Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    [11/12/2018] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Un racconto da leggere insieme scadenza 2018-12-15    Riscontri letterari scadenza 2018-12-15    Antonio Mesa Ruiz scadenza 2018-12-15    SS. Faustino e Giovita scadenza 2018-12-15    Ritratti di Poesia.280: la poesia all’epoca di Twitter. scadenza 2018-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2018-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    La Rocca dei Poeti - IV edizione Festival di poesia (FESTIVAL 2018-12-15)    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno     Epiphaino di Guglielmo Campione     Nuda Poesia (Poésie Dénudée) di Greta Cipriani    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
48 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
11 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

L'urlo
di Adrien Hingert
PUBBLICATO su SITO


ROMANZO
Stampato in proprio 2003
146 pp.

ISBN
Una recensione di Marco R. Capelli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 28
Media 77.86 %


urlo;L'

Libro difficile da catalogare questo di Adrien Hingert. La prima cosa che si nota è lo stile, piacevole ed elegante, maturo nella forma e nell’espressione, assai più maturo di quanto non ci si aspetterebbe da “un’opera prima”. Di rado, se non mai, si trova una parola che non sia accuratamente misurata e calibrata per inserirsi nel contesto in cui viene collocata e tutto, sempre, dalla costruzione del periodo alla successione delle immagini usate è funzionale all’efficacia della narrazione. L’intero l’impianto narrativo, insomma, tende al risultato finale, muovendosi come un meccanismo ben lubrificato e disegnando nella fantasia del lettore immagini precise, nette e senza sbavature. Nulla viene concesso alla volgarità, nè ci sono situazioni facili, scontate o banali.
I personaggi che attraversano gli otto racconti della raccolta sono altrettanti carismatici esempi di un’umanità sola, disperata ed urlante che non sarà facile dimenticare. Un’umanità che ha perso tutto, tranne la propria dignità. Così come non l’ha persa il professore, che vaga attraverso la città, in preda ai morsi della fame, in cerca di un foglio di carta per terminare l’ultimo articolo che nessuno pubblicherà mai, mentre la sua casa, cioè lo scatolone di cartone in cui dorme, si scioglie lentamente sotto la pioggia. O l’anonimo soldato che dal fronte scrive alla sua donna lontana. Lei non capirà mai la scelta di restare, neppure lui, forse, saprebbe dire perchè lo faccia, ma, contro ogni logica, ha scelto l’onore. E questa è un’altra caratteristica importante (anche perchè rara in una scena editoriale gremita di bukowskiani di seconda generazione) dell’opera di Hingert, la presenza di valori e di sentimenti forti che, comunque, non scadono mai nel sentimentalismo. I personaggi di Hingert sono uomini e donne in lotta contro “il disordine del mondo”, la cui percezione è un dono, o una maledizione, che si paga con la solitudine più assoluta. Sanno quale sia la strada da percorrere e, caparbiamente, la seguono passo dopo passo, consapevoli della fatica e del dolore che li accompagnerà fino alla fine del viaggio. Ed è proprio questa sofferenza, questa consapevolezza della frattura insanabile tra ideale e reale, a renderli tangibili, verosimili, tridimensionali.
Solitudine, dunque, perchè ogni rapporto fra esseri umani, sembra dirci Hingert, è soltanto una tristissima illusione, come scopre suo malgrado Martina, protagonista del racconto di apertura: per lei la perdita dell’innocenza si concretizza, letteralmente, nella perdita dei sogni, che le vengono rubati, ad uno ad uno, dalla realtà. Da manuale, poi, la descrizione della relazione sentimentale che intercorre fra Cristina ed il pittore protagonista del racconto “L’urlo”, che sintetizza, in un certo senso, il pensiero dell’autore sull’incomunicabilità intrinseca che sta alla base di ogni rapporto: “...Vivevamo talmente dentro la vita dell’altro che neanche ci accorgevamo di essere così vicini. Era come stare a casa sotto una coperta. La nostra comunicazione era fatta di sguardi e di gesti lievi. Non c’era bisogno di parole. Potevamo permetterci di ignorare tutti quei riti propri degli innamorati che non si conoscono ancora bene. E’ così che ci siamo lasciati. Nessuno dei due era abituato a trovarsi così a proprio agio con un’altra persona. C’era una tale intimità intuitiva che abbiamo cominciato a dubitare l’uno dell’altra. Avevamo l’impressione che la facilità con cui ci accettavamo fosse solo un’illusione. Una specie di passività di chi non prova un vero sentimento. E, improvvisamente come’è incominciata, è finita. Nenche in quell’occasione abbiamo parlato, non ce n’è stato bisogno. Ci siamo guardati ed abbiamo capito”.
Da leggere, necessariamente, se non si era capito. Marco R.Capelli




L’autore
Nato a Milano il 7 Aprile 1973, Adrien Hingert vive la sua gioventù in Italia. Conseguita la Laurea in Matematica e Fisica a Londra, torna a Milano per un master alla Bocconi. Successivamente si trasferisce a Bangkok e poi di nuovo a Londra. Durante questi viaggi tra Europa e Sud-Est asiatico si consolida lo stile narrativo di questo giovane scrittore che, attualmente, vive e lavora a Milano.

Recensione di Marco R. Capelli






Recensioni ed articoli relativi a Adrien Hingert

(1) L'urlo di Adrien Hingert- Il Parere di PB

Testi di Adrien Hingert pubblicati su Progetto Babele

(1) Il sogno di Adrien Hingert - RACCONTO

Altre recensioni di Marco R. Capelli

(1) L' urlo di Adrien Hingert- Il Parere di PB
(2) Col culo scomodo di Antonella Lattanzi- Il Parere di PB
(3) Ragnatela dimensionale di Annarita Petrino- Il Parere di PB
(4) Sognando mondi incantati di A.A.V.V.- Il Parere di PB
(5) Che diavolo gli aveva preso Dio solo lo sa di Raffaello Ferrante- Il Parere di PB
(6) Diario di poesia di Giampaolo Giampaoli- Il Parere di PB
(7) L' ultimo segreto di Atlantide di Fabio Battisti- Il Parere di PB
(8) Il segno di Joao di Enrico Pennino- Il Parere di PB
(9) L' orrore dietro l'angolo di A.A.V.V.- Il Parere di PB
(10) A.M.I.C.A. Terrore telematico di Antonio de Lieto Vollaro- Il Parere di PB
(11) Da D'Annunzio a Pirandello di Mario Puccini - RECENSIONE
(12) Il cuore oscuro dell'Italia di Tobias Jones - RECENSIONE
(13) Anima Nera di Fabio Monteduro - RECENSIONE
(14) Picatrix di Valerio Evangelisti - RECENSIONE
(15) Il tempo sospeso di Katia Amadio - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:





-

dal 2003-11-24
VISITE: 9116


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.