Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [17/02/2019] 10 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Francesco Gemito scadenza 2019-02-20    Daniela Cairoli scadenza 2019-02-23    Lorenzo Da Ponte scadenza 2019-02-28    Storie romantiche Contest scadenza 2019-02-28    Senagalactica, edizione 2019 scadenza 2019-02-28    Un Libro per Tutti (ovvero la scrittura per vivere l'emozioni) scadenza 2019-02-28    OBIETTIVO LIBRO scadenza 2019-02-28    Tu, io e i mondi possibili scadenza 2019-02-28    Concorso Letterario Tempra Edizioni - 2019 scadenza 2019-02-28    «Storie di donne» scadenza 2019-03-01    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno     Epiphaino di Guglielmo Campione    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
61 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
9 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

PBPOESIA Presenta
Simone Veltroni
sezione a cura di Pietro Pancamo


Sebbene i costrutti sintattici cui ricorre rischino magari (dal momento che a volte eccedono in compiacimenti e passaggi forse troppo "barocchi") di appesantire il periodare e renderlo così di faticosa comprensione, indubbiamente Simone Veltroni scende coraggioso nei sobborghi dell'anima. Li raggiunge anzi con andatura impavida e, irrorandoli con le lacrime virili del pensiero, sa poi meditare sull'enorme complessità dell'esistenza quotidiana, sorretto da una mirata quanto agile prontezza non solo di sentimenti, ma anche di immagini pregnanti (ad esempio quella intensamente icastica che svergogna i presuntuosi, dandone la più calzante ed incalzante delle definizioni: "[...] esecrati smargiassi/ ch'allignano sul vento del proprio nome"). E se l'amore (nei versi di un autore simile, davvero bravo a intessere suggestioni talora carducciane) appare eminentemente come un inganno lussurioso, un sollievo precario e infido che - ghermita la vittima di turno - subito la degrada, condannandola al tormento narcisistico della vanità, la natura è invece presentata come un paradiso lontano e "riflettente", in cui specchiare con nostalgia la propria vita, cullati dall'estasi malinconica del ricordo.
Insomma, superfluo dire che stiamo trattando di un poeta contraddistinto da grandi capacità liriche e introspettive, il quale (fermamente deciso a mettere in risalto i moti dell'animo e la loro forza impeccabile) si vota inoltre ad un'efficace e singolare ricerca linguistica, che se da una parte lo rivela profondo conoscitore dell'italiano, dall'altra lo porta spesso ad inserire nei propri testi una gamma assortita di parole arcaiche e desuete, appositamente prescelte affinché - nella vetustà appunto che le caratterizza - simboleggino e incarnino a pieno tutta l'antica e millenaria bellezza dei sentimenti umani. (Pietro Pancamo)

____________________________________________________

SEI POESIE DI SIMONE VELTRONI


Non versuta

Non versuta mente m'aiutò
quel dì che,
senz'opera alcuna,
il tuo genio avvinsi
ed incauto accolsi
i prodi plausi salottieri
ch'agile menavi,
fra i denti la lingua
triviale,
ad alta voce
sulle genti d'idoli mai paghe
che infin di vanità,
la mente mia,
s'affogò,
ad ingrossar le file
degl'esecrati smargiassi
ch'allignano sul vento del proprio nome.
Non versuta mente
allorché ben credei
dei tuoi lustri fidar
che d'effimera trama
eran avvolti.
Mai avrei dovuto capitolar
al lussurioso appello
del bel corpo conservato
che per me solo promettevi
finché il patto
avessi onorato.
Mai, ma l'ho fatto e ancor pago
il mio misfatto.

 

Su di un prato

Star vorrei
su di un prato,
alla notte
a mirar le stelle
e riposar la schiena e il capo,
col vento lieve fra i capelli a buffettare
e 'l denso odor dei tigli
forte inalare
disteso nell'ombra profonda blu del cielo
dove muovon soavi
fra i cirri
le passate speranze
dove il tuo rapido scintillar d'occhi
nelle cadenti stelle
riveder potrei
tra trilli e gorgheggi
il tuo riso
riecheggiar
lontano
all'orizzonte
di pallido rosa
albeggiar godrei
ma son qui costretto
tra fradice lenzuola
dal neon abbagliato
in attesa d'esser maneggiato
od anche rimproverato
e so che mai più ristar potrò
su di un prato
alla notte…

 

Lontano

Fresco e tagliente il fragrante odor dei travagliati culmi, di lontano l'eco di voci e schiocchi di risa bambine, da là i suon festosi si levano e via rapidi s'inoltrano, laggiù... nella notte, rasenti i rami, lambir le foglie già crespe e librar fra le tremule luci appese ai magri fili, varcare in fuga il breve ponte e oltre... ancor oltre le cime boscose, le valli aperte sinché 'l dubbio m'arrende, ma non dispero un dì, la ritornanza mia scordar.

 

Jana

Il rosa, il turchese,
il verde più tenero,
del fior non ancor nato,
io questo vedo
fra gli occhi tuoi
abbellir la mente,
e d'ambizioni fremo,
lambir col tocco l'immagine tua
ma,
l'eclissi temo,
come il dito
l'icona nell'acque incrina,
freno l'impeto mio
di tenerezze smodato
e come il tramontano,
che l'afa placa
e la pioggia annuncia,
così sbuca l'oscuro sentimento
che per mano
sempre s'accompagna
all'ingenua felicità d'averti,
all'estro mio illuso,
in giovamento eterno.

 

Azione e misura

Computo i tempi del lento discendere, momento dopo momento, fin giù
all'arida zana, dove secco è il terreno fenduto e non viene mai nessuno
ché nulla può attirare di simile luogo, remoto e avverso, le genti
grintose, io solo impronto questa terra d'orme friabili.
Qui vengo a trovar sanità e risalire in un gioco perverso, calando di
grevi pensieri nel sodo terreno, giù fino alla cuna da cui rampolla
caldo il pianto a inondare su la secolare polvere compatta perché
spunti giovane speranza, fiacco ma vivo conforto e così rimonto
paziente l'erta con vetusta pena ma, appunto, stimando il passo e la
sosta in questo declinare e risalire, di smascherare, spero, la
litigiosa schiatta che pur senza sapere cagiona, la tumultuosa farsa.
L'inizio e la fine di questo inutile giro, io credo si trovi in quel
saggio detto, che vuole sovrano chi come strumento la misura usa in
combattimento.

 

Anelo di quiete

Velette di nebbia come anime in viaggio fluiscono spedite torno torno al picco, concretando l'arie
[fra gli alberi scuri di pioggia.
A cercar quiete dalle fonde se ne vanno mentre io, infimo, scruto invidiando.

 

VISITE: 2988

© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.