Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    [18/07/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Scribo scadenza 2019-07-18    Profumi di Poesia scadenza 2019-07-21    Premio Svicolando scadenza 2019-07-29    UN MONTE DI POESIA scadenza 2019-07-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Shamans of digital era II edizione - festival dedicato alle commistioni tra musica elettronica di ricerca e arti audiovisive contemporanee in chiave performativa (EVENTO 2019-07-20)    Festival dello Scrittore - l format, o meglio l’idea base, rimane la stessa: mettere a confronto Autori che abbiano pubblicato un libro con il pubblico (EVENTO 2019-07-21)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.    Racconti     Ritorno al Moccagatta di Teodoro Lorenzo     La vita degli altri di Diana Facile     Speranza di Antonio Carnuccio     Passi di Marika Salonna     Un'anima di Lorena Curiman    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
23 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
2 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Onde di buio
di Andrea Franco
Pubblicato su PBSE2007


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5000
Media 80.13 %



È una cosa che so fare fin da bambino.
All’inizio accadeva quando ero a letto, la notte, con la stanza immersa nel buio più profondo. Oppure, se il buio non era completo, tiravo su le coperte e nascondevo la testa. E il buio era di nuovo tutto intorno, avvolgente.
Allora mi libravo nell’oscurità e cominciavo a fluttuare, scivolando su onde di buio invisibili e morbide. Con gli occhi chiusi e la mente assuefatta da una inspiegabile quiete e serenità. Con la mente vedevo la mia camera e il mio corpo dentro il letto. Ma la mia essenza era sospesa a mezz’aria, quasi incapace di allontanarsi troppo, come se fosse ancora legata a un filo invisibile.
I pensieri erano lievi e un senso di leggerezza pervadeva il mio corpo, anche se non saprei dire quale corpo, se quello di carne immobile nel letto, o quello di pura essenza che fluttuava a pochi centimetri. Una sensazione che ancora oggi non riesco a descrivere. E non riesco a comprendere.
Ma allora durava tutto molto poco. Una frazione di secondo e quella sensazione di allontanarsi dal corpo svaniva di colpo. Non ero allenato a fare quello che facevo e la mia mente non riusciva a rimanere concentrata abbastanza a lungo. Almeno questa è la spiegazione che mi sono sempre dato. Smettevo di fluttuare ed ero di nuovo nel letto della mia camera, al buio. E riprovavo di nuovo. Fino a che a vincere non era il sonno. Alla mattina non pensavo a quello strano gioco della mente. Fino alla notte successiva.
Molte volte mi sono sorpreso ad attendere la sera e il buio proprio per poter fluttuare ancora oltre il corpo. Quelle poche volte che ci riflettevo di giorno non riuscivo neanche a simulare nella mia mente quella strana sensazione che provavo, quelle onde di buio che sapevano cullarmi in modo così particolare e infondermi quella strana calma. Provavo a chiudere gli occhi e a immaginare il buio, più nero che potevo, ma ero ancora troppo inesperto. I rumori e la consapevolezza della luce tutt’intorno rendevano la cosa davvero impossibile. Molto spesso mi sono detto che erano solo fantasticherie adolescenziali accompagnate dalla magia della notte, dell’oscurità. Effettivamente il buio ha un proprio fascino. Forse lo subivo troppo.
Ma la notte continuavo a spingermi fuori dal corpo, quasi fosse un istinto irrinunciabile. E devo dire che diventavo sempre più bravo. Progressi piccoli, ma costanti. E non avevo fretta, dopotutto. Avevo ogni notte della mia vita.
La prima volta che riuscii a varcare la soglia della mia camera avevo sedici anni. All’inizio non riuscivo a muovermi molto. La mia essenza, che nella mente immaginavo sempre come un corpo disteso orizzontalmente, si muoveva ondeggiando lungo tutta la mia stanza e alla fine tornava un tutt’uno col corpo. A volte riuscivo a tornare da me, con la forza del pensiero e con la giusta concentrazione, altre volte la mia essenza veniva richiamata bruscamente e dovevo ricominciare tutti da capo.
Superare le barriere più vicine era ancora troppo difficile. Fino a che non mi spinsi oltre la porta. Di solito la lasciavo chiusa, ma per le mie poche capacità superare una barriera fisica era impossibile. Così una notte decisi di lasciarla aperta e fluttuai di fuori, lungo il corridoio e giù al piano di sotto. Il mio corpo mi richiamò a sé poco prima di entrare nella sala da pranzo, alla fine della rampa di scale.
I progressi cominciarono a essere sempre maggiori e tutto divenne più facile. A vent’anni non solo ero in grado di fluttuare per tutta la casa e il giardino circostante, ma potevo anche passare attraverso muri e porte. Ero solo essenza e potevo quello che il mio corpo mai avrebbe potuto.
Ma c’era una cosa che ancora non capivo. Il mondo che visitavo non era esattamente quello che ospitava il mio corpo reale. Vagavo tutta la notte ormai, ma non incontravo nessuno, non c’erano rumori, tutto era immobile. Una notte mi avvicinai al corpo del mio cane, nel mio giardino. Era immobile, ma pensavo dormisse, come ogni altra volta.
Mi sbagliavo. Mi resi conto che vagavo al di fuori del tempo, in un mondo immobile. Il tempo scorreva e l’alba tornava ad affacciarsi, ma per la mia essenza tutto era immobile. Non c’era vita nel mio mondo di buio. Solo le onde che mi cullavano davano un senso di dinamismo a quell’esistenza. La luce del giorno mi riconduceva al mio corpo e tutto riprendeva normalmente. Ma cominciavo a non essere soddisfatto di quel mio inconcludente peregrinare. Essere cullato dall’oscurità non mi bastava. Io volevo viverla appieno.
Cominciai a lasciarmi andare sempre più lontano, alla ricerca di una spiegazione che io stesso pensavo non esistesse. Ero nel buio, nel nulla, quindi era più che logico che nel nulla non ci fosse niente, neanche il tempo. Eppure io c’ero e potevo muovermi quel in mondo-non-mondo.
Poi accadde una cosa ancora più strana. Il mio regno della notte cominciò a svanire, nel senso che il buio cominciò a occupare ogni spazio e ogni giorno mi ritrovavo a fluttuare in un mondo sempre più scuro e impenetrabile. Ma in tutto quel non esistere mi trovavo a mio agio e dopo un po’ anche la ricerca del tempo perse la sua importanza. Tutto stava diventando nulla. Lungo la mia essenza ancora percepivo morbide onde di buio che sapevano cullarmi e farmi scivolare in indefiniti punti di inesistenza.
La vita normale stava perdendo ogni attrattiva e vivevo in modo apatico nell’attesa della notte. Ormai padroneggiavo l’oscurità con estrema abilità e anche ad occhi chiusi, sotto il sole, potevo scivolare nel buio. Ma la notte tutto era più bello e il nulla più intimo.
Qualche giorno dopo il mio venticinquesimo compleanno sperimentai per la prima volta il buio totale. C’era solo la mia essenza, invisibile ombra nel nero della notte, e il buio. Un tutt’uno indistinguibile. E quella strana sensazione di ondeggiare dolcemente, un pulsare lento e continuo. Mi abbandonai a quella sensazione superba. Per la prima volta capii che il nulla era veramente qualcosa. Esisteva e poteva dare piacere. Io vi ero completamente immerso, fuori dal tempo, fuori dallo spazio, fuori da me stesso.
Forse fu proprio questo a rapirmi e a farmi perdere la cognizione di ogni cosa. Tutto era serenità, tutto era quiete e anche i miei pensieri cominciarono a indebolirsi, a divenire parte di un nulla più grande di me.
Ora sono ancora immerso in quell’oscurità totale. Non so quale sia la strada del ritorno, se poi esista davvero un modo per tornare indietro. Non mi interessa poi molto. Il buio è parte di me come io lo sono di lui. Ogni tanto mi viene da pensare a quello che avevo prima, ma tutto dura pochi istanti. Anche pensare ora è difficile, stancante. Non so quanto tempo sia passato, perché qui il tempo non esiste. Qui non esiste nulla. A volte dubito di esistere anche io. Non ricordo nemmeno in quale momento della vita reale sono entrato nel buio. Forse in questo momento sono a letto, ed è notte. Oppure potrei essere nella metropolitana, a occhi chiusi, la testa poggiata all’indietro. Probabilmente non è molto importante.
Forse un giorno tornerò indietro, fuori dal buio, nel mio corpo. Ma è inutile pensarci. Qui credo non esista nemmeno il rimpianto. Se mai ce ne fosse bisogno.
Dopotutto, adesso sono nel buio.
E sono felice.

© Andrea Franco



Recensioni ed articoli relativi a Andrea Franco

(1) Tre semplici sconosciuti di Andrea Franco- Il Parere di PB
(2) L'orrore dietro l'angolo di A.A.V.V.- Il Parere di PB
(3) N.O.I.R. - Quindici passi nel buio di A.A.V.V. a cura di Andrea Franco - RECENSIONE

Testi di Andrea Franco pubblicati su Progetto Babele

(1) Vita Segreta di uno Scrittore di Gialli di Enrico Luceri - RECENSIONE
(2) Onde di buio di Andrea Franco - RACCONTO
(3) Il sangue malvagio di Praga di Andrea Franco - RACCONTO
(4) Morte di un combinato di Andrea Franco - RACCONTO
(5) Turandot: croce e delizia dell'opera italiana di Andrea Franco - ARTICOLO
(6) Dream di Andrea Franco - RACCONTO
(7) Occhi di Andrea Franco - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2005-06-09
VISITE: 12609


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.