Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [15/10/2019] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Linee di Paesaggio” scadenza 2019-10-28    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Presentazione del romanzo storico Il Barone - Una offerta di lettura agli studenti di un Liceo (NOSCELTA 2019-10-15)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
5 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Mundial
di Mario Adinolfi
Pubblicato su PB14


ROMANZO
Halley 2004
Prezzo € 13 - 76 pp.

ISBN
Una recensione di Sabina Marchesi
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 54
Media 77.96 %


Mundial

Mario Adinolfi è nato a Roma nel 1971, di professione giornalista, è oggi una delle penne più acclamate del Web. Collaboratore di numerose testate giornalistiche, ha lavorato anche alla redazione del TG1 ed è stato conduttore di un programma televisivo.

Vincitore del Premio Ilaria Alpi nel 1997, è il fondatore del seguitissimo blog www.marioadinolfi.ilcannocchiale.it.
Mundial è il suo secondo romanzo, edito dalla Halley e presentato nella inedita veste, almeno per l’Italia, di volume con Audiolibro a corredo.
Già questa scelta la dice lunga sulla qualità dell’opera, che resa in forma di un unico e assoluto monologo narra di un’indagine a ritroso, dove un commissario di polizia, di cui non ascoltiamo mai la voce se in forma riportata, tenta di identificare il colpevole di una serie di omicidi compiuti nella ristretta cerchia di un gruppo di amici, ormai completamente decimati.
Ne restano solo due di sopravvissuti, e su uno dei due si appuntano i sospetti del commissario, un commissario donna per di più. Il romanzo inizia e termina con il lungo interrogatorio nei confronti di uno dei sospettati,mentre l’altro attende in anticamera di essere ascoltato a sua volta.
Il vantaggio di un audiolibro, poco diffuso in Italia, è che si può assaporare il testo in una doppia chiave di lettura, ascoltando e leggendo, riascoltando e rileggendo, gustando meglio i passi cruciali messi sapientemente in rilievo da un lettore professionista. Mentre la voce suadente della lettura teatrale si snoda nell’abitacolo della vettura, durante il tragitto da casa al lavoro e viceversa, è inevitabile che si ritorni con la mente al fascino senza tempo dei vecchi radiodrammi trasmessi alla radio negli anni sessanta.
Pochi altri testi si prestano come questo a una riduzione audio, perché per tutto il libro l’unico che parla è il protagonista, il sospettato, e l’intera storia è riproposta come un lungo interminabile monologo, attraverso cui filtrano i fatti, gli eventi, le impressioni e le azioni degli altri personaggi coinvolti.
Ma ciò nonostante noi sentiamo tangibile, anche senza vederla, l’ansia crescente del commissario Micol Malfatti, che vorrebbe stringere i tempi dell’interrogatorio mentre il sospettato divaga.

Per tutto il tempo è lui, l’indiziato numero uno, a condurre i giochi. E’ lui che decide i tempi e i modi della sua narrazione, è lui che stabilisce cosa rivelare, come e quando. E all’avvenente commissario Micol non resta altro che scalpitare impaziente dietro la scrivania perché, come dice il protagonista "Io sono qui per dire. Per dire di me. Di persone, cose, idee che ci sono, ci sono state o non ci sono più. Questo non è, non vuole essere, un racconto. Non offro una qualche successione di aneddoti da comporre in sequenza e interpretare. Caro commissario, io offro i fatti per come si sono effettivamente svolti. Offro, mi perdonerà l'impudenza, la verità".

E se vuole sapere la verità il Commissario Malfatti deve adattarsi, stare al gioco, lasciare che l’indiziato riveli i fatti a modo suo, fino all’ultima beffa finale.

Tutto è incentrato sui Mundial. Su quel periodo magico in cui l’Italia giocava nei Mondiali, vincendo e confrontandosi con le migliori squadre di calcio durante la Coppa del Mondo: Argentina 1978, Spagna 1982, Messico 1986. La storia si dipana lentamente, saltando come i Mondiali, di quattro anni in quattro anni.

Impariamo a conoscere l’indiziato, la sua compagnia di amici, tutti appassionati di calcio, le modalità degli omicidi, la personalità del Commissario i cui interventi ci vengono riportati dai commenti indiretti del suo interlocutore. Attraverso lui conosciamo le sue reazioni, i suoi tentativi di indirizzare la conversazione, le sue domande trabocchetto.

Ma la partita a due si continua a giocare sempre in pareggio. Nessun passo avanti da parte del commissario, che se anche sospetta, fino alla fine, all’atto conclusivo, non è in grado né di incriminare il sospettato, né tanto meno di motivarne il gesto. Perché mai questo pacifico uomo, di cui solo all’ultimo conosciamo il nome, Robert, avrebbe dovuto sopprimere tre dei suoi vecchi amici di gioventù?

Questo non lo sapremo mai, neanche alla fine, come un buon giallo psicologico, le motivazioni vengono lasciate in sospeso, ma la cosa ha poca rilevanza nel contesto di un meccanismo narrativo perfettamente funzionante che ci porta verso la soluzione mossa dopo mossa come in una partita a scacchi.

E a chiudere il filo conduttore del Mundial, la soluzione del mistero ci verrà svelata proprio durante il gol risolutivo della partita Italia-Corea nel corso dei Mondiali del 2002.
Un giallo avvincente che si divora e si ascolta con piacere, in questa gradevole collana di Audiolibri, edita dalla Halley che, vale la pena ricordarlo, è la prima collana di narrativa italiana inedita che unisce al volume anche il Cd con la lettura teatrale del testo, da ascoltare in viaggio o ovunque si voglia.

Recensione di Sabina Marchesi






Recensioni ed articoli relativi a Mario Adinolfi

(1) Mundial di Mario Adinolfi- Il Parere di PB

Testi di Mario Adinolfi pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Sabina Marchesi

(1) Mundial di Mario Adinolfi- Il Parere di PB
(2) The Others di Sabina Marchesi - RECENSIONE
(3) Nave fantasma di Sabina Marchesi - RECENSIONE
(4) L' insonne di Cinzia Tani - RECENSIONE


 

Altre recensioni:





-

dal 2004-11-10
VISITE: 6454


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.