Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [16/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Il Contesto scadenza 2019-06-16    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
29 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Di mostrare le cose a parole
di Giovanni Di Muoio
PUBBLICATO su SITO


RACCOLTA DI RACCONTI
Giulio Perrone Editore 2005
Prezzo € 10 - 108 pp.

ISBN 886004023X
Una recensione di Salvo Ferlazzo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 47
Media 77.66 %


Di mostrare le cose a parole

Possono coesistere due mondi, uno dei quali risponde al più grossolano epicureo:" mi piace"; mentre l'altro va incontro a dolci esperienze estetiche ed etiche, rasentando la coscienza del sublime?
Un simbolo della comunicazione, un dentro che diventa voce non appena avverte l'esigenza di farsi fuori.
Fuori dai concetti ambigui, oscuri, retorici che vorrebbero relegare questa comunicazione entro i confini angusti di una falsa morale, di un'arte altrettanto falsa.
Nella ricerca dei modi di comunicare, si ritrova il piacere della lingua, in un ancoraggio mnemonico che richiede uno sforzo minimo, ma che restituisce un quadro di insieme dal forte impatto emotivo.
Da "mentre voi dormite" a " avere vent'anni o non averne affatto", passando per "certe parole non dette" e " ora puoi aprire gli occhi", oppure "vicini", fino alla supplica "portami con te Avvocato Agnelli", è una continua ricerca che trova il suo sbocco quasi naturale in un simbolismo descrittivo dentro il quale vita e pensiero, esistenza e arte coincidono.
Ogni racconto, pur se a prima lettura, sembra indulgere in un realismo semplice e immediato, rivela piuttosto una sensibilizzazione della coscienza di fronte ai ritmi reali della in-significanza della vita.
Allora, i racconti si storicizzano in un pluralismo d'immagini variamente disposte, ma tutte riconducibili, ricondotte, ad unità strutturale di questa dicotomia esistenziale: la solitudine e l'amore.
La solitudine della popolazione di Vidalle, priva della luna, compagna del sole; la solitudine di chi affidava il suo amore a frasi scritte su cartamoneta.
L'amore che non sarà scritto su carta, perchè nessuno insegnerà a scrivere lettere d'amore.
Dall'amore alla solitudine, e viceversa,e poi ancora amore fino a che la storia del vissuto, del processo della vita emotiva non trovano il loro dato biografico.
Persino la morte nei suoi segni più intimistici (v. il mare ad occhi chiusi, portami con te...) diventa momento dinamico per riconsiderarne la sua stessa natura: porta a rivedere, con una sorta di apertura coscienziale, ciò che è stato.
Diventa motivo di un pensiero di pagana spontaneità, quasi una dionisiaca esaltazione:" Certo io al mare ce l'ho portata la signora Vassallo...sarebbe bastato calare a mare la cassa e io sopra, a cavalcioni, remando deciso fino a Positano". Ecco la spontanea solarità mediterranea che si traduce in una specie di marcia  incontrare il desiderio e l'amore.
Riduzione temporale di un futuro sospeso rispetto ad un presente ricomposto nello svuotamento di un istante vissuto come presenza incorporea. Passione amorosa mai esaudita, ricordo di dolci emozioni mai dimenticate.
Motivi elegiaci, raccolta di ricordi che si tramanda nelle frasi, risolvendo il problema del tempo.
Problema del temppo come entità psicologica, esistenziale, in una evidenza totale, in una attuazione celebrativa della mera esistenza di ognuno dei personaggi.
L'autore, sin dalle prime pagine, ha strutturato, quasi in maniera definitiva, i suoi protagonisti in una relazione io-altri, che mai li confina in una spenta, grigia mediocrità.
Alejandro e Gabriela, io e tu di "manca la carta", Orazio, e gli altri che seguono non stanno maid entro le regole. Ecco perchè ci coinvolgono: perchè sono fuori gioco.
Di Muoio non indulge nell'enfasi; abile nel rimanere discreto nelle situazioni dai contorni sfumati, è rapido quando deve mostrare situazioni fatali, concrete, dove l'azione umana non si riduce a corpo e il tempo a presente.
Egli avverte per tempo il lettore, e questo fa del libro un momento di lettura non indifferente in cui tutti i protagonisti sembrano usciti dal pennello di Telemaco Signorini.

Recensione di Salvo Ferlazzo






Recensioni ed articoli relativi a Giovanni Di Muoio

(1) Di mostrare le cose a parole di Giovanni Di Muoio- Il Parere di PB

Testi di Giovanni Di Muoio pubblicati su Progetto Babele

(1) Con tre dita puoi solo giocare a bowling di Giovanni Di Muoio - RACCONTO

Altre recensioni di Salvo Ferlazzo

(1) Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali - RECENSIONE
(2) La vigilia di Natale di Maurizio Bassani- Il Parere di PB
(3) Le vie dei ritorni di Luciana Caranci- Il Parere di PB
(4) Quando i media staccano la spina di Gilberto Mastromatteo- Il Parere di PB
(5) La marina del mio passato di Alejandro Torreguitart Ruiz- Il Parere di PB
(6) Non si sa mai di Donatella Placidi- Il Parere di PB
(7) Il ghiaccio nei tubi del verderame di Tito Ettore Preioni- Il Parere di PB
(8) L' ottavo giorno della settimana di Roberto Stranieri- Il Parere di PB
(9) Tre semplici sconosciuti di Andrea Franco- Il Parere di PB
(10) I sessanta nomi dell'amore di Tahar Lamri- Il Parere di PB
(11) Il confine invisibile di Alfio Cataldo Di Battista- Il Parere di PB
(12) Transit di Abdourahman A.Waberi- Il Parere di PB
(13) La collezionista ovvero la Sindrome di Babbo Natale di Chiara de Luca- Il Parere di PB
(14) Mai - Linkami l'immagine di Leonardo Marini - Carmine De Falco- Il Parere di PB
(15) Di mostrare le cose a parole di Giovanni Di Muoio- Il Parere di PB


 

Altre recensioni:





-

dal 2006-01-20
VISITE: 3348


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.