Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [22/04/2019] 16 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Passioni, desideri, tentazioni, fra realtà e fantasia. scadenza 2019-04-23    SCENICCHIA UNA SEGA #2 PRATICAMENTE UN CONCORSO LETTERARIO scadenza 2019-04-26    La Farnia d'Oro In terra nostra scripta apparuerunt scadenza 2019-04-30    Il Prete Bambino scadenza 2019-04-30    Premio drammaturgico per testi a tematica gay scadenza 2019-04-30    La tecnologia è magia? scadenza 2019-04-30    L’Ebbrezza della vita scadenza 2019-04-30    Città di Latina scadenza 2019-04-30    Onigo Mura bastia scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Tra Secchia e Panaro scadenza 2019-04-30    Il Sogno del Poeta scadenza 2019-04-30    OCEANO DI CARTA scadenza 2019-04-30    Nuova Scrittura Ermetica 2019 scadenza 2019-04-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
52 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
4 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Transit
di Abdourahman A.Waberi
PUBBLICATO su SITO


ROMANZO
Morellini Editore 2005
Prezzo € 12 - 147 pp.
Collana Griot
ISBN 8889550015
Una recensione di Salvo Ferlazzo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 42
Media 76.43 %


Transit

Leggendo il romanzo di Abdourahman Waberi, verrebbe da chiedersi se Gibuti sia poi così lontana dall’Europa, come le carte geografiche mostrano.

Eppure, il libro di Waberi induce a ritenere di no.

Cinque personaggi accomunati dall’esigenza di raccontarsi, di occupare un posto sulla scena del transit dell’aeroporto Roissy-Charles De Gaulle, si contendono la scena, con lo scopo di “raccontarsi” in modo diverso dal solito.

Il loro progetto parte da lontano, da due regioni del globo contrapposte, che si congiungono in un punto di questo piano cartesiano dell’esistenza di ognuno di loro, di ognuno di noi.

I personaggi di Waberi rispondono ad una domanda della mente, comparsa altre volte, ma che tuttavia non aveva ancora assunto quella consistenza dovuta e propria delle idee quasi assillanti.

In quello spazio percorso da una moltitudine di gente che si vede soltanto in controluce, essi vivono i momenti di sosta nel transit in compagnia di una presenza segreta. Meditativa, comunicata attraverso ricordi sparsi, dove rappacificazione, compassione, malinconia, come evocati di un “largo” musicale, aprono i loro occhi verso altri orizzonti.

In quello spazio-tempo di contrattazione tra i molti “io”, vanno cercando una sintesi per raccontarsi, e spiegarsi.

In una sorta di armistizio immaginario, Bashir depone la sua divisa sporca della polvere e del sangue dei giorni combattuti contro i ribelli, per vestire i panni dell’esule imperfetto, perché ancora vincolato dagli istinti di quel suo essere voce e linguaggio delle viscere. Forse il suo ravvedimento è tardivo, e sicuramente non cancella il percorso della sua vita.

Nello scontro fra gli issa, fautori dell’indipendenza di Gibuti, e gli afar, che chiedevano il mantenimento dei legami con Parigi, si inserisce la figura romantica, ma disillusa, di Harbi, intellettuale che vive ancora una passione civile e politica non del tutto sopita.

Ha lasciato il cuore nel suo paese, e deve occuparsi solo dal suo corpo.

Avverte ancora, come uno schiaffo, la risposta che ricevette quando domandò chi fossero quelle persone, i francesi, e perché fossero nel suo paese.

“ Perché sono più forti di noi”, si sentì rispondere.

Egli vive, nel 1977, la splendida esperienza dell’indipendenza di Gibuti, e ne ricava sogni, speranze per un futuro diverso.

Ma le vicende storico-politiche degli anni seguenti, lo avrebbero svuotato dei tanti sogni giovanili.

Adesso vive a cavallo di due continenti, e inforcate le lenti di chi ha studiato in Europa, vede ancora flussi di gente del suo paese, e di altre zone d’Africa, spostarsi per andare a trovare pace, serenità in una Europa non ancora sintesi politica al suo interno, e men che meno con gli epigoni storici di questa transumanza sconvolta da circostanze ostili, condizionamenti pervicacemente voluti, contingenze che non danno tregua.

Harbi affida, allora, al ricordo delle sole persone che in quel momento lo accompagnano nella solitudine di quel transit, la possibilità di un senso all’esistenza: suo padre, Awaleh, suo figlio Abdo-Julien, sua moglie, la bretone Alice.

Da questo momento in poi, la narrazione di Waberi si arricchisce, così, di un nuovo elemento: la memoria ,chiamata a rispondere perché quelle traiettorie esistenziali, disegnate per ricomporre un’immagine rinata, non cadano vittime di una non-esistenza.

Waberi disvela un intimismo a volte irrisolto, a volte no, che conduce per mano i tre protagonisti che tentano di governare quei frammenti di esistenza che li hanno educati e che loro stessi hanno generato.

Waberi diventa lo scriba prediletto delle loro memorie, aiutandoli a sostenere quel sentimento che i latini chiamavano pietas di sé, e che altro non è se non quella speciale sensazione di benessere, e di pace, che la reminiscenza genera, quasi una sorta di pedagogia della vita.

In questa proustiana rechérchè maturano le condizioni lenitive, e i poteri analgesici di questo lavoro della memoria.

Nel ritmo impresso dalle immagini evocate, nei colori mai chiassosi, ma sempre discretamente presenti, si muovono Awaleh, Alice, e Abdo-Julien.

L’autore mostra ognuno di questi personaggi collocato nel suo cono di luce, dove il gesto della memoria diventa irripetibile, perché il successivo esclude il precedente.

La dissolvenza esistenziale dei loro racconti alimenta,si, il sentimento del distacco, razionalizzando la percezione della nuova condizione; ma allo stesso tempo, fornisce la chiave ricompositiva per elaborare nuove connessioni dentro spazi e corridoi che restituiscano la giovevole sensazione della presenza di molte, tante dimensioni e di crearne, quindi, di nuove.

Integrazione ed integralismo costituiscono il movente dell’analisi esistenziale dei cinque personaggi; il transit diventa il brodo di coltura per favorire una metodologia retrospettiva, quasi una sorta di storicizzazione del passato, a condizione che la sedimentazione forzata dei ricordi non prenda il sopravvento e rimescoli in un indistinguibile presente, i brandelli di quei ricordi che costituiscono la loro vita, e anche la nostra.

Oliver Sacks scriveva “…Senza memoria la vita non è vita. La nostra memoria è la nostra coerenza, la nostra ragione, il nostro sentimento, persino il nostro agire”.

Recensione di Salvo Ferlazzo






Recensioni ed articoli relativi a Abdourahman A.Waberi

(1) Transit di Abdourahman A.Waberi- Il Parere di PB

Testi di Abdourahman A.Waberi pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Salvo Ferlazzo

(1) La vigilia di Natale di Maurizio Bassani- Il Parere di PB
(2) Le vie dei ritorni di Luciana Caranci- Il Parere di PB
(3) Quando i media staccano la spina di Gilberto Mastromatteo- Il Parere di PB
(4) La marina del mio passato di Alejandro Torreguitart Ruiz- Il Parere di PB
(5) Non si sa mai di Donatella Placidi- Il Parere di PB
(6) Il ghiaccio nei tubi del verderame di Tito Ettore Preioni- Il Parere di PB
(7) L' ottavo giorno della settimana di Roberto Stranieri- Il Parere di PB
(8) Tre semplici sconosciuti di Andrea Franco- Il Parere di PB
(9) I sessanta nomi dell'amore di Tahar Lamri- Il Parere di PB
(10) Il confine invisibile di Alfio Cataldo Di Battista- Il Parere di PB
(11) Transit di Abdourahman A.Waberi- Il Parere di PB
(12) La collezionista ovvero la Sindrome di Babbo Natale di Chiara de Luca- Il Parere di PB
(13) Mai - Linkami l'immagine di Leonardo Marini - Carmine De Falco- Il Parere di PB
(14) Di mostrare le cose a parole di Giovanni Di Muoio- Il Parere di PB
(15) Il Gigante di Marco Roberto Capelli- Il Parere di PB


 

Altre recensioni:





-

dal 2005-11-01
VISITE: 5226


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.