloarthritides itch, compounding offspring structures palmar rickettsia. inserito il 2017-11-09 (ultimo aggiornamento 2017-11-09)    Ultimo post: inserito da il 2017-11-09 sul topic Spondyloarthritides itch, compounding offspring structures palmar rickettsia.    
 
 
Email
PSWD
CONSIGLI DI LETTURA
Arretrati e copie stampate
PB International
PB Interactive
IN PRIMO PIANO


OnlineUtenti connessi: 15
Utenti collegati in chat 0

Dal 01/01/2003
questo sito ha generato
96.843.461
esposizioni

 
     

Vento scomposto
di Simonetta Agnello Hornby




Recensore Carlo Santulli
Ricevuto 25/11/2009
Recensito il

Pubblic.su n.a.

 

Anno 2009 - Feltrinelli
Prezzo € 15 - 412 pp.

ISBN 8022264780193

 


 

Proteggere i bambini dagli abusi, è un intento nobile, anzi potremmo dire che è uno degli obiettivi più alti che uno Stato che voglia definirsi tale possa proporsi.

Ci sono leggi e sistemi di prevenzione dedicati a questo scopo in tutti i paesi: per esempio, nella realtà britannica, il Child Protection Act ha portato negli ultimi decenni, a cercare con un approccio razionale ed una struttura preventiva ed organizzativa di servizio sociale apposita, di affrontare con forza il problema della violenza psicofisica sull'infanzia, che ha tuttora un costo altissimo per la collettività, proprio in termini di individualità cui un sano ed equilibrato sviluppo è impedito.

Razionale, dicevo, e molto improntato sulla mentalità britannica, volta ad un'osservazione e monitoraggio dei comportamenti anomali, specie all'interno della famiglia, ovviamente, il che porta alle volte a dei risultati paradossali, come lo è paralizzare la manifestazione di quell'affettività che i bambini richiedono per un corretto sviluppo, nel terrore che le attenzioni degli educatori e dei genitori non siano “buone”, ma non incidere sulle manifestazioni “cattive” (c'è un termine più appropriato, ma volutamente non lo uso, perché Google potrebbe includere questo testo insieme ad altri di natura tutt'altro diversa, e, diciamocelo, immorale).

Il risultato netto è che in pratica il Child Protection Act non funziona sempre come dovrebbe: perché gli esperti sono tutt'altro che infallibili (e quante ce ne sarebbero da dire, a proposito di questo, anche da noi), e più in particolare, perché ognuno porta la sua storia in ogni giudizio della propria vita. E storia significa ricchezza, sentimenti, amore, ma significa anche, disgraziatamente, pregiudizi: non ci liberiamo mai completamente dal contesto da cui usciamo. Questo dato di fatto, che noi neolatini diamo quasi per scontato, anche se non sempre conduce a pratiche socialmente accettabili (la raccomandazione, il piston francese, ecc.) è tuttora abbastanza sconvolgente per gli anglosassoni, per cui la soluzione alla mancanza di obiettività assoluta (che credo sia purtroppo, se contenuto entro certi limiti, inevitabile) è spesso la richiesta di altri pareri, altre motivazioni, altri dati, ecc. Ma attenzione: come si fa ad ammettere che un esperto può sbagliare, e non per un profondo motivo scientifico, ma proprio perché era poco attento, stressato, eccessivamente condizionato dalla vicenda? Non è facile, e nell'ambito britannico, che conosco un pochino, si trovano spesso ingegnosi metodi per girare attorno al problema, cercando, senza offendere professionalmente l'esperto poco “efficiente”, di sortire lo stesso risultato per l'assistito. Ma siamo sicuri che sia lo stesso, essere riconosciuti innocenti e non andarci proprio sotto processo?

Scusate la lunga premessa, ma mi serviva per introdurre un romanzo veramente bello e ben scritto, e specialmente vero, con personaggi fortemente caratterizzati, magari nevrotici, sotto pressione, ma come quelli che potete incontrare ogni giorno per strada. E non cerchiamo di confinarlo nell'ambito del legal thriller: in verità, c'è ben di più. Si tratta di “Vento scomposto” (“There's nothing wrong with Lucy” nella versione inglese) di Simonetta Agnello Hornby, che proprio di queste problematiche di sicurezza dei minori si occupa, anche a livello di insegnamento universitario, a Londra.

E' una storia atrocemente possibile, perché non c'è un dettaglio della situazione che sia caricato o surreale, tutto fila perfettamente e, se alcune cose orribili accadono, altrettante ne accadono di tenere o almeno incoraggianti. C'è una sorella abusata dai fratelli ed un uomo con attenzioni particolari verso i bambini, una maestra d'asilo frustrata e forse non proprio a posto con la testa, ma anche una povera donna africana che cerca di nascondere, forse anche a se stessa, di essere analfabeta, un'anziana signora scozzese con la mania dei Lego e una segretaria di uno studio legale che cerca veramente di immedesimarsi nei problemi dei propri clienti, come non si dovrebbe fare, a quel che tutti dicono, ma come in realtà ben pochi per fortuna fanno in realtà. Tutte queste cose, e molte altre, non accadono perché l'autrice abbia un messaggio preconfezionato all'inizio, ma perché la complessità fa parte della vita, e quindi la morale della storia, che è tanto forte e decisa, quanto calata nella pratica del mondo, non può che giungere, forse inattesa ma preparata con grande cura, alla fine, quando tutto si scioglie, in qualche modo.

La storia è centrata intorno a Mike Pitt, un padre di due bimbe, Amy di otto anni e Lucy di quattro, che è accusato di aver abusato della minore, forse, a ciò che si evince da una prima perizia, proprio da sua figlia. Mike è un padre affettuoso, anche se non granché presente, proprio nel senso di “a casa”, per il tipo di vita di competitività rampante che svolge, che è poi quella che gli permette di avere quei soldi che già Lucy individua come scopo primo del lavoro del suo papà. Però i Pitt, famiglia piuttosto ricca che si trova in un contesto, quello di Brixton, non particolarmente agiato.

Le cose si complicano, perché Mike, pur non avendo, almeno da quel che si vede, comportamenti particolarmente negativi, ha il difetto di non essere simpatico quasi a nessuno, ed il fatto che sua moglie Jane continui a proclamare la sua innocenza ha paradossalmente quasi l'effetto contrario di accrescere i sospetti dei servizi sociali e di tutto il sistema. Naturalmente, né lo svolgimento né il finale vanno rivelati. Bisogna tuttavia dire che “Vento scomposto” apre uno spiraglio su un aspetto estremamente importante dell'atmosfera in cui viviamo, e cioè questo continuo clima di sospetto, che, mi permetto di dirlo, non si limita alla Gran Bretagna nè alle aule di tribunale, ma travalica anche le mura, per esempio, di molti dipartimenti universitari. Pur essendo un'opera di fantasia (ma non irreale, affatto) questo romanzo di Simonetta Agnello Hornby chiarisce perfettamente come, se non usciremo da questo clima, avremo difficoltà a costruire una società nuova.

© Carlo Santulli

 

Recensioni ed articoli relativi a Simonetta Agnello Hornby

(2) Vento scomposto di Simonetta Agnello Hornby - IL PARERE DI PB

Testi di Simonetta Agnello Hornby pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Carlo Santulli

(1) Caos calmo di Sandro Veronesi - RECENSIONE
(2) Aspre e calde montagne, dolci e fredde pianure di Pietro Sergi - RECENSIONE
(3) La flaqueza del bolchevique di Lorenzo Silva - RECENSIONE
(5) Papà mi presti i soldi che devo lavorare? di Alessia Bottone - IL PARERE DI PB
(6) Il grido della terra. Missione Emilia di Fabio Clerici - IL PARERE DI PB
(7) Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini - IL PARERE DI PB
(8) Amore ai tempi dello stage. Manuale per coppie di precari. di Alessia Bottone - IL PARERE DI PB
(9) A piedi scalzi dentro l anima di Sergio De Angelis - IL PARERE DI PB
(10) Lucide ossessioni di Valeria Francese, Roberta De Tomi, Claudia Barbarano - IL PARERE DI PB
(11) Quando gli squali mangiano vento di Enrico Meloni - IL PARERE DI PB
(12) Sia fatta la tua comicità. Paradise strips di Pietro Pancamo - IL PARERE DI PB
(13) Il senso del viaggio. Viaggiando nei sensi. Atlante poetico di Fabio Clerici - IL PARERE DI PB
(14) Scrivere sceneggiature per il cinema e la TV di Francesco Spagnuolo - IL PARERE DI PB
(15) L apostolo sciagurato di Maddalena Lonati - IL PARERE DI PB
(16) Le parole e la pietra di Fabio Clerici - IL PARERE DI PB
(17) Due ali nel buio di Alessandro Annulli - IL PARERE DI PB
(18) Leggerezza di Sergio De Angelis - IL PARERE DI PB
(19) Heartjob di Marco Mazzucchelli - IL PARERE DI PB
(20) Il dottor Maus e il settimo piano di Nino Genovese - IL PARERE DI PB
(21) Vento scomposto di Simonetta Agnello Hornby - IL PARERE DI PB


Il Parere di PB, le recensioni dei libri ricevuti in redazione
470 i libri ricevuti, di cui 363
recensiti ( 362 rec.pubbl, 1 da pub.) ,
27 in recensione, 43 da recensire
.

 







VISITE: 3030