Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [20/05/2019] 14 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Una capitale a quattro zampe scadenza 2019-05-24    Settembre scadenza 2019-05-29    Poesia, Prosa e Arti figurative - Il Convivio 2019 scadenza 2019-05-30    Città del Giglio scadenza 2019-05-30    SCIENZA FANTASTICA scadenza 2019-05-31    Racconti nella Rete scadenza 2019-05-31    Lago Gerundo scadenza 2019-05-31     La Couleur d'un Poème scadenza 2019-05-31    Campaniliana 2019 scadenza 2019-05-31    Vito Ceccani 8° Edizione 2019 scadenza 2019-05-31    Metropoli di Torino scadenza 2019-05-31    Alessio Di Giovanni scadenza 2019-05-31    Poesie d'Amore scadenza 2019-05-31    DONNE . . . ieri, oggi, domani “Datemi il mio nome e non chiamatemi solo Donna” scadenza 2019-06-01    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
41 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

I traditi di cefalonia - la vicenda della divisione Acqui 1943-1944
di Paolo Paoletti
PUBBLICATO su SITO


ROMANZO
Fratelli Frilli Genova 2003
Prezzo € 20 - 345 pp.
Collana Collana storica
ISBN 8887923922
Una recensione di Carlo Santulli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 61
Media 76.07 %


traditi di cefalonia - la vicenda della divisione Acqui 1943-1944;I

Paolo Paoletti “I traditi di Cefalonia” Fratelli Frilli Editore

La discussione storiografica sul fascismo, sviluppatasi in particolare sulla scorta degli studi che Renzo De Felice ha pubblicato dagli anni ‘60 in poi, ha portato ad un approfondimento della complessità di questo fenomeno, che nel bene o nel male ha caratterizzato la storia italiana per un ventennio. Alcuni recenti studi hanno cercato di far luce sull’origine, l’affermarsi e la caduta del fascismo: possiamo ricordare la “Storia delle origini del fascismo” di Roberto Vivarelli, o lo studio di Angelo d’Orsi sulla vita culturale a Torino negli anni ‘30. Un periodo cruciale per quest’analisi rimane quello della nostra partecipazione alla Seconda Guerra Mondiale come alleati dei tedeschi, perché inevitabilmente coinvolge un ripensamento globale del fenomeno della Resistenza.
Indro Montanelli parlava di “due resistenze”, quella ufficiale, immortalata dalle celebrazioni del 25 aprile, e quella dimenticata di chi ugualmente soffrì e patì sotto l’occupazione tedesca, ma che per una serie di motivi non ha avuto diritto agli stessi onori ed allo stesso riguardo. Anche i tantissimi italiani che sono caduti nel periodo della cobelligeranza coi tedeschi hanno subito la stessa dimenticanza, alla quale gesti recenti, come quello della visita del ministro Tremaglia al sacrario dei caduti di El Alamein (2001), vogliono rimediare.
Non posso nascondere che si tratta di un discorso maledettamente difficile, quello che il libro accurato ed appassionato di Paolo Paoletti vuol riaprire. Maledettamente difficile, perché sono problematiche complesse e dolorose, ma d’altro canto l’analisi del passaggio dalla guerra voluta dal fascismo alla Resistenza non si può evitare, se si vuole parlare della nostra storia recente. Allo storico spetta, e Paoletti cerca di farlo, il compito di cercare di attribuire responsabilità a chi le ebbe, e di offrire, ove necessario, riparazione per i torti subiti.
Come vale forse la pena di ricordare, la storia della Resistenza parte dall’otto settembre 1943, per effetto dell’armistizio concessoci dagli Angloamericani, con la conseguente invasione tedesca del nostro paese. Da subito, gruppi di soldati e di semplici cittadini prendono le armi contro l’invasore: tuttavia la maggior parte del nostro esercito si sfascia, e questo è all’origine dell’invasione tedesca di buona parte del nostro paese e di oltre un anno e mezzo di guerra civile. La Resistenza è stata sempre rappresentata come una scelta coraggiosa: difficile immaginarlo nel caso specifico di quei militari italiani che si erano trovati dopo l’armistizio su un’isola, come Cefalonia (ma lo stesso accadde a Corfù ed in altre isole greche) in “compagnia” dell’ex alleato tedesco.
Eppure, anche a Cefalonia la scelta, e ugualmente coraggiosa, ci fu: l’autore mostra come ci fosse un ventaglio di opzioni possibili, compresa quella di schierarsi coi tedeschi, disobbedendo alla scelta di campo del re e di Badoglio, che dovevano assicurare che ogni ostilità cessasse nei confronti degli angloamericani. Oppure ci si poteva arrendere, sperando in una soluzione pacifica del confronto coi tedeschi, o più ragionevolmente che i nostri nuovi alleati ci tirassero fuori dall’isola, rimpatriando i nostri soldati, come le clausole dell’armistizio prevedevano.
Le cose andarono diversamente: e dopo lunghe trattative gli Italiani furono attaccati e sopraffatti, in particolare per l’apporto determinante dell’aviazione tedesca; alla sconfitta seguì un insensato massacro, solo parzialmente spiegabile col delirante ordine di Hitler di non fare prigionieri, nel senso di uccidere chi cadeva in mano tedesca.
L’analisi storica di Paoletti si concentra con estremo puntiglio sui due elementi chiave del dramma di Cefalonia: i motivi del massacro della Divisione Acqui, ed il comportamento del generale Antonio Gandin, che la comandava. Lo storico ritiene che il comandante non sia esente da responsabilità per quello che accadde. Non è una tesi facile da sostenere, perché Gandin, oltre a perdere egli stesso la vita a Cefalonia, è stato insignito della medaglia d’oro al valor militare alla memoria. Ci vogliono elementi nuovi, e Paoletti ne porta un gran numero, dopo ricerche accurate in archivi italiani e tedeschi. Il documento più “pesante” è una lettera di Gandin al comandante tedesco Lanz, che definiva “ribelle” la sua divisione. Sarebbe questa lettera, e non altro, che avrebbe indotto Hitler ad emanare il Sonderbefehl (“trattamento speciale”: uno di quei terribili eufemismi della follia nazista) che originò il massacro.
Perché ribelli? Si tratta di capire che cosa accadde a Cefalonia tra l’otto ed il quindici settembre 1943, quando gli Italiani (e non i Tedeschi, come comunemente si riteneva) vennero attaccati. Fu quella la settimana cruciale, in cui l’esercito italiano si sbandò, secondo quanto si è sempre pensato, per mancanza di ordini precisi ed anche per stanchezza, dopo una guerra di oltre tre anni. E’ il “dramma dell’otto settembre” come venne vissuto da molti italiani: il re in fuga verso Pescara, poi verso Brindisi, la capitale lasciata in balia dei tedeschi, nell’attesa di uno sbarco angloamericano, poi rivelatosi irrealizzabile in quel momento.
Tuttavia, Paoletti dimostra che l’ordine preciso nel caso di Cefalonia ci fu, e fu di combattere contro i tedeschi, ma Gandin decise di ignorarlo, perché voleva trattare con gli ex-alleati (Gandin, oltre a parlare un ottimo tedesco, era molto stimato negli ambienti della Wehrmacht, al punto da aver ricevuto un’onorificenza militare tedesca, la croce di ferro di prima classe). Perse dunque alcuni giorni preziosi, anzi compì delle mosse inspiegabili dal punto di vista militare, come far ritirare le artiglierie, fin dal nove settembre, dal nodo cruciale di Kardakata, più in generale consentendo alle truppe tedesche di riorganizzarsi (bisogna considerare che il rapporto tra militari italiani e tedeschi a Cefalonia era all’otto settembre 1943 qualcosa come 6:1).
Cosa Gandin volesse fare, non appare totalmente chiaro. Cedere la sua divisione ai tedeschi? Trattare la resa con l’onore delle armi? Combattere al loro fianco, da buon simpatizzante nazista? Di fatto, il generale indisse un referendum tra le sue truppe, che si schierarono in modo abbastanza compatto per la lotta contro i tedeschi. Quel che accadde in seguito, è purtroppo noto: non mancarono atti di eroismo personale, ed anche casi di tedeschi che sfidarono l’ordine di Hitler, salvando degli italiani, ma Cefalonia rimane una delle pagine più dolorose della nostra storia recente.
Fin qui il libro di Paoletti. Rimangono da fare alcune osservazioni su quanto affermato: innanzitutto, è significativo rilevare che la mole di dati presentata è impressionante, in un libro voluminoso, ma non di dimensioni eccessive, e senz’altro leggibile. Inoltre, su Cefalonia, che rimane una pagina orrenda del militarismo di ogni tempo, è scesa col tempo un’aura nostalgica e quasi romantica inadatta e un po’ agghiacciante: ricordo “Il mandolino di Capitan Corelli” di Louis de Bernières, con i suoi tipici stereotipi hollywoodiani dell’Italiano strimpellatore. Questo libro riporta le cose nelle loro giuste proporzioni.
Detto questo, non tutto nella ricostruzione dell’autore convince. Mi riesce un po’ difficile pensare che gli anglo-americani fossero disposti ad accettare una battaglia aperta con i tedeschi su un fronte marginale come quello dello Ionio, dove oltretutto la preponderante presenza italiana suggeriva altre soluzioni. In questo, non faccio che ripetere quel che diceva Churchill nella sua “Storia della Seconda guerra mondiale”, che ancora dopo aver letto questo libro mi sembra plausibile. E’ certo che pesava anche una diffidenza dei nuovi alleati nei nostri confronti, sulla quale pure non ho dubbi, ma d’altro canto è difficile pensare che pochi giorni dopo l’armistizio gli angloamericani fossero disposti a veder ripartire tutta la marina italiana - una delle più forti del mondo, peraltro - per altri teatri di guerra, senza sospettare inganni o tradimenti. E’ forse illogico anche pensare che per incanto non ci fossero più fascisti o filo-tedeschi nelle forze armate italiane: Paoletti anzi ritiene che Gandin fosse una pedina chiave per riformare un esercito italiano alleato dei tedeschi nell’Italia occupata. Un fascista rimasto tale, dunque. Un traditore? Forse, ma Gandin è comunque nella lista dei caduti a Cefalonia. Come classificare allora un re ed un governo che, dopo aver firmato l’armistizio, non ebbero il coraggio di affrontarne le conseguenze, e lasciarono la sua capitale per fuggire a Brindisi?
Quel che appare certo è che le vittime di questo multiplo tradimento sono le migliaia di nostri connazionali morti a Cefalonia, di cui questo libro ha senz’altro il merito di perpetuare il ricordo, ed ai quali va il nostro commosso pensiero, perché se oggi viviamo liberi in una democrazia, lo dobbiamo anche a quel lontano referendum su un’isola greca.

Recensione di Carlo Santulli






Recensioni ed articoli relativi a Paolo Paoletti

(1) I traditi di cefalonia - la vicenda della divisione Acqui 1943-1944 di Paolo Paoletti- Il Parere di PB

Testi di Paolo Paoletti pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Carlo Santulli

(1) Quei gran pezzi dell'Emilia Romagna di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini - RECENSIONE
(2) Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi- Il Parere di PB
(3) La gallina volante di Paola Mastrocola- Il Parere di PB
(4) Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti- Il Parere di PB
(5) Operazione Arca di Noè di Andrea Coco- Il Parere di PB
(6) Il castello incantato di Emiliano Grisostolo- Il Parere di PB
(7) Cassandra di Laura De Santis- Il Parere di PB
(8) Cuore e acciaio - estetica dell'animazione giapponese di Marcello Ghilardi- Il Parere di PB
(9) La nascita della bellezza - da Bruegel a Basquiat ritratti di un mondo segreto di Maria Grazia Mezzadri Cofano- Il Parere di PB
(10) Sia fatta la tua comicità. Paradise strips di Pietro Pancamo- Il Parere di PB
(11) Le parole e la pietra di Fabio Clerici- Il Parere di PB
(12) I traditi di cefalonia - la vicenda della divisione Acqui 1943-1944 di Paolo Paoletti- Il Parere di PB
(13) Alloggio vista mare di Cesarina Bo- Il Parere di PB
(14) Geules Noires (Musi Neri) di Monica Ferretti- Il Parere di PB
(15) Arca allo sbando? di Enrico Meloni- Il Parere di PB
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:





-

dal 2004-04-01
VISITE: 8101


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.