Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    [19/07/2019] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Profumi di Poesia scadenza 2019-07-21    Premio Svicolando scadenza 2019-07-29    UN MONTE DI POESIA scadenza 2019-07-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Shamans of digital era II edizione - festival dedicato alle commistioni tra musica elettronica di ricerca e arti audiovisive contemporanee in chiave performativa (EVENTO 2019-07-20)    Festival dello Scrittore - l format, o meglio l’idea base, rimane la stessa: mettere a confronto Autori che abbiano pubblicato un libro con il pubblico (EVENTO 2019-07-21)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.    Racconti     Ritorno al Moccagatta di Teodoro Lorenzo     La vita degli altri di Diana Facile     Speranza di Antonio Carnuccio     Passi di Marika Salonna     Un'anima di Lorena Curiman    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
23 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
2 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

C è un tempo per gioire, c è un tempo per patire
di Manrico A.G. Mansueti
PUBBLICATO su SITO


ROMANZO ALTRO
Europa Edizioni 2014
Prezzo € 17 - 478 pp.
(fuori collana)
ISBN 9788868543150
Una recensione di Margherita De Simone
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 49
Media 78.37 %


C è un tempo per gioire, c è un tempo per patire

Come nascono le storie? Spesso affondano radici nella famiglia e nella guerra.

Dopo aver ignorato la copertina del libro di Mansueti, che  non rispecchia le pagine che la seguono, ci si addentra nella Storia- e si occupa il posto da cui si sbircia con l’occhio di un reporter. Mansueti può a ben diritto dire”C’ero anch’io”. Scostando le pesanti cortine di giganteschi avvenimenti, si fanno chiare le piccole realtà vissute da Altiero, il protagonista. Si tratta di quelle realtà che i libri di storia non registrano mai. Sono cose accadute, e non che potrebbero accadere. Non è per questo un’ invenzione, ma un memoriale. Mansueti non crea personaggi, ma parla di persone, nomi, fatti di carne ed ossa. Cioè parla del vero. Quando Altiero è costretto a fermarsi per un ricovero repentino in ospedale, si accorge di essere in una stazione esistenziale che gli impone un arresto, che bloccando la routine di sempre, concede tutto lo spazio al pensiero che si ciba di memoria la quale dilata il tempo e permette una corsa nel proprio ritroso. Il passato si spiega attraverso tutte le vicende che lo hanno riguardato; come la guerra vissuta nella condizione di bambino, attraverso le due donne che aveva scelto di sposare e a tutti i progetti che seminavano il futuro. Con il sostegno ed il cardine delle teorie di grandi pensatori, Mansueti assembla fatti e spunti per mettere sempre al centro l’uomo. Uomo- personaggio di mondi piccoli e locali ma anche universali. Scrivere  è manipolazione, trascrivere quindi non basta, bisogna manipolare la realtà. “L’arte va fatta sembrare spontanea ma richiede un certo sforzo” è  questa una frase di R. Carver, raccontare deriva da un dramma, che deve essere prodotto dall’uomo. La storia quindi deve essere un prodotto dell’uomo, e Mansueti sembra essere riuscito in questa impresa.  

______________

Nota dell’autore, ricevuta il 09/07/2019

Gentile direttore,

Desidero, innanzitutto ringraziarLa per aver ospitato sulla sua rivista letteraria on line: PROGETTO BABELE, la recensione al mio romanzo: C’E’ UN TEMPO PER GIOIRE, UN TEMPO PER PATIRE, di Margherita De Simone che ho letto con molto interesse e, devo sottolineare, anche con molto piacere. Vorrei ringraziare anche Margherita De Simone per il suo garbato, acuto, perspicace e sapiente commento. Non sapendo dove indirizzarglielo, La prego di farglielo pervenire per mezzo del suo giornale on line. Mi corre l’obbligo, però, nel contempo spiegare due aspetti del mio romanzo che credevo di aver chiarito nell’ùltima pagina, ma non sembra che ci sia riuscito.  Il primo riguarda la copertina, forse un po’ emblemàtica, ma credo molto pertinente. Rifacendomi a la spiegazione che Giovanbattista  Vico dà, della copertina a la sua Scienza Nuova, da lui stesso disegnata: “noi qui diamo a vedere una tavola…., la quale serva al leggitore per concepire l’idea di quest’opera avanti di leggerla, e per ridurla più facilmente a memoria, con tal aiuto che gli somministri la fantasia, dopo di averla letta”, ritengo che del titolo, che parafrasa i versi del terzo capitolo del Qoelet, sia ben rappresentato “il tempo per gioire”, nella figura del bambino sorridente, in primo piano, che guarda davanti a sé. E sullo sfondo, cosa migliore della “Pietà” di Michelangelo può rappresentare “il tempo per patire”, il tempo del dolore?  In secondo luogo desidero far presente che la mia òpera non è un “memoriale”, perché il memoriale presuppone una raccolta di memorie di fatti vissuti dall’autore stesso. L’autore, in vece, non si è mai trovato in una circostanza descritta nel romanzo sebbene abbia conosciuto in situazioni diverse tutti i luoghi nel libro descritti.  L’autore, per esempio, non ha vissuto da bambino i fatti della guerra, perché non era ancora in grado di elaborarli in tal modo, ma li ha assimilati e rielaborati da adulto, dai racconti ascoltati di persone di famiglia e di conoscenti. Non è rimasto vedovo, per sua fortuna, e non si è quindi risposato come è descritto nel racconto. Soprattutto, però, non ha mai sposato una donna mussulmana. Ci sono, è vero, dei riferimenti biografici, come ad esempio; il malanno che l’ha colpito, la sua attività pubblica giovanile, le sue vicende professionali, ma sono soltanto un pretesto e sia i fatti, sia i personaggi, non ve n’è uno che corrisponda a quanto realmente è stato nella vita dell’autore. È tutta una fantasia, sebbene tutto possa essere avvenuto.

La prego di voler ospitare nella sua rivista questo mio chiarimento e con l’occasione la saluto molto cordialmente. Manrico A.G. Mansueti

___________________

Recensione di Margherita De Simone






Recensioni ed articoli relativi a Manrico A.G. Mansueti

(1) C è un tempo per gioire, c è un tempo per patire di Manrico A.G. Mansueti- Il Parere di PB

Testi di Manrico A.G. Mansueti pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Margherita De Simone

(1) Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini- Il Parere di PB
(2) L amore precario di Martino Fausto Rizzotti- Il Parere di PB
(3) La città dei sacerdoti di Matteo Monco- Il Parere di PB
(4) Il 18° vampiro di Claudio Vergnani- Il Parere di PB
(5) L' ora più buia di Claudio Vergnani- Il Parere di PB
(6) La donna più fortunata del mondo di Diego Serra- Il Parere di PB


 

Altre recensioni:





-

dal 2014-12-13
VISITE: 1012


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.