Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [14/11/2019] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Raccontami, o Musa... scadenza 2019-11-15    Nika Georgievna Turbina 1974 - 2002 scadenza 2019-11-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Terra in bocca
di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini
Pubblicato su SITO


SAGGIO
Il Margine 2009
Prezzo € 20 - 272 pp.

ISBN 9788860890429
Una recensione di Carlo Santulli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 54
Media 75 %


Terra in bocca

 

Nella vita, si sa, ognuno ha i suoi debiti: ecco, io, lo confesso, ne ho più di qualcuno verso i Giganti, lo storico gruppo milanese, il cui successo durò in particolare dall'estate del 1966 (anche se già una canzone estremamente interessante come “Giorni di festa” uscì l'anno precedente), che fu l'estate di “Tema”, uno dei loro più grandi successi, fino allo scioglimento nell'agosto 1968, poi, con minore successo (si sa, la gente dimentica presto) dal 1970 agli inizi del 1972. Il gruppo era costituito nella formazione più classica da Enrico Maria Papes (batteria), Checco Marsella (tastiere), Sergio (basso) e Mino De Martino (chitarra). Quattro voci soliste di tutto rispetto ed anche quattro personalità (anche in conflitto in più di un'occasione) di altrettanto rispetto.

Alcune canzoni dei “Giganti” sono rimaste nell'immaginario collettivo, da quella “Ragazza in due”, che è ancora nei repertori delle feste di piazza (anche se quanti ricordano chi la cantava in origine?), a “Tema” appunto, dove si riesce a discettare sull'amore in modo disincantato ed innovativo, a “Proposta” (“Mettete dei fiori nei vostri cannoni”, ecc.), che doveva chiamarsi “Protesta” (si era alla vigilia del '68, in ogni modo), a “La bomba atomica” (“Noi non abbiamo paura della bomba atomica” con efficace quadruplicamento della voce, tipo scoppio). C'è poi anche il resto, le incredibili cover di “Summertime” e di “Sixteen tons” dove pazienza che Papes pronunci “muscle” come “maskel” allorché sarebbe (proprio al massimo) “mas:l” con appena l'ombra di una “e” tra la “s” e la “l”, tanta è la convinzione e la pregnanza tecnica del gruppo, condita sempre dalla loro splendida autoironia. Eh sì, perché i “Giganti” non sarebbero loro, se non si ricordasse quel modo disincantato, intelligente e mai volgare, di stare in scena, e di porgere la musica, dove entra la commistione delle più interessanti esperienze vocali della nostra musica leggera, dal “Quartetto cetra”, al cabaret dei “Gufi” (ma meno cupo, e più solare) col pop ed il rock anglosassone, metabolizzato più che semplicemente interpretato.

L'ironia, si sa, consente di dire cose che viceversa la timidezza, oppure un certo ritegno, renderebbe impronunciabili: nel caso dei “Giganti” era la loro cifra d'insieme. Non erano il gruppo che si presentava con una sigletta, “Arrivano i Giganti”, la cui strofa inizia con “Sono brutti, pelosi e si vestono male”? Papes (Don Papes, come direbbe mia figlia, pensando a “Giorni di festa”, dove fa le veci di un prete) il più visibile dei “Giganti” ai giorni nostri (Sergio è purtroppo morto nel 1998), anche per indole caratteriale, qualifica qualunque cosa collegata col gruppo con l'aggettivo “gigantesco”, che è, devo dire, un altro esempio di citazione autoironica. Tra l'altro il nome sembra derivi dalla bassa statura di un gruppo che Sergio aveva formato prima di unirsi ai Giganti, oppure alle smodate ambizioni di classifica, come sostiene anche Papes, in un'intervista che gli facemmo qualche anno fa.

Il bellissimo, chiaro e documentato, libro di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini, “Terra in bocca”, edito dal Margine, parla del secondo breve periodo di celebrità dei “Giganti”, ma dà uno sguardo d'insieme sul complesso della loro produzione e del fenomeno musicale e vocale legato a questo gruppo.

“Terra in bocca” è un concept album, una via di mezzo tra un LP e un'opera rock, del genere anni '70 che in Italia vanta dei campioni di vendite in “Questo piccolo grande amore” e “Burattino senza fili”, ma anche produzioni più impegnate: mi viene in mente per esempio “Ho visto anche degli zingari felici” di Claudio Lolli, e poi De André, le Orme, ecc.

“Terra in bocca” parlava di mafia e di disponibilità di acqua potabile nel contesto siciliano del 1936, con una copertina di un uomo steso a terra, s'intende ucciso, di cui si vedono in primo piano i piedi, ma con una scarpa sola, a cui è appesa una piccola foto dei Giganti in grigio, e c'è una margherita (non so se per rappresentare fiori e cannoni...): fu boicottato, il che non è strano affatto (l'Italia da certi punti di vista non cambia mai...), passato solo una volta per radio (all'epoca c'era solo la RAI). Sui Giganti, la critica è sempre stata divisa, non per motivi tecnici e musicali (è difficile contestare un gruppo dove ci sono quattro voci soliste, e quattro musicisti che suonano davvero, e con inventiva continua e spesso vibrante). Tuttavia una certa critica molto orientata politicamente per l'”impegno” (whatever that means, come direbbero gli anglosassoni) riprese a lungo un giudizio sferzante on the spot di Luigi Tenco, a precisa domanda del grande Giorgio Gaber (a proposito, dovrò trovare il modo di parlare di Gaber prima o poi...). Tenco parlava dei Giganti come lanciatori di cioccolatini e non veri “contestatori”, così li ha sempre un po' guardati con un certo disdegno (Gianni Borgna docet), come una specie di contestatori da ambone parrocchiale. Paradossalmente, nocqueoro, in un'epoca in cui suonare “sporco” e “male” era quasi un segno di modernità (strani anni '70...), la notevole pregnanza tecnica ed il perfezionismo, la cura fino dei dettagli, che consentì per esempio alla Ri-Fi di pubblicare nel 1969 “Mille idee dei Giganti” (perché, scioltosi temporaneamente il gruppo, il fenomeno non era esaurito tuttavia), con registrazioni di prove, alcune vere e proprie improvvisazioni semi-goliardiche, come “Lasciati baciare col Letkiss”: prodotto non destinato al pubblico, eppure vendibile e didifatti venduto non male..Questo fa capire che la qualità era alta anche negli spezzoni e nei ritagli che i quattro consideravano “venuti male” (a Papes è stata sempre attribuita l'ideale palma del perfezionismo, ma quanto a questo nessuno dei Giganti scherzava).

Devo ammettere, per onestà, che a me non danno fastidio (tutt'altro) i lanciatori di cioccolatini di origine parrocchiale. E, comunque la si veda, “Terra in bocca” nasce con collaboratori di alto livello (addirittura una frase musicale è attribuibile ad un giovane Franco Battiato), oltre ai Giganti, specie a Mino De Martino, che è in fondo l'artefice di molti dei pezzi di successo del gruppo. Tra i nomi ancora in attività oggi, c'è per esempio un giovane Vince Tempera: i testi sono di Piero De Rossi, cantati e recitati, oltre che dai quattro Giganti, anche da Maria Sgroi, laddove serviva una voce femminile. Non posso nascondere che c'è una certa ingenuità in certi versi, ma la volontà di denuncia sociale, quella, c'è tutta. Certamente, essendo un concept album, quasi un'opera rock (sembra che questa fosse la meta finale, cui non si arrivò, come accade, per mancanza di fondi), estremamente corale, c'è da dire che, come nessuno ne può rivendicare l'ispirazione in modo esclusivo, così anche nessuno prese le difese di quest'opera, quando ce ne sarebbe stato bisogno. In ogni modo, l'impressione è che, censura o meno, l'esecuzione, che se arriva ad impasti sonori di notevole fascino e si muove in ambito vicino al rock progressivo più che alla ballata cantautorale, e la tentata oggettività e quasi ingenuità dei testi, al di fuori di qualunque forte caratterizzazione politica, non fossero il miglior viatico per la propagazione di “Terra in bocca”.

Comunque la si guardi, è una bellissima storia, narrata con passione, e corredata da un enorme materiale documentario, tra interviste ai vari artefici, tra cui i tre Giganti ancora in vita, discografia completa, supporto fotografico, bibliografia estremamente accurata sul gruppo (sia cartacea che su Internet). Sono di parte, e si sa, parlando dei Giganti, ma lo stile mi sembra perfettamente adeguato e vivace e l'interesse del lettore corre sicuro fino al termine, che, come capita, sembra arrivare troppo presto.

Recensione di Carlo Santulli






Recensioni ed articoli relativi a Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini

(1) Quei gran pezzi dell'Emilia Romagna di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini - RECENSIONE
(2) Terra in bocca di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini- Il Parere di PB
(3) Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini- Il Parere di PB

Testi di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Carlo Santulli

(1) La qualità dei sentimenti di Giampaolo Giampaoli - RECENSIONE
(2) Quei gran pezzi dell'Emilia Romagna di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini - RECENSIONE
(3) Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi- Il Parere di PB
(4) La gallina volante di Paola Mastrocola- Il Parere di PB
(5) Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti- Il Parere di PB
(6) Operazione Arca di Noè di Andrea Coco- Il Parere di PB
(7) Il castello incantato di Emiliano Grisostolo- Il Parere di PB
(8) Cassandra di Laura De Santis- Il Parere di PB
(9) Cuore e acciaio - estetica dell'animazione giapponese di Marcello Ghilardi- Il Parere di PB
(10) La nascita della bellezza - da Bruegel a Basquiat ritratti di un mondo segreto di Maria Grazia Mezzadri Cofano- Il Parere di PB
(11) Sia fatta la tua comicità. Paradise strips di Pietro Pancamo- Il Parere di PB
(12) Le parole e la pietra di Fabio Clerici- Il Parere di PB
(13) I traditi di cefalonia - la vicenda della divisione Acqui 1943-1944 di Paolo Paoletti- Il Parere di PB
(14) Alloggio vista mare di Cesarina Bo- Il Parere di PB
(15) Geules Noires (Musi Neri) di Monica Ferretti- Il Parere di PB
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:





-

dal 2009-06-01
VISITE: 6129


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.