Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [16/10/2019] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Linee di Paesaggio” scadenza 2019-10-28    Concorso per artisti emergenti scadenza 2019-10-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
29 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
5 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Ipotesi poetiche
di Fabio Martello
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 85
Media 78.94 %



 

BAGLIORI

 

Dovendo profetare l’anno di nascita

della mia fama letteraria – ebbene, io dico il 2074.

Non chiedetemi del criterio matematico-cronologico

che sovrintende alla profezia.

Forse nemmeno Stendhal conosceva il proprio.

 

Il mondo – come si dice – sarà allora

definitivamente pronto.

Una nuova e più austera aria

– atmosferica ed esistenziale –

tirerà sopra città e campagne.

Si musicherà la musica in altro modo,

sulle parole batterà

un accento più verace ed inquietante,

la vista,

la vista scoprirà inediti e numinosi profili

delle vecchie cose di sempre.

Si camminerà,

riderà,

ascolterà,

ammiccherà,

dubiterà,

tossirà in modo diverso –

e tutto ciò grazie alla mia opera

finalmente illuminata dalla fama.

 

Devo cominciare a sistemare i paltò,

per intanto,

questi già consunti giacconi,

questi pantaloni di apparente velluto

o di chissà quale altro scadente tessuto  -

cosa saranno diventati, per quel tempo?

Dovrò aggregarli sì che prendano

l’un l’altro confidenza.

Che si lascino andare al fumo nostalgico

dei segreti non ancora rivelati.

Ogni ragionevole alibi per coltivare

il dubbio, la diffidenza reciproca, dovrà

essere disperso, per allora.

 

Per il 2074 gli ultimi indugi devono

essere definitivamente rotti, spianate le strade

delle sommesse e nostalgiche confessioni.

Poiché sarà solo tra queste muffose

maniche fodere cuciture che brucieranno

i fuochi fatui della mia ineguagliata fama,

della mia gridata e battagliera opera.

 

 

***

 

 

AL CIMITERO

 

Con le prime giornate di sole,

i morti appaiono più sani, più rilassati.

(Scrutando le foto dovremmo ravvisarvi

una qualche rinnovata forma di pigmentazione).

E’ il miracolo della luce, che li stana dalla gelida ombra dell’inverno.

 

Guardo queste foto così gagliarde, ed estraggo un block notes.

La morte è così, la morte è cosà, e tante altre preziose (talora amene)

notizie di questo genere mi vengono generosamente elargite.

Sono lento a scrivere e qualcosa scappa sempre.

 

Uscendo dal cancello, il mio passo è decadente

e tuttavia ossessivo, raggelato

in una sua elusiva e discutibile circospezione.

Saluto mestamente chi entra.

 

Non fischietto solo perché il gesto

non si addice alla decadenza – altrimenti lo farei.

Nessuno si volta solo per via

della mia disperata eleganza – altrimenti lo farebbe.

 

Nessuno si è ancora accorto

degli appunti furtivamente infilati

nel suo proprio paltò.

 

 ***

 

 

FINCHE’ 

 

Scrivo sempre più lentamente.

Un tempo ero più veloce.

Negli ultimi anni rallento, mi do alla macchia scrittoria

gioco a nascondino tra me  e me

nascondo la penna alla mia mano e viceversa.

Fatto è che gli scritti attribuibili a me medesimo scarseggiano,

si fanno desiderare. La mia opera latita

oppure si dissolve.

Si volatilizza, emigra certamente in un’altra biblioteca -

che non è la mia, che non è la vostra.

Scrivo poche parole la settimana.

Che diventeranno, tra non molto, poche parole al mese -

        pochi sparuti graffi in un anno.

 

Vecchio, dovrò per lunghi e pazienti giorni

guidare una penna sopita ed incollerita

senza che ne esca una sola frase compiuta -

quella frase sarà il resoconto inacidito del mio vagito,

del mio ingresso nel mondo.

Un resoconto che non ho saputo scrivere da piccolo,

non foss’altro perché non sapevo ancora scrivere.

 

***

 

 

HORRIBILIS

 

La lettura è qualcosa di orripilante.

Una mostruosità che acceca.

Un giorno ormai lontano, sentii addirittura qualcuno

pronunciare cancro. Cancro cieco ed accecante.

 

(Una volta ebbi persino la visione del libro di Kubin:

i suoi orrori:

gli stessi orrori che muovono

le orde degli uomini accecati dai libri).

 

Non so quali rimedi adottare.

Anche se vi ho spesso pensato.

Vi è stato un tempo in cui pareva

dovessi gridare eureka: alla morte di mio padre –

la morte, pensavo, doveva mettere in fuga i libri.

 

Ma con il passare della morte è poi

passato del tempo – il tempo.

E così come mio padre non è

certo resuscitato,

così come mio padre non me lo sono

certo dimenticato,

la morte non ha affatto messo in fuga i libri.

 

Li ha proditoriamente raccolti, sedimentati,

stivati in polverosi ed affettuosi scaffali

tutti da rovistare,

tutti da spiare

con acrimonioso

e fallimentare rimpianto.

 

***

 

OROLOGERIE

 

Andare per castelli talvolta serve.

Si imparano alcune cose.

Un tempo

(ma quale tempo? c’è forse un altro tempo oltre a questo tempo?)

un tempo credevo che i nostri avi fossero

delle anime – o meglio, cervelli - semplici.

Che avessero in spregio la complessità.

(Ho spesso parlato a mio padre così

come un adulto bamboleggia con un bambino.

Lo stesso continuo a fare con mia madre).

 

Mentre i castelli rivelano intricate e

diaboliche architetture.

Dentro ai castelli son costretto alla vista

di orologi dai denti acuminati e

dalle intersezioni fatali.

Dai dipinti vengo oltretutto a sapere

che un tempo gli uomini si parlavano.

(Non l’ho detto e sarà forse bene che lo dica:

la parola è pur sempre una forma

di faticosa complessità).

 

Ora non mi sentirò più in colpa dovendo

frequentare le odierne e sinistre tecnologie.

La contemporaneità non mi apparirà più

il covo di una degenerata e cavillosa umanità.

Vengo da un passato oscuro ma complicato,

questo sto cercando di dire.

Il mio ieri (e l’altro ieri)

è cervellotico,

vorrei quasi dire ozioso.


© Fabio Martello



Recensioni ed articoli relativi a Fabio Martello

Nessun record trovato

Testi di Fabio Martello pubblicati su Progetto Babele

(1) Ipotesi poetiche di Fabio Martello - POESIA
(2) Accelerazione dei tempi di Fabio Martello - RACCONTO



>>ARCHIVIO POESIE

>>GLI AUDIOLIBRI DI PB




 

dal 2011-09-30
VISITE: 401


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.