Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [15/09/2019] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    10 Poeti Sul Podio D'Oro - 2019 scadenza 2019-09-15    Zona E-book scadenza 2019-09-15    Scribo scadenza 2019-09-18    Mondo Artigiano scadenza 2019-09-20    360 Autori per tutto l’anno scadenza 2019-09-21    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CartaCarbone Festival Letterario Autobiografia e dintorni 2019 | Presentazione della sesa edizione - Treviso, Sabato 21 Settembre 2019, ore 11, Chiesa di San Teonisto (FESTIVAL LETTERARIO 2019-09-21)    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Speranze di Maria cristina Piazza     Le non stagioni del buio di Cinzia Baldini     Non ci sarà tramonto di Doriana De vecchi     MARTA - Ritratto di una donna in punta di matita di Maurizio Canauz     Occhi tristi di Christian Bigiarini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Non dobbiamo perderci d'animo
di Massimo Cortese
Pubblicato su SITO


ROMANZO
Montag 2010
Prezzo € 10 - 74 pp.
(collana Le Fenici)
ISBN 9788896793176
Una recensione di Lorena Curiman
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 65
Media 77.38 %


Non dobbiamo perderci d'animo

[Proseguendo l'avventura letteraria iniziata con "Candidato al consiglio d'istituto", in questa raccolta l'autore si racconta: ne esce fuori un'opera che passa in rassegna l'Italia di ieri e quella di oggi. Il motivo conduttore è la speranza, che non deve mai mancare, neppure nei momenti più difficili.]

Sempre con un occhio di riguardo all’educazione e ai valori sociali fondamentali, lo scrittore cambia registro e prova a mandare un impulso positivo alla memoria collettiva tramite una serie di racconti di storie d’italiani, dall’Ottocento ai giorni nostri, dedicati al Centocinquantesimo Anniversario dell'Unità Nazionale e alle persone umili ed anonime della nostra cara Italia.

“Questa società non ha memoria. Ognuno di noi è debitore verso coloro che lo hanno preceduto, ma se si perde questa memoria, ne soffriamo tutti, perché l’abbandono delle nostre origini ci impedisce di capire (ed apprezzare) il presente e il futuro. Non ci rendiamo conto che, nonostante la fatica e l’ignoranza delle persone che ci hanno preceduto, è a loro che dobbiamo tutto. E loro, gli analfabeti, coloro che hanno fatto grande questo Paese, non avranno preso la laurea, ma non hanno di certo mancato l’appuntamento con il loro destino. Possiamo dire lo stesso di noi?”    

Il periodo degli anni ’40 e ’50 è caratterizzato da tanti momenti importanti per l’Italia, sono anni di grandi sacrifici seguiti da successi economici e scelte fondamentali per il paese, anni in cui si forma l’immagine di un Paese solido, coeso, così diverso da quello di oggi, intrappolato in una ridda di problemi decisionali e organizzativi apparentemente irrisolvibili.
L’Italia di ieri e l’Italia di oggi: così diverse e così simili, attraverso la capacità del suo popolo di non arrendersi nonostante tutto, di  aggrapparsi disperatamente alla speranza e, appunto, di non perdersi d’animo.    
Tra un racconto e un altro si materializzano varie figure (la madre onesta, generosa, semplice e compassionevole; adolescenti incapaci di affrontare la realtà e genitori irresponsabili ed egoisti; un omicida pentito troppo tardi ecc.), unite dal filo tragico di un momento storico difficile e dagli sbagli cui cercano di rimediare tramite l’insegnamento, l’educazione ed il miglioramento delle proprie vite.

“L’insegnamento, la trasmissione del sapere conseguente all’educazione, produce in principio una cultura e subito dopo genera dei talenti.”   

In assenza di una continua trasmissione della cultura e dei valori fondamentali del vivere, il vuoto è riempito dal divertimento fai-da-te e da azioni anti-sociali, a danno della società e, in primis del singolo individuo (anche se questo, a volte, neppure se ne rende conto). Frasi come “in Italia in galera non ci va più nessuno” o “mentre in tutto il mondo hanno fatto prima lo Stato e poi la cultura, l’Italia è l’unica Paese dove è accaduto il contrario”, sono il grido di dolore di coloro che non hanno mai smesso di lottare (gli invisibili “minorenti”) contro il sistema (i padroni maggiorenti).

“Il maggiorente è la persona influente presente all’interno di un determinato gruppo sociale, la cui autorevolezza non viene messa in discussione da nessuno. Allora, io che vengo sempre demolito dai maggiorenti, visto e considerato che non sono mai riuscito ad avere voce in capitolo nell’ambito della società, per una questione di dignità personale, vorrei essere chiamato per quello che sono: un minorente.”     

La definizione di tutti quelli che almeno una volta nella vita - troppe volte per alcuni - sono rimasti scoraggiati e senza più fiducia nelle Istituzioni sta tutta nella parola inventata minorente. Parola che rende fin troppo bene l’idea dell’incapacità dell’essere umano di mettere in pratica iniziative, di sostenere una causa comune, di  mettersi in prima linea per combattere e migliorare la condizione propria e altrui, davanti al muro imposto da un altro essere umano, più forte ed egoista.
Per fortuna, non tutti i minorenti sono persone  silenziose e tristi, ci sono anche quelli che trasformano la loro inferiorità in un punto di forza e continuano a credere nell’equo, nell’educazione e nel rispetto.

“D’altra parte, la vita è un mistero: un mistero buono, nonostante tutto. C’è bisogno allora di non perdersi d’animo, ma soprattutto di avere consapevolezza dei propri gesti, in particolare di quelli che vengono posti in essere nella rabbia e nella disperazione.”

Recensione di Lorena Curiman






Recensioni ed articoli relativi a Massimo Cortese

(1) Candidato al consiglio d'istituto di Massimo Cortese- Il Parere di PB
(2) Non dobbiamo perderci d'animo di Massimo Cortese- Il Parere di PB

Testi di Massimo Cortese pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Lorena Curiman

(1) De vita beata di Teodoro Lorenzo- Il Parere di PB
(2) Candidato al consiglio d'istituto di Massimo Cortese- Il Parere di PB
(3) In principio fu il mare di Cinzia Pierangelini - RECENSIONE
(4) Non dobbiamo perderci d'animo di Massimo Cortese- Il Parere di PB
(5) Bacia questa terra di Ileana Vulpescu - RECENSIONE


 

Altre recensioni:





-

dal 2014-09-21
VISITE: 660


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.