Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Collabora con PB Cos'è PB?
TeleScrivente:    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    La biblioteca più alta del mondo (forse) (01/05/2018)    Lo stagno dei caimani - ritrovato il racconto perduto di Salgari (12/04/2018)    Il 12 Ottobre 2017 chiude i battenti la storica NETEDITOR (06/10/2017)    [18/07/2018] 10 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    FESTIVAL DEI DUE PARCHI scadenza 2018-07-20    L'umorismo, un modo di guardare la realtà scadenza 2018-07-21    Un Monte Di Poesia scadenza 2018-07-22    Città di Porto Recanati - Premio Speciale Renato Pigliacampo scadenza 2018-07-25    III Edizione della Giornata mondiale della Poesia con A.Monaco -100thousand poets for change 2018 scadenza 2018-07-25    Racconti di Milleparole scadenza 2018-07-30    Lo Scrittoio scadenza 2018-07-30    Giornalismo d'inchiesta - Italia, il bel Paese scadenza 2018-07-30    Uomini, e donne, sul mare scadenza 2018-07-31    FINO IN FONDO scadenza 2018-07-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    RECENSIONI     Coraline di Neil Gaiman Adattato e ilustrato da P. Craig Russell     A Sud dell’Alameda - Diario di un’occupazione di Lola Larra e Vicente Reinamontes     Ho sognato di vivere - Variazioni sul tema del tempo in Roberto Vecchioni di Mario Bonanno     Le case del malcontento di Sacha Naspini     Laura Morante, in punta di piedi di Stefano Iachetti    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
Facebook
La Rivista
PB numero 19
Scarica gratuitamente PB
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
34 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
11 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Adiós Fidel. All’Avana senza un cazzo da fare
di Alejandro Torreguitart Ruiz
PUBBLICATO su SITO



RACCOLTA DI RACCONTI
Ass. Culturale Il Foglio 2008
Prezzo € 15 - 184 pp.
(collana Letteratura cubana contemporanea)
ISBN 9788876061776
Una recensione di Maria Carmela Marinelli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 16
Media 77.5 %


Adiós Fidel. All’Avana senza un cazzo da fare

Nato come raccolta di pensieri e di riflessioni, presentato sotto forma di raccolta di racconti, Adiós Fidel si definisce un romanzo. “Se dico che è un romanzo, credetemi“ scrive l’autore nell’introduzione. “Perché tra queste pagine c’è la mia vita. Per la prima volta.” Questa contraddizione tra forma e contenuto caratterizza la vita stessa dello scrittore, ritratta in “rapidi schizzi, come pennellate grezze da artista di strada”, tra “lacrime e sangue”, “per ingannare il tempo”, nell’attesa che cambi qualcosa.

E mentre i suoi amici vanno via, Alejandro rimane a denti stretti in una realtà che non ha più sogni da regalare. Perché i veri eroi, precisa l’autore, sono quelli che restano e non quelli che vanno via, con il biglietto vincente del “Bombo” e il sogno di una vita nuova a Miami o in Europa. O semplicemente perché questa città così decadente, fatiscente, dove i palazzi cadono a pezzi e destano interessante solo nei turisti, è la città dei ricordi, del passato, delle speranze. E a questa città l’autore ci rimane attaccato con tutte le difficoltà che comporta, “per il solo terrore della nostalgia”.

E le difficoltà non sono poche. Non è facile suonare musica commerciale per necessità e desiderare di fare musica rock per passione, afferma lo scrittore. E come la sua vita da musicista risponde al motto „Vogliono salsa, e salsa dobbiamo fare“, così lo scrittore Alejandro Torreguitart Ruiz insaporisce le sue pagine di luoghi comuni, di salsa ballata negli scantinati, di rum acquistato al mercato nero, di mulatte cubane dagli occhi chiari e il fisico sodo che si muovono al ritmo di musica e di jineteras che si vengono ai turisti. È l’Alejandro–guida turistica che porta in giro i turisti per La Habana a bordo della sidecar di suo padre, che parla facendo leva sugli stereotipi cubani. Mentre scorrono queste immagini sul finestrino della sidecar, si intravede l’atteggiamento bivalente dell’autore, che da un lato sorride al lettore-turista con fare accondiscendente, e dall’altro strizza l’occhio verso il lettore attento, mentre racconta con tono altamente ironico, e a volte sarcastico, i retroscena socio-politico della Cuba di Fidel Castro.

L’immagine di Cuba fatta di salsa, prostitute, malecón, mare e sole si corrode allora lentamente sotto il tono dell’autore; dai pensieri nati all’Avana, “senza un cazzo da fare” emerge così è una realtà disincantata, nella quale l’attesa diviene simbolo di una condizione umana che accomuna il destino di più di undici milioni di cubani da oltre quarant’anni. È il tempo della speranza che qualcosa cambi; è il tempo della paura che tutto rimanga come prima. Tra le righe si tesse la storia di uno Stato che cambia e che non sa cosa vuole diventare, intrappolato tra il rimpianto e la nostalgia verso il passato rivoluzionario e lo sguardo preoccupato verso il futuro.

Recensione di Maria Carmela Marinelli






Recensioni ed articoli relativi a Alejandro Torreguitart Ruiz

(1) La marina del mio passato di Alejandro Torreguitart Ruiz- Il Parere di PB
(2) Adiós Fidel. All’Avana senza un cazzo da fare di Alejandro Torreguitart Ruiz- Il Parere di PB

Testi di Alejandro Torreguitart Ruiz pubblicati su Progetto Babele

(1) La lancita di Regla di Alejandro Torreguitart Ruiz - RACCONTO
(2) Il chulo di Alejandro Torreguitart Ruiz - RACCONTO
(3) Juntos de Nuevo di Alejandro Torreguitart Ruiz - RACCONTO

Altre recensioni di Maria Carmela Marinelli

(1) Morgana e le Nuvole di Alessandro Assiri- Il Parere di PB
(2) Bello dentro, fuori meno di Carmine Caputo- Il Parere di PB
(3) Express Tramway di Vittorio Baccelli- Il Parere di PB
(4) Attrazioni e distrazioni di Cesarina Bo- Il Parere di PB
(5) Adiós Fidel. All’Avana senza un cazzo da fare di Alejandro Torreguitart Ruiz- Il Parere di PB
(6) L' industria della traduzione di Gianni Davico- Il Parere di PB


 

Altre recensioni:





-

dal 2009-01-09
VISITE: 1989


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.