Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [22/05/2019] 15 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Una capitale a quattro zampe scadenza 2019-05-24    Settembre scadenza 2019-05-29    Poesia, Prosa e Arti figurative - Il Convivio 2019 scadenza 2019-05-30    Città del Giglio scadenza 2019-05-30    SCIENZA FANTASTICA scadenza 2019-05-31    Racconti nella Rete scadenza 2019-05-31    Lago Gerundo scadenza 2019-05-31     La Couleur d'un Poème scadenza 2019-05-31    Campaniliana 2019 scadenza 2019-05-31    Vito Ceccani 8° Edizione 2019 scadenza 2019-05-31    Metropoli di Torino scadenza 2019-05-31    Alessio Di Giovanni scadenza 2019-05-31    Poesie d'Amore scadenza 2019-05-31    DONNE . . . ieri, oggi, domani “Datemi il mio nome e non chiamatemi solo Donna” scadenza 2019-06-01    XXII Premio Nazionale MIMESIS di poesia edita e inedita scadenza 2019-06-05    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
41 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Come Dio comanda
di Niccolò Ammaniti
PUBBLICATO su SITO


ROMANZO
Mondadori 2006
Prezzo € 19 - 495 pp.
Scrittori Italiani e Stranieri
ISBN
Una recensione di Carlo Santulli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 41
Media 75.12 %


Come Dio comanda

Si sa, i registi d'opera alle volte hanno idee curiose: per esempio, sentivo dire recentemente che per un allestimento del “Benvenuto Cellini” di Hector Berlioz al festival di Salisburgo 2007, il terzo atto, che dovrebbe essere ambientato in una Roma tra Rinascimento e Barocco, dove il fulgore dell'arte e dello splendore papale aveva raggiunto il massimo, veniva fuori come se avesse luogo in uno spazio che il commentatore definiva non molto diverso da Gotham City, la città di Batman. Il paragone è direi ardito, però forse sto cogliendo una moda culturale imperante, se anche Varrano, cittadina o quartiere satellite della galattica periferia capitolina, dove si ambienta la vicenda di “Come Dio comanda”, ultimo romanzo di Niccolò Ammaniti, e premio Strega 2007, assomiglia più a Gotham City che ad un qualunque suburbio italiano. Nessun problema, ovviamente: tranne che a quanto pare qui Ammaniti si mette a fare il sociologo ed a descrivere le nostre periferie, in particolare il rapporto tra Cristiano, povero ragazzo adolescente, ed il padre vedovo e palesemente fuori di cotenna, Rino.
Sono rimasto molto stupito dal successo di questo romanzo, ma forse sembra dovuto al fatto che non sono riuscito a trovarvi neanche una briciola di originalità, e si sa che l'originalità stanca, fa pensare, e comunque non è di moda. Qui ci sono cinquant'anni ed oltre di thriller americano, dal “Postino suona sempre due volte” in poi, mescolato con certe nostre prove neorealistiche (mi fa ricordare per esempio “Ladri di biciclette”, il romanzo, non il film), e con lo Steinbeck di "Pian della Tortilla", nella descrizione della strana comitiva di miserabili (“mascalzoni” li definisce l'autore nel suo blog) e sembra di rivedere qualche film di Dario Argento come “Tenebre”. Poi ci sono le solite menate sui poveri giovani che si drogano, si ubriacano, si fanno piercing, eccetera, ed hanno dei genitori cretini, come quelli di Fabiana, oppure tratti direttamente da “Un posto al sole”, come la madre di Esmeralda: così l'intellettuale medio si rassicura sul fatto che l'autore è tremendamente impegnato, ed ha una propria idea, politicamente corretta, della realtà pazzesca e terribile in cui viviamo. Mi spiace solo che manchi una tirata sul cosiddetto precariato e sul crollo della triplice sindacale, che ci sarebbe stata bene (ma a ben vedere c'è l'aggressione di Zena al figlio dell'imprenditore, ispirata da un celebre incipit di un libro di Pennac). Però c'è, a detta delle note di copertina, molto humour: eh sì, in effetti, ho rilevato tre o quattro gag dei tempi di Cric e Croc, nemmeno queste molto originali, solo un pochino più volgari, perché viviamo in un mondo davvero spaventoso, o almeno ci vive Ammaniti, e francamente non lo invidio (e, a dirla tutta, le note di copertina dovrebbero spiegarci cosa ci sarà mai da ridere). E' un'Italia del tutto artificiale (ma è il nostro paese?), sembra l'incubo di un quattordicenne mai uscito di casa e rimbambito da TV e play-station. Deve essere però l'Italia, perché ci sono Bruno Vespa e Valentino Rossi, e le canzoni di Elisa e di Gino Paoli: o in ogni modo, anche a Gotham City c'è la pizza con le patate ed il rosmarino, il che mi consola, perché da miei studi dettagliati, come cultore della stessa, tale pizza è di difficile reperibilità a nord di Foligno, o a sud di Gaeta. Batman non deve vivere troppo lontano da Roma: non lo sapevo, e ne farò tesoro, non sia mai mi dovesse essere utile in qualche ingorgo.
Naturalmente il dramma accade mentre piove, e non è mai piovuto così tanto, e si allaga tutto, e c'è una specie di tornado, nel quale succedono cose terribili: stupri, assassinii, pedofilia e poi necrofilia qua e là, due amanti nudi fuori da un camper scoperchiato (sui quali tornerò), un terribile incidente vicino ad un bancomat ed altro. La trovata del temporalone e della notte di tregenda era già vecchia al tempo del “Guglielmo Tell” di Rossini e la connessione perfettamente lineare di questo con il dramma, fintamente confuso dall'autore (forse si è fatto aiutare da un po' di editing) è di un'ingenuità da terza elementare, ma pazienza, tanto la mattina dopo spioverà: alba livida, carrellata sui danni del tifone, o quel che è (non vivo a Gotham City, e non so essere più specifico, mi spiace). Il problema è che il romanzo rimane impantanato nella bufera e non si rialza più: per dare la sensazione visiva di quel che è accaduto, l'autore comincia a piagnucolare sulla povera sorte dei miserabili e delle loro vittime, il che va avanti per altre duecento pagine (la concisione sembra un dono perduto negli ultimi tempi), fino ad un funerale con bara bianca, e famiglia perfettamente borghese in prima fila, mentre Cristiano, che è ricomparso dopo un'eclissi durata circa un terzo del romanzo, ci espone a doppio binario, in modo molto simile, ma ahimé solo strutturalmente, a quanto vediamo in Paul Auster, le sue banali azioni ed i suoi pensieri conseguenti. Ecco, Cristiano fa un po' pena, non tanto per il fatto di avere un padre alcolizzato e non proprio brillante (capita purtroppo anche nella realtà), ma perché poteva essere un personaggio interessante ed invece, complice un trattamento dei dialoghi abbastanza imbarazzante, da film di Bombolo e Cannavale, si mantiene a bagnomaria in un amore un po' folle e delirante per Rino e per il suo mondo, ma rimane molto al di qua dal penetrare la pagina.
Una nota suggestiva c'è, però, che ci fa ricollegare a quanto già detto per “Caos calmo”, altro premio Strega. Ricordate forse i due amanti nel camper scoperchiato: ah ah, attenzione, lui è un cattolico, uno della parrocchia (o meglio, di quella di Ammaniti, perché io un soggetto così non l'ho mai conosciuto), e quindi è ipocrita e marcio, ovviamente puzza (che novità: v. “Caos calmo”) e va a letto (per modo di dire, ovviamente) in un camper, anch'esso puzzolente, con la moglie del migliore amico: ecco, credo che questo pezzo dovrebbe far ridere, perché Ammaniti ce la mette proprio tutta, lo fa anche provenire da Ariccia, cosa esilarante evidentemente per un pariolino; pensate, un cattolico che si permette di giudicare, come assistente sociale (anche sulla visione dell'autore degli assistenti sociali ci sarebbe da dire), una famiglia modello come quella di Rino Zena e quel poveraccio del figlio, ha un'amante e riesce anche ad averci un rapporto sessuale (beh, più o meno, ma si sa, i cattolici...). Nel seguito, quel deficiente di Beppe Trecca si fa anche convincere da un frate, o sì, forse no... E si pente, forse sì, forse no (eh sì, i cattolici di Gotham City sono anche abbastanza indecisi).
A questo punto, aspetto con una certa curiosità il Premio Strega 2008, sperando che qualcuno mi regali il romanzo vincitore (sapete, ho famiglia, parecchie spese arretrate, e per dirla tutta ci sono ancora parecchi libri che vorrei leggere)...

Recensione di Carlo Santulli






Recensioni ed articoli relativi a Niccolò Ammaniti

(1) Come Dio comanda di Niccolò Ammaniti- Il Parere di PB
(2) Io e te di Niccolò Ammaniti - RECENSIONE
(3) Io e te di Niccolò Ammaniti - RECENSIONE
(4) Papir in meso antologija italijanske kratke proze
(Carta e carne – antologia della prosa breve italiana) di a cura di Sergio Sozi, traduzione di Veronika Simoniti
- RECENSIONE

Testi di Niccolò Ammaniti pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Carlo Santulli

(1) Quei gran pezzi dell'Emilia Romagna di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini - RECENSIONE
(2) Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi- Il Parere di PB
(3) La gallina volante di Paola Mastrocola- Il Parere di PB
(4) Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti- Il Parere di PB
(5) Operazione Arca di Noè di Andrea Coco- Il Parere di PB
(6) Il castello incantato di Emiliano Grisostolo- Il Parere di PB
(7) Cassandra di Laura De Santis- Il Parere di PB
(8) Cuore e acciaio - estetica dell'animazione giapponese di Marcello Ghilardi- Il Parere di PB
(9) La nascita della bellezza - da Bruegel a Basquiat ritratti di un mondo segreto di Maria Grazia Mezzadri Cofano- Il Parere di PB
(10) Sia fatta la tua comicità. Paradise strips di Pietro Pancamo- Il Parere di PB
(11) Le parole e la pietra di Fabio Clerici- Il Parere di PB
(12) I traditi di cefalonia - la vicenda della divisione Acqui 1943-1944 di Paolo Paoletti- Il Parere di PB
(13) Alloggio vista mare di Cesarina Bo- Il Parere di PB
(14) Geules Noires (Musi Neri) di Monica Ferretti- Il Parere di PB
(15) Arca allo sbando? di Enrico Meloni- Il Parere di PB
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:





-

dal 2007-10-29
VISITE: 8265


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.