Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [19/04/2019] 20 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Seconda Edizione Premio letterario: “Tene Tene” Collana libri per l’infanzia indetto da Catartica Edizioni scadenza 2019-04-20    Premio Letterario Tene Tene - seconda edizione scadenza 2019-04-20    XI Premio Internazionale Navarro 2019 scadenza 2019-04-20     Vincenzo Padula scadenza 2019-04-20    Passioni, desideri, tentazioni, fra realtà e fantasia. scadenza 2019-04-23    SCENICCHIA UNA SEGA #2 PRATICAMENTE UN CONCORSO LETTERARIO scadenza 2019-04-26    La Farnia d'Oro In terra nostra scripta apparuerunt scadenza 2019-04-30    Il Prete Bambino scadenza 2019-04-30    Premio drammaturgico per testi a tematica gay scadenza 2019-04-30    La tecnologia è magia? scadenza 2019-04-30    L’Ebbrezza della vita scadenza 2019-04-30    Città di Latina scadenza 2019-04-30    Onigo Mura bastia scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Tra Secchia e Panaro scadenza 2019-04-30    Il Sogno del Poeta scadenza 2019-04-30    OCEANO DI CARTA scadenza 2019-04-30    Nuova Scrittura Ermetica 2019 scadenza 2019-04-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
56 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
4 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Commento alle poesie di Pietro Barbera
A cura di Pietro Pancamo
pipancam@tin.it


Per i tipi delle Edizioni Thule, Pietro Barbera ha pubblicato nel 2003 «Il tempo sospeso», una silloge di cui gentilmente ha voluto mandarci in lettura alcune liriche scelte le quali (com’è facile constatare) scaturiscono direttamente da un’anima riflessiva che, assetata di ricordi e desiderosa di “incutere” sentimento al bianco dei fogli nuovi, trae suggestioni dalla memoria, per illustrare il lento frazionarsi della vita in giorni e sensazioni. Queste ultime si ritrovano poi coinvolte, nei componimenti inviatici, in un fluido susseguirsi d’immagini eleganti che – pur indulgendo talora (allo scopo di descrivere l’arte e le dimensioni cosmiche ch’essa dischiude) in preghiere troppo altisonanti (anche se, nelle intenzioni, maestose e visionarie) – preferiscono in effetti ragionare di eventi più quotidiani e immanenti, lasciandosi persuadere – dallo stile dell’autore – al vigore del pensiero, alla sontuosa delicatezza della natura e al sorriso dell’amore.
E per quanto Barbera sia portato (sporadicamente, per carità!) a sfumare i suoi versi in dolci malinconie serali di maniera (come accade per esempio ne «Il canto del Muezzin»), è impossibile non riconoscere in lui un poeta vero che, deciso a non farsi sottrarre la vita dal passato – e pronto anzi a recuperare, attraverso la memoria, gli episodi capitali della propria esistenza, per analizzarli intensamente – si rivela più forte del tempo. O, per meglio dire, insensibile al tempo. Ma non, di certo, all’uomo e ai sentimenti.

Pietro Pancamo - ppancamo@progettobabele.it


POESIE DI PIETRO BARBERA
(tratte dalla silloge «Il tempo sospeso»)


Il canto del Muezzin

I passeri della Tunisia
frugano,
con becchi appuntiti,
i prati verdi
all’imbrunire.

Rivoltano lesti
frammenti di fango
per stringere in bocca
piccoli vermi.

Un guizzo d’ali
e l’ambita conquista
trapassa oltre gli oleandri.

Come loro rivolto zolle di pensieri
– i sogni il mio becco –
addento per un attimo
la leggerezza dell’essere.

Volo fulmineo
oltre le fronde dei ficus.

Assaporo la mia effimera preda.

Tutto,
in fievoli bagliori,
si dissolve
nel vento della sera
che porta con sé
la nenia del Muezzin.

 

Amen

Inedia di spirito anelante
posa
su sconfinati oceani di tenebre
rotti schemi
– involuti –
d’arcadica speculazione
ritornano al precipuo scopo:
amore/odio
vita/morte,
anima/materia.

Scardinate le inibizioni
irrorare
– rigenerato il plasma –
nuove arterie
nei percorsi mentali:
esplosione di mondi
mai procreati
nel buco nero della coscienza.

Esalazioni filosofiche
nell’attesa di eventi ridestanti
l’azione,
ricomposte
nel sacrario della letteratura.

AMEN.

 

L’archeologo

Ti sarò grato per sempre,
Poesia.
Restituisci momenti sepolti
negli strati della memoria.
Sedimenti di vita
cementificati
nell’impasto di smarriti ricordi.
Come un archeologo,
la penna una piccozza,
per fiaccola la fantasia,
rimuovo la coltre di fango,
frugo
tra le sabbie mobili
della coscienza.
Ripago, al fine,
la immane fatica
di fronte al riverbero
di un gioiello arrugginito.
Lucido ogni spigolo e rientranza,
rispuntano volti con occhi parlanti,
atmosfere colme di denso piacere,
rotti pianti d’amore e tristezza.
Un semplice, bianco, foglio
una delle teche
di un grande museo
di rinate emozioni.
Sprizzo di gioia al cospetto
dell’ultimo amuleto ritrovato.
Che sia un lacero osso
o un opale iridescente
fa lo stesso.
In pugno, a me pare,
di stringere un raro diamante.
Brillerà sempre per le mie pupille.

 

L’aquilone

È passato un secolo
dall’ultima volta
che ho tenuto in mano il tuo cuore.

Come un aquilone lo tiravo
e lui sorseggiava l’aria
con mille piroette
e la coda attorcigliata.

D’improvviso mi è rimasto
solo il filo tra le mani.
Una turbolenta folata
me l’ha strappato.

Mentre planava lento
ho seguito il suo tragitto
fino al suolo.
Frugando nel bosco
l’ho ritrovato disteso
su un letto di rovi.
Mi sono mosso tra spine
e rami secchi
districandolo delicatamente.

L’ho stretto forte al nodo del filo.

Ora sono pronto,
qui:
aspetto una bella giornata
di vento
per farlo volare ancora più in alto.

 

Tre pesci rossi

Tre pesci rossi in una boccia
d’acqua trasparente
muovono le pinne
dipingendo casuali percorsi
di gioia nella tua mente,
oh bimba mia.

Nuotano liberi
nelle ampolle dei tuoi occhi
che intravedono per loro
acquari senza limiti
nel mare della tua fantasia.

Per ogni bolla dalle loro bocche
tu esprimi un desiderio.

Anch’io ne ho uno.

Poter conservare
il tuo allegro sorriso
fino a che l’ultimo pensiero
lasci la mia mente,
svanendo nel cielo
come una bolla.

 

Artisti

Aprono cieli chiusi
gli artisti.
Trafiggono
galassie inesplorate
nell’irrazionalità
del buio siderale.
Sfogliano pagine bianche
da scrivere in un libro
mai letto.
Spremono angosce
ritrovando gocce d’armonie
di note irreali.

Pennellate decise
per l’acquarello
della realtà.
Slanci psichici
oltre il dolore,
fuga dal labirinto
della “normalità”.
Spazi mentali
creati dal nulla,
memorie disperse
appese al filo d’Arianna.
Frantumi,
cocci di sentimenti,
rincollati
generano mosaici
cangianti d’umore,
sempre diversi.
Anelito tracotante
– sgretolate le apparenze –
d’insopprimibile
libertà.

 

Limoni

Ho catturato il sole,
l’ho appeso agli alberi,
verdi di foglie lucenti.

Tondi e gialli limoni,
pieni degli umori
della mia terra.


 
 

VISITE: 19724

© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.