© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Contatta il WebMaster help&faq
 
 
PB NEWS:    [19/07/2017] Lacrime d’Inchiostro    [24/03/2017] L'editore più povero del mondo parla sul blog "La Casa di Carta"    [25/04/2015] Audio Antologia della Letteratura Italiana Vol. I e Vol. II    [13/06/2012] Terremoto in Emilia - sospensione temporanea attività Progetto Babele    [26/07/2017] 7 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Yoga della risata a LAlba Big Fish scadenza 2017-07-27    ULTIMI INSERIMENTI SUL SITO AL 26/07/2017    Recensioni     Amore incompatibile di Francesco Dell´Olio     Andata e ritorno di Elena Ciurli     L´anno prossimo a Gerusalemme di Andrè Kaminski    Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini     Sesso, droga e Rococò di Massimo Di Vincenzo    Il parere di PB     Sesso, droga e rococò - Storia del falsetto dai castrati all di Massimo Di Vincenzo     C è un tempo per gioire, c è un tempo per patire di Manrico A.G. Mansueti     Papà mi presti i soldi che devo lavorare? di Alessia Bottone    Le rose di Eusebia di Claudio Secci    La lama nera di Dario De Judicibus    Articoli e saggi     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco     Frantumi di Edoardo Firpo    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Una vita nel mistero (ITALIA 2010) regia di Stefano Simone    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix     Tapes (2008) - Alanis Morissette    IL FORUM DI PB    Ultimo topic: EXPO DI ARTE CONTEMPORANEA di Marche Centro d'Arte - parte la V edizione inserito il 2015-04-11 (ultimo aggiornamento 2015-04-11)    Ultimo post: inserito da dariociferri il 2015-04-11 sul topic EXPO DI ARTE CONTEMPORANEA di Marche Centro d'Arte - parte la V edizione    
 
 
Email
PSWD
CONSIGLI DI LETTURA
Arretrati e copie stampate
PB International
PB Interactive
IN PRIMO PIANO


OnlineUtenti connessi: 7
Utenti collegati in chat 0

Dal 01/01/2003
questo sito ha generato
96.226.785
esposizioni

 
     

Commento alle poesie di Andrea Cambi
di Pietro Pancamo
Pubblicato su PB19



VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 14707
Media 80 %



Per alcuni la letteratura è una professione; per altri, pure. Ma solo di fede. Sarà per questo che la vita mi toglie il fiato non tanto per la bellezza che irradia, quanto invece per la fatica? Eh sì, mannaggia! Non a caso il mio desiderio maggiore, guarda un po’, sarebbe quello di dormire attentamente (per filo e per segno, ossia compiutamente) dopo aver lasciato morire per sempre i miei scritti episodici. Che non procedono più, a ogni modo, e che mi lasciano freddo, in genere – cioè ormai –, proprio come il calore degli ottimisti.
Fra i quali annoverare Andrea Cambi non sembra opportuno davvero, dal momento che accostandoci alla sua vastissima produzione (qui rappresentata, per esiguità di spazio, da undici esempi contati) ci troviamo a tu per tu, immediatamente, con un autore dedito alla spi-ritualità delle parole: al ritorno ciclico-ascetico di temi e ironie struggenti che si ripetono con insistenza montaliana, fino ad illustrarci pienamente il male di essere al mondo e di dover affrontare ogni giorno, in stretta alternanza, l’ansia e la paura di vivere. Se non addirittura (come suggeriscono i problemi gravi di permanente e prominente disperazione, che affiorano dalle liriche di Andrea) quella sensazione di vuoto al cuore, alla quale è difficile sottrarsi, quando (magari dopo aver trascorso l’intera esistenza ad organizzare questue capillari che ci elemosinassero un rifugio qualunque, purché “ricalcato” sul nostro cuore) scopriamo a lutto che la poesia, in ambedue i “versi” (a leggerla o a scriverla), può – se va bene – costituire uno sfogo. Ma una consolazione... mai e poi mai. (Pietro Pancamo)

______________________________________________________

Poesie di Andrea Cambi


Terapie

La notte
che ha pareti
interminabili:

umidi cilindri
precipitano in altrove…

E io che ci cado dentro
come un relitto bellico,
un aeroplano in vite piatta:

eppure rido,
godendo di quell’alesaggio
senza stridori,

trasfiguro casualità
e finzioni e le vedo
come realtà:

fingo conoscenze radicate,

su sesso e vita…


Pathos

Questo allora è il dolore.

Un’acqua che s’asciuga in fretta
sul dorso di un muro soleggiato,

e nel guardare quel dolore
c’è rimpianto e una strana allegria:

la lontana gioia
d’esser stati vivi…


Gassman

... pomeriggio:

fa risorgere pro tempore
la mia mente:

sole postatomico bianco
in ritardo sulla vita reale,

crudele…

(“… posso tollerare
la compagnia che più
ho temuto,
che più ho odiato:

che ascoltavo a cuore fermo
su appunti di Geologia,
dentro a primomaggio
senza suoni… ”):

la solitudine.


Tesi

Ho perso.
(“Ho sbagliato tutto… ”).

Ma la mia sconfitta
non ha dolore:

esso si annega
in un tempo
che ho scordato.

Ha vinto la Vita,
la mia paura di lei.

Si sveglierà
in una debole angoscia,
immatura come la luce
al mattino:

da stordirsi
in un’arida prassi:

di lacrime senz’acqua…


Marco

“… insisto… ”:

fatto magro
da questo vento
come una terra
senza padrone,

da questa pioggia
che luoghi inaccessibili
partoriscono impalpabile:

dentro
ho un’ulcera continua,
un buco nello spirito:

invisibile ai più,
o inguardabile
come un peccato:

riscattarmi
in uno spaventoso futuro
di vanagloria,

per mitigare
l’unica vergogna
che mi riconosca:

aver troppo temuto di vivere.


Reality

… “che tragedie
sotto l’esile scorza
della bionda borghesia:

dietro la facciata
che risplende all’arido
sole appeso…

Gli occhi semichiusi
delle finestre al mattino,

non nascondono che il mio corpo
è un relitto senza speranze,
arenato fra le macerie di un letto:

ancora grigioblu notte,
e quasi alba che offende… ”.


Estate

… sto tutto
rappreso nella mia…

abbronzatura imprestata,

ottenuta con l’imprimatur
di mia madre che vigila…

“È che… ”.

Vengo da una remota
coscienza narcisistica:

tenevo all’apparire,
mi scrutavo e gioivo
per il biondo che aumentava
nei capelli, con l’estate…

Ora oscillo appeso
all’altalena dell’irrealtà:

“Senza corpo… ”,

fra un passato
tanto distante
da apparire dimenticato,

e un atroce presente
senza scelta…


Statica

Non chiedo
che una notte feriale,

tiepida e ricca
di profumati silenzi:

un’urna blu
nella quale perdermi…

Avere abbastanza corpo
da poter reggere gli attacchi
del cuore, le ondate nere
del respiro:

tutto il peso
dell’essere fragile…



Capelli da ragazzo

Al mio dolore
non so se acuto…

come la punta di una lancia…

… la fantasia accesa
non ha fatto seguito.

Guardo alle vecchie paure,
tutte appese come foto
che rammentino il passato:

come fossero un miraggio…

Il mio dolore quello vecchio
ha quasi il suono delle campane,
l’abito della festa:

racconta che tutto era possibile…



Ti scrivo da una mia guerra

“Scusa se non partecipo/
ma ho già il mio bel daffare/
a sopravvivere”:

è che oggi risento tutto il dolore,
il vecchio insieme al nuovo:

li rivedo qui.

Così la mia gioia
per non dover partire
è tutto l’orrore…

… del senso di protezione
che offre un giorno feriale,
un programma televisivo,

la promessa di una nevicata
che attutisca la vita.

Sai,
ieri sfogliavo i telegiornali,
e mi sono imbattuto
nel mio più grande eroe neurovegetativo:

il camionista incagliato nel traffico,

quello che racconta tranquillo
le disavventure dell’ultima notte,
e invoca l’aiuto della polizia,

ma con grande educazione.

E il fumo dalla sigaretta sale azzurro,
nello sfondo scuro dell’abitacolo…


Il reparto

Il massimo dell’involuzione
è questo?

Usare il dolore al piede
come timore più grande,
come distrazione al sottofondo
di sempre:

il cuore malato…


© Pietro Pancamo



Recensioni ed articoli relativi a Pietro Pancamo

(1) Manto di vita di Pietro Pancamo - RECENSIONE
(3) Sia fatta la tua comicità. Paradise strips di Pietro Pancamo - IL PARERE DI PB

Testi di Pietro Pancamo pubblicati su Progetto Babele

(1) Volpe bellissima. Liriche per Alda Merini di a cura di Lorella De Bon - RECENSIONE
(2) Philologia Pauli. Il corpo e le ceneri di Pasolini di Massimo Sannelli - RECENSIONE
(3) Commento alle poesie di Andrea Cambi di Pietro Pancamo - POESIA
(4) Testa e croce di Silvia Zoico - RECENSIONE
(5) Sussurri e sospiri. Biografie impossibili di Maurizio Piccirillo - RECENSIONE
(6) Scritture e modelli letterari di Renata Ballerio e Marisa Napoli - RECENSIONE
(7) Più conosco gli uomini di Pietro Pancamo - RACCONTO
(8) Il crocifisso della cuccagna di Pietro Pancamo - RACCONTO
(9) Serafino preposto al coraggio di Pietro Pancamo - RACCONTO
(11) Esodi di Roberto Dobran - IL PARERE DI PB
(12) In cerca di Alessandro Ramberti - IL PARERE DI PB
(13) D'amore e di morte di Enrico Pietrangeli - IL PARERE DI PB
(14) I germogli di Ground Zero di Michelangelo Cammarano - IL PARERE DI PB



>>ARCHIVIO POESIE

>>GLI AUDIOLIBRI DI PB




 

dal 2008-09-09
VISITE: 36446