Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [22/09/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Identità riservata di Cinzia Baldini     Punti di vista di Gaia Borella     Come una madre di Maria cristina Piazza     Mio figlio e Bukowski di Massimo Martinelli     Un Brandello di storia di Alessio Salerno    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
2 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
5 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Dio tu e le rose
di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini
Pubblicato su SITO


SAGGIO
Il margine 2013
Prezzo € 18 - 368 pp.

ISBN 978-88-6089-094-8
Una recensione di Carlo Santulli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 41
Media 77.32 %


Dio tu e le rose

Da buon cattolico praticante e, più ed oltre che credente, fervidamente sperante, il mio sentimento verso le canzoni “di Chiesa”, che poi sono principalmente quelle uscite da quella passata ma mai dimenticata primavera che è stato il Concilio Vaticano II ed almeno il primo decennio che lo ha seguito, è ambivalente: ne vedo e ne ricordo di belle e con testi non banali, oltre che sinceri (ho la modesta presunzione di pensare che la sincerità traluca nella musica e nel testo che la fodera). Mi vengono in mente i diversi Symbolum di Giombini e certe canzoni, ormai classiche, del repertorio dei Gen Rosso e Gen Verde, ma ho un lieve e grato ricordo anche di quella “Esci dalla tua terra” parodiata tra altre canzoni più profane da Elio e le Storie Tese in “Born to be Abramo”. Una ritrovata onestà, non priva di un fondamentale rossore, mi impone di confessare che c’è anche altro, pur se concedetemi di fingere di dimenticare, anche dove li conosco, compositori e parolieri. Altro, dove la melodia va per conto suo ed il testo appare fondamentalmente dedicato a colmare quel lungo spazio (idealmente di silenzio e di meditazione orante) che intercorre tra la prima ostia presentata ed offerta al rientro del calice nel tabernacolo, con una sequela di strofe, su uno spunto musicale che le ripetizioni spengono d’interesse od annacquano vistosamente. E poi, altro che meditazione: queste parole piuttosto grondano sensi di colpa e guardano al tramonto più che promettere un’alba. Eppure dovrebbero parlare di Dio e magari, chissà, svelare nel nostro cuore il suo mistero. Sorprende, ma fino ad un certo punto, nel leggere lo splendido ed appassionato saggio di Brunetto Salvarani ed Odoardo Semellini, “Dio, tu e le rose” (Il Margine, 18 euro), che un secolo e passa delle nostre canzoni grondano letteralmente dell’immagine divina ed a parte i celeberrimi esempi di “Dio è morto” e di quelle varie composizioni che il recentemente scomparso Don Gallo avrebbe collettivamente chiamato “Vangelo secondo De André”, tanti dettagli e curiosità non si immaginano proprio, a partire dalla storia vera di quel “Biancofiore, simbolo d’amore”, che è stato l’inno prima del Partito Popolare sturziano e poi della Democrazia Cristiana. E se c’è stato chi, abbastanza prosaicamente, si limita a chiedere a Dio che la sua amata possa tornare (una richiesta alla diretta interessata sarebbe sembrata assai più appropriata, devo dire) e qualcun altro scrive, anche a proposito di Dio, versi del tutto dimenticabili, c’è però chi risplende di una vera ispirazione, che contesti o che apprezzi quel che l’immagine divina rappresenta. Il testo dice anche qualcosa di più, nel senso che il passaggio dalla messa beat all’invocazione spirituale e personale ad un essere assoluto c’è anche tutto il muoversi da una fede ed una vita collettiva all’individualismo, che tanto piace ai neo-liberisti.

Devo dire che su questo genere di scanzonate ed a volte umorali e sanguigne, ma anche puntigliose e documentatissime, monografie di carattere musicale, Salvarani e Semellini, che scrivono a due mani nella convinzione, per conto mio reale, che non si veda l’apporto dell’uno e dell’altro (una delle più gradevoli creazioni dell’Ottocento musicale, il “Crispino e la Comare” dei fratelli Ricci è nata proprio così), sono praticamente imbattibili. Sono specialisti dove occorre e appassionati dove serve. Hanno evidentemente simpatia per il Maestrone Guccini, anche perché la spigolosa autoironia dell’autore di “Dio è morto” è la stessa che ritrovate in questo testo e quindi c’è contiguità, oltre che stima. Come c’è nel caso dei Giganti, argomento di una delle precedenti monografie dei due autori, che qui tornano, tra l’altro, con “Giorni di festa”, dove Papes finisce per interpretare un “Don” che si complimenta col fratello tornato all’ovile. Come in tanti altri casi e nel caso di Roberto “Freak” Antoni, che viene intervistato alla fine del libro con esiti di sincerità e anche qui di gentile ironia, che non guasta. “Freak” Antoni che, incidentalmente, aspetta ancora delle spiegazioni da Dio.

Ma ai lettori forzatamente disattenti di oggi, sommersi come siamo di informazioni, non tutte di prima qualità, gli autori portano un contributo di profondità (non soltanto per le oltre 300 schede di canzoni), parlando per esempio dei Baustelle, di Capossela o della spiritualità di Battiato, che, a parte il sincretismo, rivela un’anima non comune. Vediamo l’evoluzione del percorso del signor G., come ci imbattiamo in uno spaurito (difficile a credere) Claudio Baglioni incidere con voce incerta e poco motivata quel “Dolce sentire” che tutte le chiese sembrano aver adottato. In realtà, come gli autori chiariscono incidentalmente a più riprese, la loro ricerca vorrebbe ritrovare le tracce di un sentimento d’infinito o di un interesse per il nostro destino nei testi delle canzoni: così si giustificano percorsi che vanno da Jovanotti a Claudio Lolli, per dire di due personaggi anche caratterialmente molto lontani, passando per l’integralismo da pulpito di Adriano Celentano. Non ci viene risparmiato niente…e se da un lato un po’ di tenerezza viene a ripensare a Modugno ed all’”angelo vestito da passante” che inneggia alla vita in “Meraviglioso”, altri punti sono contigui con la comicità e la parodia (sempre sapendo che non lo si è fatto apposta, come avrebbe detto Manzoni…), quando ci viene fatta ricordare Rosanna Fratello che seriamente ribadisce di essere una donna e non una santa, allo scopo, in definitiva piccino, di respingere un fidanzato troppo assillante. 

Il libro si ferma, com’è giusto, all’alba di questo pontificato di papa Francesco, che magari porterà altre novità in questo settore o magari farà parlare di sé anche chi scrive musica e parole. Niente papa nero, per ora, nonostante i neri siano ormai in maggioranza nelle varie Chiese cristiane (ed anche se patetici tentativi vennero fatti con Benedetto XVI di dimostrare che in fondo Nostradamus aveva ragione, con complicati ragionamenti intorno al colore dei benedettini), pur se l’accattivante ritornello dei Pitura Freska rimane in mente come un suggestivo tentativo di “scherzare coi santi”. Anche quelli della musica leggera, in certo senso, che gli autori riescono a far parlare con la loro voce, anche senza musica.

 

Recensione di Carlo Santulli






Recensioni ed articoli relativi a Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini

(1) Quei gran pezzi dell'Emilia Romagna di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini - RECENSIONE
(2) Terra in bocca di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini- Il Parere di PB
(3) Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini- Il Parere di PB

Testi di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Carlo Santulli

(1) La qualità dei sentimenti di Giampaolo Giampaoli - RECENSIONE
(2) Quei gran pezzi dell'Emilia Romagna di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini - RECENSIONE
(3) Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi- Il Parere di PB
(4) La gallina volante di Paola Mastrocola- Il Parere di PB
(5) Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti- Il Parere di PB
(6) Operazione Arca di Noè di Andrea Coco- Il Parere di PB
(7) Il castello incantato di Emiliano Grisostolo- Il Parere di PB
(8) Cassandra di Laura De Santis- Il Parere di PB
(9) Cuore e acciaio - estetica dell'animazione giapponese di Marcello Ghilardi- Il Parere di PB
(10) La nascita della bellezza - da Bruegel a Basquiat ritratti di un mondo segreto di Maria Grazia Mezzadri Cofano- Il Parere di PB
(11) Sia fatta la tua comicità. Paradise strips di Pietro Pancamo- Il Parere di PB
(12) Le parole e la pietra di Fabio Clerici- Il Parere di PB
(13) I traditi di cefalonia - la vicenda della divisione Acqui 1943-1944 di Paolo Paoletti- Il Parere di PB
(14) Alloggio vista mare di Cesarina Bo- Il Parere di PB
(15) Geules Noires (Musi Neri) di Monica Ferretti- Il Parere di PB
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:





-

dal 2013-04-30
VISITE: 2818


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.