Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Collabora con PB Cos'è PB?
TeleScrivente:    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    La biblioteca più alta del mondo (forse) (01/05/2018)    Lo stagno dei caimani - ritrovato il racconto perduto di Salgari (12/04/2018)    Il 12 Ottobre 2017 chiude i battenti la storica NETEDITOR (06/10/2017)    [19/08/2018] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Wilde Concorso Letterario Europeo scadenza 2018-08-20    Premio Rocca Flea scadenza 2018-08-27    GEORGE ORWELL scadenza 2018-08-31    “500 Parole” - V edizione scadenza 2018-08-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    RECENSIONI     Ce sto io … poi ce sta De Niro - Mario Brega Biografia di Ezio Cardarelli     Breve inventario di un’assenza di Michele Paoletti     Coraline di Neil Gaiman Adattato e ilustrato da P. Craig Russell     A Sud dell’Alameda - Diario di un’occupazione di Lola Larra e Vicente Reinamontes     Ho sognato di vivere - Variazioni sul tema del tempo in Roberto Vecchioni di Mario Bonanno    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
Facebook
La Rivista
PB numero 19
Scarica gratuitamente PB
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
11 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

I don't wanna be your dog
di Simona Scionti
Pubblicato su SITO



VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5817
Media 79.37 %



1. Quando ero ancora una piccola sognatrice.

Da bambina, il mio desiderio più grande era quello di possedere un cane. Un cucciolo dagli occhietti languidi e indifesi. Un cucciolo paffutello, da stringere forte tra le mie braccia. Ne desideravo uno che avesse più o meno il colore del miele, che avesse il profumo di un biscotto appena sfornato; uno intelligente, sveglio, premuroso, che mi averebbe svegliata la mattina leccandomi le guance, ancora calde dal tepore del sonno e del cuscino, con la sua lingua fresca e morbida. Gocce di rugiada sul mio viso.
Io sentivo di esser pronta a prendermi cura di lui. Lo avrei viziato in mille modi diversi: avrei riempito casa di carta igienica, rotoli soffici e morbidi come fiocchi di neve per il mio cagnetto - perchè se in casa non hai sufficiente carta igienica per il sollazzo del tuo quadrupede, vuol dire che sei un cattivo padrone- inoltre, lo avrei nutrito con i bocconi più prelibati, quelli più succulenti, per far si che crescesse sano e robusto, con il pelo lucido e il canino pure. Lo avrei spazzolato con le setole più morbide, lavato con la schiuma più profumata, abbeverato delle acque più pure e limpide. I miei giocattoli sarebbero stati anche i suoi, compresa la mia adorata Barbie, anche perchè quella bambola era ormai vecchiotta, aveva superato i sette anni di età e Ken non aveva voluto saperne di sposarla, perchè -le disse- preferiva prima pensare alla carriera.
Se solo avessi avuto quel cucciolo lo avrei coccolato fino allo sfinimento- sia suo che mio- e lo avrei portato, giorno dopo giorno, a fare lunghe passeggiate sulla spiaggia di fronte casa, dove avremmo potuto giocare a nascondino tra quelle piccole, adorabili, villette costruite in riva al mare.
Ma questi rimasero solo dei sogni. Il cucciolo non lo ebbi.
Quando supplicai mio padre affinchè me ne comprasse uno, lui mi rispose che quell'estate non saremmo partiti per le vacanze e che il cane d'estate non poteva restare a casa.
"Perchè" -disse- "gli animali d'estate puzzano e l'autostrada, se non sei di passaggio è troppo lontana".
Io non capìì il nesso tra un cane, un'autostrada e le vacanze a Rimini.
Ma mi rassegnai, dedicandomi interamente alla mia Barbie, che nel frattempo, dimenticato Ken, dopo aver fatto sparire quel suo solito ombretto blu-puffo dalle palpebre -per mezzo di un efficacissimo latte detergente senza l'aggiunta di agenti chimici, alle erbe e non testato sugli animali- era diventata capo del movimento femminista. Naturalmente fui costretta a farmi regalare un'altra Barbie perchè la femminista in questione, tra una lotta per i diritti delle donne che fanno il bucato a mano e un sit-in di protesta contro l'avvento delle extension, era diventata lesbica.
Le due bambole, però, fuggirono insieme. Mi lasciarono un biglietto di addio.
"Grazie per averci unite. Scappiamo in India. Siamo stanche dell'Occidente" - questo era il contenuto, brevissimo, del biglietto di addio.
Mi avevano lasciata sola.
Pensai :"Occidenti!". Poi notai che avevo pensato in maniera errata. Telefonai a Mike Bongiorno, comprai una vocale e corressi il mio pensiero in "Accidenti!".
Ero rimasta sola. Senza le mie Barbie. Senza amici. Senza neppure il sogno di avere un cane. Senza carta igienica.
Fu così che mio padre un bel giorno decise di regalarmi un orsetto di peluche.

2. Quando ho perso la verginità.

Quello fu il mio primo orsetto. In verità fu anche l'ultimo. Esso sostituì degnamente, nel mio cuore, le due Barbie e il cane che non ebbi mai.
Lo portavo sempre con me, ovunque, come fosse la mia ombra. Iniziai, pian piano, a volergli bene, sempre di più.
Non so perchè, lo avevo chiamato Pussy; forse a causa della mia ancor tenera, però, nessuno mi spiegò che Pussy non significava gatto. Io ero convinta che il termine "pussy" significasse gatto, in realtà andavo in giro con un orsetto chiamato figa. Ma lo scoprìì molto più tardi.
Infatti, molto tempo dopo, un bel giorno di primavera, accadde che un ragazzino col quale flirtavo (mi si perdoni il termine), in maniera alquanto allegra mi disse: "Hey, baby, voglio la tua pussy!"
Allora io -anima pura e innocente- volli sacrificare la mia Pussy amata e compiere il gesto estremo che porta una ragazzina a diventare adulta, donna: separarmi definitivamente dall'orsetto.
Decisi di immolarmi, per lui, per dimostrargli tutto il mio amore.
Mi recai a casa del suddetto, con un pacco con tanto di fiocco blu tra le mani.
"Che tenero! Vuole stringere tra le braccia quello che è stato il mio amico d'infanzia, solo perchè l'ho stretto io, tra le braccia!" - pensavo rapita della nobiltà delle sue parole e del mio stesso gesto.
Ma, al tempo stesso, ero triste al pensiero di separarmi dalla mia amata Pussy; insomma, quell'ammasso di acari dormiva con me da ormai tanto tempo.
Appena arrivai a casa del ragazzo, notai con stupore che lui mi aspettava al balcone.
Gli sorrisi da lontano.
Quando mi vide arrivare si precipitò ad aprirmi, mi fece entrare. Era ansimante. Affannato.
Io poggiai il mio montgomery blu coi bottoni di legno sul divano -al periodo non avevo molto gusto in fatto di moda- e lo salutai con un bacio schioccante sulla guancia.
Lui mi guardo, mi affarrò le spalle con le mani e mi portò in camera da letto dei genitori.
"Non c'è nessuno" - mi disse tutto eccitato.
Io pensavo che un orsetto si può regalare anche sotto lo sguardo- magari anche un pò distratto- dei genitori. Magari anche in cucina.
Certo, però regalarlo in camera da letto era di gran lunga più romantico.
Fu così che regalai a un quattordicenne la mia Pussy.
A lui quel dono non piacque granchè. Disse che era la prima la volta che gli capitava una cosa simile.
Io pensavo, invece, che gli fosse già capitato con altre ragazze, magari ragazze più sveglie e intraprendenti, di quelle che non indosserebbero mai un montgomery e per di più con i bottoni di legno.
Ad ogni modo, non piacque neanche a me lasciare a lui la mia Pussy.
E realizzai, con le lacrime agli occhi, che la prima volta che ti separi dal tuo orsetto è sempre molto, molto, molto doloroso.
Straziante.

© Simona Scionti



Recensioni ed articoli relativi a Simona Scionti

Nessun record trovato

Testi di Simona Scionti pubblicati su Progetto Babele

(1) No more heroes di Simona Scionti - RACCONTO
(2) I don't wanna be your dog di Simona Scionti - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB


-

dal 2006-01-11
VISITE: 14339


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.