Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [18/09/2019] 7 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Scribo scadenza 2019-09-18    Mondo Artigiano scadenza 2019-09-20    360 Autori per tutto l’anno scadenza 2019-09-21    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CartaCarbone Festival Letterario Autobiografia e dintorni 2019 | Presentazione della sesa edizione - Treviso, Sabato 21 Settembre 2019, ore 11, Chiesa di San Teonisto (FESTIVAL LETTERARIO 2019-09-21)    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Ritratto di signora in rosso di Bruno Corino     Ore 04.50 Giorno Primo di Consolato Mercuri     Ore 04.50 - Giorno terzo di Consolato Mercuri     Solitudine di Carla Montuschi     Speranze di Maria cristina Piazza    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
26 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Quando si alza il vento
di Emanuele Serra
Pubblicato su SITO


ROMANZO
Voras 2011
Prezzo € 13 - 130 pp.
(collana Hydra)
ISBN 9788896253144
Una recensione di Valeria Francese
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 51
Media 77.25 %


Quando si alza il vento

Quando la scrittura si alza, si alza un vento che sa dire molte cose, inchinarsi dinanzi alla vita e far entrare la morte, con la stessa grazia, e con la cortesia di sempre, chi sa essere ospitale, nonostante a piombare in casa, sia semplicemente una tragedia.

Ma deve essere una scrittura sapiente, affinché si possa essere accoglienti con l’ospite doloroso, con credibilità, quasi in assenza di pianto ed in totale rinuncia all’edulcorante della retorica.

Perché insomma sia un vento loquace e narrativo ad alzarsi, ciò che soffia deve essere una scrittura leggera come questa di Emanuele Serra, che non si impone per autorità ma si installa con brivido, nel gesto più semplice che la parola fa, quando si presenta con onestà di sensi e di scene, quando non solo si mette a dire la vita ma si fa tutt’uno con essa e non la estrae da qualche cassetto di utensili e tecniche, bensì se la tiene addosso, come un parassita che porta salute e porta verità.

Un gesto di tal pregio, è la scrittura di Emanuele che, in Quando si alza il vento, racconta la storia di una donna alle prese con la sconfitta e l’ardua sentenza che le viene imposta: imparare a diventare adulta, in pieno dolore, attraversando le assenze, le porte chiuse, i ricordi maneggiati con cura a più riprese, fino all’ultima impresa, quella più difficile, affrontare la morte provando a lenirne lo status, provando a sostituirla con un po’ di vita residua.

La storia di questo vento è di quelle che il vento stesso, per pudore, a volte nasconderebbe, in luoghi intatti dal dolore, se mai questi esistessero.

Ma non esistono, almeno non per noi, che siamo creature finite a cui è stato detto di imparare a soffrire, almeno con la stessa qualità con la quale abbiamo dovuto imparare a vivere.

Ed allora il vento si alza, durante una lettura che procede rapida ed intensa, attraverso luoghi narrativi densi come fotografie e sospesi come arie solo immaginate; si alza e muta il clima, altera un colore, suggerisce un pensiero, fa sorridere per il miracolo che compie la letteratura d’autore, ogni volta che si impenna nella vita e la supera quasi, per inventiva, per l’immediata capacità che ha, di stringere in un pugno di pagine l’intensità di un miracolo.

Lei, protagonista del suo essere lei, è appunto lei, ha avuto una vita difficile, al limite della sopportazione, piena di limpidi momenti di gioia in cui già l’ombra della morte si allungava sulle cose e scoloriva le scene; una vita, ancora, piena di dolorosi intervalli in cui la morte è venuta ad annunciarsi senza il timore di spaventare una ragazzina; la vita di una lei, che è quella di una qualunque lei che scopre nell’amore la forza creativa ed insieme distruttiva di un dio che si diverte a scombinare i pezzi di un’esistenza. E’ una lei che conosce l’amore sempre per via di rinuncia, che quando ama si ammala, che quando si ammala scopre l’amore, che quando dà vita per amore, la sua stessa vita comincia ad essere amabile.

Solo apparente, in questa processione di emozioni, silente e sacra, come quella dei santi in cammino lungo il corso di una qualunque città, è il tema della scelta: solo apparentemente lei, dovrà scegliere fra la vita e la morte; perché in realtà, poco prima che il vento cessi e si adagi come un velo sulla terra, non avviene nessuna scelta se non quella fra la vita e la vita, fra l’amore e l’amore stesso, fra lei e sua figlia, che in fondo, continua ad essere propaggine di lei, ramo del suo stesso cuore.

L’epilogo, dunque, è inatteso, sorprendente l’interpretazione che questo autore fa del senso di ogni redenzione.

Se redenzione ci si aspetta, in questo mondo, o in qualunque modo, dal male che abbiamo subito, l’autore ci indica un modo per essere meno attendisti e forse più coraggiosi; un modo di vivere la revanche che è lieve come il perdono per la vita stessa, che è leggero come il vento di una stagione che non aggredisce ma è come una tela tersa sulla quale, semplicemente si mostra l’indimostrabile.

E la morte viene a fare compagnia alla morte, ecco l’epilogo di forza che installa il nostro autore, dove la somma delle negazioni, per contrasto, fa fiorire una presenza, un sintomo di positività, che può ancora chiamarsi vita.

E’ una storia scritta da un uomo, che ha la delicatezza di raccontare una storia di donna, con quello spirito ibrido che solo i grandi scrittori possono vantare; è la storia di una donna che ha la volontà pragmatica di vivere la sua esistenza costellata di lutti e rinunce, con la determinazione e la salda fermezza di un uomo.

L’autore e la protagonista si scambiano i sessi, con quella fluidità dei punti di vista, con quell’affetto che si instaura tra un creatore e la sua creatura, tali da rendere questa storia una vicenda universale, una di quelle che forse, solo per caso, sono accadute per davvero; una storia che, però, non per caso, si è calata in una scrittura, orientata ed orientatesi, come questa di Emanuele Serra, capace di fare di ogni catarsi tragica uno schizzo sorridente di penna. Anzi, di vento.

Recensione di Valeria Francese






Recensioni ed articoli relativi a Emanuele Serra

(1) Quando si alza il vento di Emanuele Serra- Il Parere di PB
(2) La distanza che ci divide di Emanuele Serra - RECENSIONE
(3) Mi mancano i plugin di Emanuele Serra - RECENSIONE

Testi di Emanuele Serra pubblicati su Progetto Babele

(1) Try rolling on my wheels di Marisa Cecchetti - RECENSIONE
(2) Cronache del vicolo di Domenico Infante - RECENSIONE
(3) Mi mancano i plugin di Emanuele Serra - RACCONTO

Altre recensioni di Valeria Francese

(1) Quando si alza il vento di Emanuele Serra- Il Parere di PB
(2) L artiglio di Enrico Solmi- Il Parere di PB
(3) L' ultima notte di Emiliano Grisostolo- Il Parere di PB
(4) Viandanti di Angelo Nalgeo Nese- Il Parere di PB
(5) Cento per Cento di Sacha Naspini- Il Parere di PB
(6) La mia ragazza quasi perfetta di Luca Rota- Il Parere di PB
(7) Prima Vita di Stefania Crozzoletti- Il Parere di PB
(8) Carne Fresca di Stella Duffy (Traduttore Mioni A.)- Il Parere di PB
(9) I nuovi veneziani di A cura di Caterina Falomo- Il Parere di PB
(10) La stanza viola di Arianna Pellegrini- Il Parere di PB
(11) Il carro di Dioniso di Mirco Marchesi- Il Parere di PB
(12) Pittori piuttosto pittoreschi di Massimo Zanicchi- Il Parere di PB
(13) Lo scorpione di Massimo Zaina- Il Parere di PB
(14) Sophìa di Marco Gabrielli- Il Parere di PB
(15) L' Ultima Notte di Emiliano Grisostolo - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:





-

dal 2012-01-16
VISITE: 3241


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.