Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [20/09/2019] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Mondo Artigiano scadenza 2019-09-20    360 Autori per tutto l’anno scadenza 2019-09-21    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CartaCarbone Festival Letterario Autobiografia e dintorni 2019 | Presentazione della sesa edizione - Treviso, Sabato 21 Settembre 2019, ore 11, Chiesa di San Teonisto (FESTIVAL LETTERARIO 2019-09-21)    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Identità riservata di Cinzia Baldini     Punti di vista di Gaia Borella     Come una madre di Maria cristina Piazza     Mio figlio e Bukowski di Massimo Martinelli     Un Brandello di storia di Alessio Salerno    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
28 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Un sasso e un chicco (silloge)
di Alberto Accorsi
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 95
Media 78.21 %



Archivio Poesie Progetto Babele Questa mattina
 
Sarà Giove - pioggia d'oro
che trasforma il riverbero
di monotone lampade allo iodio
in un formicolio  luccicante
 
o la melodia dei Modena
calda e dolcissima
nell'abbraccio umido del mattino
  
o il vago ricordo di occhi
scomparsi
 
mi accorgo che il ghiaccio
del cielo
si scioglie
il dolore che angoscia
svanisce
 
 
Questa mattina 2
 
Guarda papi  è Dio!
Dove!?
Lassù.
 
Il viso  gigantesco era
corrucciato
un nasone...
la bocca semiaperta
 
poi la nube si stiracchiò
in lunghe striature sottili
 
così
seguimmo rassegnati
le  fiammeggianti iridi
della  monovolume
 
perfettamente circolari e
incantevolmente
luccicanti.
 
 
Il ciclo del Carbonio
 
Non  è rimasto che
nell’odore
della sua  piccola officina
sotto casa,
d’olio, di limatura, di ferro bruciato
l’odore tanto odiato
dagli eterni bimbi
con la puzza al naso.

Lui se n’è andato
con “l’acqua nei polmoni”
dopo cinquant'anni di  fumo di ghisa
animale   feroce al carbonio
infido nella polvere nera
che anch’io respiro spesso
ma non così a lungo.
 
 
Un tesoro
 
Ho un tesoro che i miei fratelli,
più giovani, non sanno
 
la prima casa, il buio del  mattino
mio padre al fischio
lontano del treno, si alzava,
la scodella di latte, era pronto
 
si infilava  quello strano 
cappello da aviatore
con due strisce di cuoio
aderenti alle guance
 
e poi via sulla Lambretta
al lavoro!
  

Questa malattia
 
Questa malattia
che prima di finirci ci trasforma in
pulcini implumi
da uomini seri che eravamo
scavato il volto
gonfie le dita
stecchetti al posto delle gambe e gli
occhi grandi
che sporgono da un volto smarrito
che non si riconosce più
aspettando… aspettando di partire
da un altro punto di vista
non è letale...
e addirittura non fa del male.
 
 
In volo
 
Adescati, catturati
e forse  stregati
dai nostri
pensieri quotidiani
non ci accorgiamo che
lassù accade
qualcosa:
si fanno cullare
ma da quali  correnti ?
si tuffano
e poi sono soffiati all'indietro
ricominciano
nel cielo pallido.
giocano?
Ripartono, spiegando le ali.
 

Novara
 
Da Corso  Risorgimento
Novara dorme tranquilla.
 
Frutti rossastri ammuffiti
su scarni candelabri
come uccelletti stecchiti
 
Negozi troppo timidi
merce nascosta
nulla nelle vetrine scure.
 
una siesta perenne
la avvolge discreta
 
solo la Cupola dell'Antonelli
svetta gigantesca
come la  Basilica della Virgin
ma
l'Oceano... dov'è?
 
 
Povero dino milanese
 
Cinesi  d’altri tempi,
in perenne leggiadra mestizia,
solo
dal  dinosauro verde brillante
aggrappato 
al traliccio di via Bovio
ci  facciamo  sorprendere
 
ma solo per poco...
l’ assalto al cielo
è fallito!
 
all’imbrunire anche il verde
scompare nel grigio
e solenne
l’Indifferenza riprende il suo
posto di comando.
 

Tempo cattivo
 
non è più il tempo dei
cardellini
gialli, neri saltellanti tra i semi piumosi.
nel parcheggio,
un ticchettio gelato, impertinente!
disturba  pochi passeri frettolosi
penso:
a quanto mi tormenti un lavoro malfatto
o la sfortuna semplicemente cieca
mentre
vorrei accogliere il giorno come la sera
un guardare tranquillo  senza vedere.
 
 
Rane
 
Non è un cielo del Correggio
di vorticosi celesti e intensi gialli
è piuttosto un velo umido ed indeciso
ad accogliere le povere rane in guazzetto
che sembriamo
una delicata tela  che sfuma i contorni
di pioppi, prati e  case isolate
non quelli di un sole bianco
turbato appena
da esangui e passeggeri
filamenti scuri.
 
in questi giorni
di rabbie, sfoghi e
rancori.
 
Novate è cambiata
 
I  carrozzoni del  Circo operaio
son  partiti  da anni...
con tamburi, bandiere rosse e
l’inefficiente  democrazia.
Fargas, Omcsa, Schindler, Triulzi...?
Controlla l’ortografia !sentenzia il computer.
 
Circoli, vecchi partiti
quasi  del tutto cacciati
 
La  morbida eleganza
dei salottini del Risparmio Gestito
sciantosa cammina per tonde
e per  nuovi selciati
 
è’ la Banca, bellezza!
 
Che sorride beata nel
deserto luccicante di vetrine
lontano dai luoghi 
dove il Circo una volta
s’era posato
 
Sorride a se stessa per niente esitante
per niente turbata, sicura, trionfante
...forse non troppo lungimirante.
 
 
Omaggio a Karl, scienziato
 
Astraendo, distillando
cristallizzando:
dai lavori concreti
al lavoro astratto
e generalmente umano
 
alla merce
cristallo purissimo
 
e infine l'oro trovato:
l'uomo come
merce tra merci
ombra  da luce
Dio finto da Dio vero
 
 
Troppo facile
 
Troppo facile!,
raccoglierli  già schiusi,
all'ombra degli eucalipti,
o passeggiando tra le stalagmiti gialle
o vicini a sorgenti furtive
 
altra cosa è
strapparli dal cemento
nel  deserto
di  un cielo  inesistente
 
il sentiero di morbida neve nel
nero  silenzio del primo Natale
o i fiordalisi e i papaveri rossi l’estate
 
tornano solo, e per poco,
se cercandoli
cammini,
nel buio.
 
 
Troppo facile 2
 
Non è gran cosa, davvero,
strapparli dal cemento
nel deserto  di un cielo inesistente
 
nella spenta città qualche
insegna risplende e
il cuore sussurra
 
Versi innamorati
 
seminati tra lacrime vere
son perfino giunti a noi
 
Dalle paludi dove
le farfalle non vivono
gli uccelli non cantano
e da dove
i “Trasporti”hanno
sterminato
il tempo.
 
 
 
Landini Testa Calda
 
Ridevamo insieme
mi parlava di quell'assurdo
trattore di quando lui era
bambino
 
Io  posavo all'improvviso
le mani fredde sulla   sua nuca:
scherzo da "scioc"!
sbottava spingendomi via
 
Nostalgia piccolo animale
da compagnia
sorriso spezzato e sempre
cercato.
 
 
Colori
 
Milano è una città grigia
e bisogna ringraziare
il Marciapiede di fronte  se
dopo la pioggia ci regala, in qualche
chiazza di benzina,
iridescenti galassie  di  blu di  verdi  di gialli .
 
o i  freddi  Neon   che dal soffitto della palestra
generano caldi folletti danzanti
verde limone, celesti
minuscole astronavi ovattate
 
ma oggi
da un cielo plumbeo carico di pioggia
si staglia  all’improvviso
il Duomo che  come le rocce di creta di Rugen
è di un candore allucinante
filigrana di ghiaccio
 
allucinazione,   inquietante
subito spenta, per fortuna,
da una pubblicità   gigantesca
confortante, rassicurante, anima di una città
benestante.
 
 
E’ amore?
 
L’aria è fresca,
all’ingresso del cimitero
poche persone confabulano
un ometto forse sta facendo  pipì
vicino al muro, laggiù, nell’erba alta.
 
faccio squillare il cellulare, non risponde, risponde.
la vedo, arriva da lontano
piccola, piccola
non so se è amore
comunque riprendo a respirare.
 
Ed eccola qui, scende dalla  bicicletta,
una freschezza garbata sorridente:
rompiballe!
mi apostrofa, ero in salita..
 
entriamo.
si rilassa nell’arte di disporre fiori,
suo padre, mio padre.
Poi riparte . mi faccio un giro per il centro ...
mah  si quando  saremo in pensione, alla Domenica,
andremo in bici al Circolino a berci un bicchierino.
E  chi ci ammazza?! Faccio io .
 
E’ amore.
 
 
Il poeta e la città
 
senza panchine
senza fontane
senza città
 
un caracollare lento e sereno
con un pezzetto di carta e
una matita in mano
cercando almeno
di camminare nell'ombra.
 
 
 
Letteratura
 
solo la filosofia  ti strappa, violenta, alla vita
e ti costringe  all'eterno
 
la letteratura  no, lei ti allontana più  dolce e più  lenta
tra la gente puoi sostare  e da un punto qualsiasi  guardare
e non esser guardato
e cercar di descrivere ciò che vedi
Ma ...non scegliere! o
l'incanto svanisce e la vita ritorna.
 
 
Regali di  nozze
 
La foto è un po' ingiallita :
timidi e vicini son
seduti su una panchina, Carpi 1952
 
Lui in una mano ha
un  calibro a corsoio
strumento per misurare
il ferro ben tornito
 
per il taglio ed il cucito
occorrono
fantasia e senso estetico
un “figurino”, sfoglia Lei
 
scesi  dalla corriera  dopo il
viaggio, trenta chilometri!
si sono comprati  gli unici
regali di nozze : il pane di domani
 
ma  la foto   non c’è  proprio
nessuno l’ha mai  scattata e
mia madre, rimasta
l’unica della famiglia,
 
non ricorda più con esattezza
fu a Carpi o a Reggio Emilia?
 
 
Ora di andare
 
Questo giorno non respira.
senza canti gitani
o vecchie nenie dalle
stalle di un tempo
 
senza un cielo normale
o un sogno
da ricordare
 
anche oggi al lavoro
mi sono
portato.
 
 
Strano giorno
 
Zampillano
in un immenso cielo blu
esili
steli d'acciaio fioriti d'arancio
e sfere rosse  oppure verdi
sospese nell'aria
accompagnano tranquille
il ritorno.
 
ripenso felice al mattino
arrivo al cancello e
scendo infine dall'auto:
la chiave, la chiave
non c'è !
Dio mio ...
perché mi hai  abbandonato?
 
 
Trattorie
 
Cosa mai vi hanno fatto
gli impiegati di Banca!?
 
"Panigacci alla Nutella"
chiese il giovane col viso
di vecchietta, nere e lucide
le scarpe
e fino il cervello
 
Dall'altra parte
facce segnate
capelli grigi
e un cibo da dimenticare
ma giusta la grappa nel caffè
e che cameriere gentili!
 
 
In alto i cuori
 
L'anno in cui l'inverno non ci fu
da nessuna parte
 
i proprietari di sciovie protestarono a
lungo al Ministero
 
gli echinopsis fiorirono nei greti
arsi dei fiumi
 
e le forficule si accamparono tranquille
sopra le teste
degli uomini
 
 
Lucky
 
Ci deve essere  per Noi
qualcosa di molto più
gratificante
 
nel trascinare un  vivente
per il collo 
 
che nel vederlo
agonizzante 
sotto un bicchiere
 
o nel scioglierlo
nelle bollicine
effervescente  per poco
 
nella calce
gettata per gioco.
 
 
Comune destino
 
Pensavo che
le pagine morissero gialle
svuotate, ossidate, martoriate
dal solito  male
gli anni passati
 
invece ho visto singole lettere
staccarsi, storpiarsi, mutarsi
e quasi le parole diventare illeggibili
muto scherzo
di una pagina ancor  bianca
serena, salvata.
 


© Alberto Accorsi



Recensioni ed articoli relativi a Alberto Accorsi

Nessun record trovato

Testi di Alberto Accorsi pubblicati su Progetto Babele

(1) Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi - POESIA
(2) Baudelaire - Hegel: Corrispondenze a cura di Alberto Accorsi - ARTICOLO
(3) Ville, riflessioni su Arthur Rimbaud a cura di Alberto Accorsi - ARTICOLO
(4) Un sasso e un chicco (silloge) di Alberto Accorsi - POESIA
(5) Una stagione INattesa di Raffaele Turturro - RECENSIONE
(6) L'ombra di Mao di Federico Rampini - RECENSIONE



>>ARCHIVIO POESIE

>>GLI AUDIOLIBRI DI PB




 

dal
VISITE: 447


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.