Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [10/12/2019] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Festival Nazionale di Poesia per e dei Bambini scadenza 2019-12-14    La diversità dell'Italia scadenza 2019-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2019-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
29 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Nelle mani
di Marco Martucci
Pubblicato su SITO


ROMANZO
2004
100 pp.

ISBN n/a
Una recensione di Angelo Angellotti
UN SOLO VOTO AMMESSO
Riprova tra 24 ore
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 85
Media 77.53 %


Nelle mani

“Quando ho iniziato a scrivere nelle mani stavo attraversando un periodo agitato in cui tutto capitava per caso”...un fluido di vita plasma realtà ed emozioni in questo secondo romanzo di Marco Martucci. Un “contenitore ingordo” fagocita giorni in trincea di una vita normale, tra sessioni d’esame, giorni persi nell’ozio, incontri facili che tessono una trama gradevole. Un filo di nausea e mal di vivere costituiscono l’antecedente logico necessario della volontà di rompere un muro di grigia abitudine oltre il quale inizia la vita; o forse quello che ci piace credere di essa.
“Sandro (il protagonista) affronta con disagio la fine di un rapporto importante, e cerca una nuova collocazione per sé all’interno della propria vita nel mondo”. L’analisi dell’autore è attenta, sintetica e psicoanalitica, il racconto è quello di una generazione parcheggiata nelle aule universitarie, nell’attesa che qualcosa prima o poi accada a dare una svolta: la celebre grande onda su cui finalmente surfare e dall’alto della quale avere una prospettiva, uno sguardo d’insieme limpido su ciò che si è per poi riscendere la cresta e capire che in fondo si è tanto poco importanti. Così svanisce l’illusione di essere un microcosmo attorno al quale tutto ruota. Sandro inconsciamente consapevole di ciò finisce per relegare ogni cosa tra le robe vecchie dei ricordi, in modo tale da avere sempre un punto di riferimento, di un istante nel quale ha davvero posseduto la sottile illusione di essere al centro di un microcosmo in cui governare processi ed emozioni. Lo squarcio che s’apre sulla sua coscienza è generato dall’acquisizione del concetto di presente non come attimo in cui fissare immagini già andate, da contemplare, ma come momento originario in cui un flusso di nuova linfa vitale genera rapporti e relazioni che costituiscono il futuro e quindi la vita. Privo dei vincoli che lo legano al passato ed a Lara, la sua unica storia importante, Sandro riesce a realizzare un nuovo centro di percezioni all’interno del quale la visione dei contesti e dell’ambiente in cui si muove, sono profondamente diversi da come li aveva “avvertiti” prima. La prospettiva da cui l’autore prende le mosse è quella sospesa tra verismo e neorealismo, tra l’ideale dello scoglio e l’ineluttabilità della società postmoderna che pretende il sacrificio delle radici a quello della sopravvivenza stessa. Da questa visione il protagonista inizia gradualmente a guardare il mondo, e , soprattutto la sua città: Napoli.
Dinanzi a Napoli ed ai suoi vicoli, alle sue contraddizioni, alla sua società, il calamo di Martucci si tinge dell’inchiostro di Matilde Serao, s’ispira al Ventre di Napoli, forgiando un tessuto narrativo di creazione pregevole. La penna del narratore lascia spazio a quella del cronista, fornendo informazioni utili, graffianti, critiche, sociologiche, sull’eterogeneità di relazioni figlie di ambienti sociali ed etnici intimamente diversi e che in fondo sono il dna della città partenopea fin dai secoli passati. E lo scontro, la sintesi di antitesi sociali contrapposte genera la sostanza stessa dei vicoli napoletani, impregnando di pathos e disincanto chi ,tra quei vicoli, ha trascorso la sua vita e le giornate senza fine tra i portici dell’Università, conferendo a costui un habitus che sarà parte essenziale della sua esistenza, dell’esistenza di Sandro, dell’autore di questo racconto. Nelle mani si setacciano immagini e storie pesanti all’insostenibile leggerezza dell’essere , che recano con sé inutili ,sbiaditi fotogrammi. Nelle mani anche quando i vicoli in cui la trama della vita si svolge, anche quando “hanno, di nuovo i nomi dei personaggi che hanno dominato nei libri del liceo e in quelli dell’Università”, s’avverte sempre l’aria “impregnata di smog e di ingiustizie e di frustrazioni e di incomprensioni e di vaneggiamenti e di lacrime.” Nelle mani e negli incontri si dissolvono i dolori di un amore finito. Nelle mani passa la voglia di riprendersi ciò che ormai è perduto, nelle mani c’è un biglietto per un treno “da prendere o da perdere”.
Stilisticamente, l’autore versa nella narrazione una struttura linguistica, un registro, che definiscono in maniera precisa il realismo che contraddistingue il libro, trasmettendo originalità ai dialoghi e verosimiglianza a luoghi e situazioni che, altrimenti, si perderebbero nell’anonimato fonetico di un racconto qualunque. E nelle mani non lo è.

Recensione di Angelo Angellotti






Recensioni ed articoli relativi a Marco Martucci

(1) Nelle mani di Marco Martucci- Il Parere di PB

Testi di Marco Martucci pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Angelo Angellotti

(1) Condannato non vita di Leonardo Colombi- Il Parere di PB
(2) L' inchino delle stelle di Paolo Ceccarini- Il Parere di PB
(3) Nelle mani di Marco Martucci- Il Parere di PB
(4) Dopodomani di Luca Pizzolitto- Il Parere di PB
(5) FAME La trilogia cannibale di G.Lupi e altri- Il Parere di PB
(6) Le lacrime degli angeli di Maurizio Piccirillo- Il Parere di PB
(7) La pittrice del vapore sirio di Egidio Imarisio- Il Parere di PB
(8) Piccoli doni di Donatella Placidi- Il Parere di PB
(9) Jesu Rebus. Dalle profezie a Fatima di Mario Leocata- Il Parere di PB
(10) Assolo di Giorgio Sannino- Il Parere di PB
(11) Caffè valeriana vomito sigaretta di Elisabetta Bilei- Il Parere di PB
(12) Libidissi di Georg Klein- Il Parere di PB
(13) L’omo delinquente di Enrico Oliari- Il Parere di PB
(14) L' uomo del Gambrinus di Camillo Carrea- Il Parere di PB
(15) Dal Bar al Binario 7 di Giuseppe Bonan- Il Parere di PB
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:





-

dal 2004-11-10
VISITE: 6523


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.