Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [26/04/2019] 18 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    SCENICCHIA UNA SEGA #2 PRATICAMENTE UN CONCORSO LETTERARIO scadenza 2019-04-26    La Farnia d'Oro In terra nostra scripta apparuerunt scadenza 2019-04-30    Il Prete Bambino scadenza 2019-04-30    Premio drammaturgico per testi a tematica gay scadenza 2019-04-30    La tecnologia è magia? scadenza 2019-04-30    L’Ebbrezza della vita scadenza 2019-04-30    Città di Latina scadenza 2019-04-30    Onigo Mura bastia scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Tra Secchia e Panaro scadenza 2019-04-30    Il Sogno del Poeta scadenza 2019-04-30    OCEANO DI CARTA scadenza 2019-04-30    Nuova Scrittura Ermetica 2019 scadenza 2019-04-30    AG NOIR scadenza 2019-04-30    “Luca Romano” scadenza 2019-05-10    Premio Gambrinus Giuseppe Mazzotti scadenza 2019-05-10    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
58 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

LE POESIE DI CARLO CUPPARI

A cura di Pietro Pancamo
pipancam@tin.it


"Lasciatemi così
(…)
con le quattro
capriole
di fumo
del focolare"

Giuseppe Ungaretti

"Vanno tutti al mare.
Non lasciarmi solo: qui c'è
un posto che non dice,
non ode - mi dice
soltanto che io sono
solo; e mostro da avanzo."

Carlo Cuppari

Cuppari è un Ungaretti al contrario che, circondato da muri insistenti (molto simili per significato e "indole" alla siepe leopardiana dell'Infinito), non vuole restar solo "con le quattro / capriole / di fumo".
Come mai? Scrutare la periferia della vita lo spaventa, forse, e lo annoia? No, il motivo è differente: in compagnia (di un alter ego invisibile? Di Dio?) contemplare l'estasi malinconica della sera (con le sue allusioni alla totalità dell'universo) è più dolce ancora.
Insomma, da una finestra china sul porto (retrovia del mare e quindi anch'esso periferia della vita, proprio come il fumo o la solitudine) Cuppari intuisce, negli eventi minimi che narra (e incantato descrive quasi come gli elementi di un'esistenza piccola, subnucleare), la vastità dell'infinito.
E della malinconia, che (con versi la cui sintassi, aspramente sinuosa, sembra riflettere il torpore struggente della sera) viene raffigurata, fedelmente ritratta da accenti ed espressioni che a volte s'avvicinano all'ariosa leggerezza di Umberto Saba e del "fiabesco" Sandro Penna. Pietro Pancamo

 

Vanno tutti al mare.
Non lasciarmi solo: qui c'è
Un posto che non dice,
non ode - mi dice
soltanto che io sono
solo; e mostro da avanzo.
Sedendo e scrutando
Il porto che ha luce
Dal faro, dalla luna
Che insù vedi rosso
Vermiglia e le barchette
E le rugginose panche
Del lungomare che come una spoglia
Obliata si dispiega - senti: è o
Non è il mio respiro,
un lieve fiatato che rimbomba?
Il guardo si sperde, non oltre
Maria che prega su una pietra che ha
Forma di un timone,
e fino al cielo sale
superando una lunga
strada di arpioni
e di mattoni. Dove
sono tutti? Dove sono
le spiagge? Dio mio, è
dopo Maria ch'io più
non vedo, non sento:
e prego preghiere che sono
io spero saranno leggere.

Carlo Cuppari
carlocuppari@tin.it

 

VISITE: 7290


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.