Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [26/04/2019] 18 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    SCENICCHIA UNA SEGA #2 PRATICAMENTE UN CONCORSO LETTERARIO scadenza 2019-04-26    La Farnia d'Oro In terra nostra scripta apparuerunt scadenza 2019-04-30    Il Prete Bambino scadenza 2019-04-30    Premio drammaturgico per testi a tematica gay scadenza 2019-04-30    La tecnologia è magia? scadenza 2019-04-30    L’Ebbrezza della vita scadenza 2019-04-30    Città di Latina scadenza 2019-04-30    Onigo Mura bastia scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Tra Secchia e Panaro scadenza 2019-04-30    Il Sogno del Poeta scadenza 2019-04-30    OCEANO DI CARTA scadenza 2019-04-30    Nuova Scrittura Ermetica 2019 scadenza 2019-04-30    AG NOIR scadenza 2019-04-30    “Luca Romano” scadenza 2019-05-10    Premio Gambrinus Giuseppe Mazzotti scadenza 2019-05-10    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
58 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Commento alle poesie di Marinella di Palma
A cura di Pietro Pancamo
pipancam@tin.it


Stavolta prendiamo in esame l'autrice Marinella Di Palma che, nei propri versi, unisce i vezzi della modernità più recente (come i tic linguistici, da sms, d'abbreviare certe parole sopprimendo le vocali e d'abolire la maiuscola, sistematicamente, dopo il punto) all'"afflato" di personaggi (ad esempio Giuseppe Ungaretti e Vincenzo Cardarelli) ormai a diritto ritenuti protagonisti della letteratura italiana, e dai quali Marinella trae profondità di contenuti, ma anche incisività di accenti. Riscontrabile quest'ultima nel componimento intitolato Specchio d'ambra, che con le sue atmosfere cupamente riflessive, si rivela quasi una "poesia di genere", impegnata metodicamente a perseguire foschi e introspettivi intenti noir.
In Macchia - forse il testo migliore, caratterizzato com'è da una forte e suggestiva capacità di sintesi - troviamo invece un guizzo finale di notevole pregio e valore: un enjambement "a sorpresa" ("ogni sicurezza/ è un mucchio di stracci/ di sogno//") che ricorda assai da vicino quello utilizzato da Sandro Penna nella sua Interno: "[...] E sopra un tavolaccio/ dormiva un ragazzaccio/ bellissimo [...]".
Infine - apprezzata la secca energia che impregna Di fiori e d'insulti, lirica però afflitta (qui e là) da una propensione al cliché, sull'onda dannosa della quale Marinella si ritrova banalmente a parlare di "semplicità ancestrale", "paura insostenibile", "dolore urlante" - ecco Dialogo con Ungaretti, sorta di poemetto o diario in cui si manifesta evidente (con lucida delusione e fermezza) il desiderio di condurre e trascorrere una "vita di sicurezza", da passare al riparo della solitudine, che dunque si presenta come argine prudenziale da opporre alla sofferenza, per controllarla e impedirle l'abitudine che ha, in media, di tracimare e sommergere. Nel frattempo ogni frase dell'autrice (commentando gli stralci d'Ungaretti interpolati appositamente nei punti cardinali del brano e "cooptati" dalla poesia Natale) interpretano la "[...] tanta/ stanchezza/ sulle spalle" per impadronirsene e dare così luogo a un grido di battaglia, deciso a strappare dalla realtà il sangue significativo della gioia (o almeno della consolazione) e non più quello stantio - scialbo cioè - della noia, del grigiore, della sconfitta esistenziale.

Pietro Pancamo - ppancamo@progettobabele.it


POESIE DI MARINELLA DI PALMA

Specchio d'ambra

Specchio d'ambra.
- in fondo -
nella gola
pulsano
note nere.

- quelle
rincorse lungo le tue vene -

e il tuo antro
è vuoto
e attende
aritmie policrome.
melodie salvifiche.
da quando è lontano
il frullo consueto.
il tuo brusio natale.


* * *


Di fiori e d'insulti

amore amore come sempre vorrei
coprirti di fiori e d'insulti.
(
Vincenzo Cardarelli)

È nella crudeltà di questi momenti che ritrovo
il senso ultimo della mia natura.
nella semplicità ancestrale di questo mio sentire
di questa rabbia essenziale
di questa paura insostenibile
di questo dolore urlante
sono eterna
- eternamente umana -

* * *

Dialogo con Ungaretti

- Non ho voglia/ di tuffarmi/ in un gomitolo/ di strade -
stasera non metterò un piede fuori casa. non mi lascerò soffocare dall'infinità di quei volti tutti diversi, tutti ostili. i miei passi nn segneranno altra strada che qlla del ritorno. la mia strada. la mia casa
nn abbozzerò inutili tentativi di conversazione. nulla mi interessa all'infuori dei miei pensieri, all'infuori dei miei mostri orribili, stasera.

e nulla turberà questo patetico idillio solitario. non lo permetterò. fuori di me nulla ha un senso. non deve averlo per me, questa maledetta sera immobile. sarò sola per davvero e lo farò solo per me.
per nn farmi male...
- Ho tanta/ stanchezza/ sulle spalle -
Cristo c'ho provato! E cosa ho trovato?
aria impastata di niente ed altro niente e ANCORA NIENTE. ho provato ad amare. ho provato ad ascoltare. ho provato. E c'ho provato per sconfiggere il tempo. ho pensato se corro: se tengo questo stupido motore acceso, NON MI PRENDERÀ MAI, nn ci sarà una fine.
INGENUA
Ora ho solo formicolii e crampi dappertutto e sono stanca
Qui alla bocca dello stomaco... la sento.
la nausea. la noia di tutte le cose.
E sulle spalle il peso del cielo
vestito a lutto ormai.
Perché stanotte muore ogni cosa
"E muoia Sansone con tutti i Filistei!". CROLLO ANCH'IO insieme al mio nulla.
Muoio anch'io sotto le macerie fatiscenti del mio mondo.
Non l'avevo chiesto io. nn sono stata io...
sì in fondo nn volevo... ma sono esausta e dolorante
lasciatemi stare...

- Lasciatemi così/ come una/ cosa/ posata/ in un/ angolo/ e dimenticata -

nn esiste un oblio infinito anche per me?
dimenticate il mio nome
NASCONDIMI notte... vorrei potertelo ordinare.
non puoi ascoltarmi,
anche tu sotto le macerie
solo questo stupido mormorio. questo bisbigliare
mi cercano. mi cercano
lasciatemi nel buio
IO STO BENE. LASCIATEMI... VEGETARE
questo è facile
questo posso sopportare
inspirare espirare inspirare espirare
l'aria che entra ed esce dalla gola non chiede nulla in cambio
perché continuate allora? BASTA LASCIATEMI IN PACE
nn mi muoverò di qui stanotte.

- Qui/ non si sente/ altro/ che il caldo buono -
posso ascoltare tutti i miei rumori
cuore polmoni sangue gli unici rumori che voglio sentire stasera. qui,
oltre le transenne della vostra stupida vita ci sono io con il mio corpo.
con il caldo buono del mio fiato
nn mi interessa il calore di un corpo estraneo
nn mi serve. basta il mio.
questo calore nn può farmi male. nn può abbandonarmi
perché finché io sarò lui sarà.
LA NOIA DI TUTTE LE COSE nn lo porterà via con sé.
è me.
è me.
è me.
l'unica compagnia che posso accettare, questa sera.

- Sto/ con le quattro/ capriole/ di fumo/ del focolare -
eccolo... il fuoco
è la fine,
suonate il DIES IRAE.

dies irae
dies illa
solvet saeclum in favilla...


Marinella Palma

 
 

VISITE: 12299

© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.