Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Collabora con PB Cos'è PB?
TeleScrivente:    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    La biblioteca più alta del mondo (forse) (01/05/2018)    Lo stagno dei caimani - ritrovato il racconto perduto di Salgari (12/04/2018)    Il 12 Ottobre 2017 chiude i battenti la storica NETEDITOR (06/10/2017)    [19/08/2018] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Wilde Concorso Letterario Europeo scadenza 2018-08-20    Premio Rocca Flea scadenza 2018-08-27    GEORGE ORWELL scadenza 2018-08-31    “500 Parole” - V edizione scadenza 2018-08-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    RECENSIONI     Ce sto io … poi ce sta De Niro - Mario Brega Biografia di Ezio Cardarelli     Breve inventario di un’assenza di Michele Paoletti     Coraline di Neil Gaiman Adattato e ilustrato da P. Craig Russell     A Sud dell’Alameda - Diario di un’occupazione di Lola Larra e Vicente Reinamontes     Ho sognato di vivere - Variazioni sul tema del tempo in Roberto Vecchioni di Mario Bonanno    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
Facebook
La Rivista
PB numero 19
Scarica gratuitamente PB
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
11 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

L'ultima cartuccia dell'Uomo-Proiettile
di Flavio Carbone
Pubblicato su PBSA2008



VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 4453
Media 78.92 %



Kasper amava raccontare ed Emma stava lì ad ascoltarlo.
Divertita, a volte irritata quando qualcosa le sembrava troppo esagerato.
Kasper era un ometto buffo, rosso di capelli, pieno di riccioli, con una vocina squillante e uno sguardo furtivo, ma intenso.
Suo padre era russo, un uomo imponente, alto oltre un metro e novanta, mentre sua madre era una piccola moretta di Trastevere.
Kasperuccio o Kasperetto lo chiamava, dopo un po’ per comodità, Gasparetto.
Suo padre era stato protagonista di mille avventure, tutte tutte assolutamente vere.
A casa non c’era mai, in carne ed ossa.
C’era solo nei racconti mirabolanti e interminabili di sua madre.
Quella volta che aveva fronteggiato un leone quando aveva accompagnato in Malesia un diplomatico russo.
Oppure oppure quell’altra dove si era sparato fuori da un biplano in fiamme.
Compiuti diciottanni aveva scoperto che suo padre era un ubriacone sempre attaccato alla bottiglia di vodka, che se ne era scappato con una ragazza russa di venti anni appena arrivata in Italia, quando lui ne aveva cinque.
Kasper raccontava raccontava e man mano sentiva quelle storie sue, sentiva di aver fatto il giro del pianeta in mongolfiera, di aver visto il pappagallo più grande del mondo, di aver parlato a lungo col Dalai Lama.
Quando si trattava di affrontare discorsi che aveva a cuore, mai veniva creduto.
Sentiva bruciare qualcosa in fondo allo stomaco, gli si arrossavano gli occhi, la voce squillante diveniva squittìo.
Emma era molto più alta di lui, bionda, pelle bianchissima dipinta da qualche lieve lentiggine, odorava di sandalo e fiori secchi, vestiva sempre gonne larghe dai colori dell’autunno.
Erano in uno splendido ristorante, avevano mangiato divinamente, ogni singolo gesto di Kasper era stato magia galante, pura essenza di romanticismo.
Monteverde vecchio li osservava sornione steso tra le villette a due piani.
“Madame io stavo facendo della toeletta prima di uscire e nel frattempo aspettavo speranzoso un vostro cenno che ahimè non venne”.
Lei amava questo suo modo ironico e lievemente demodè di parlare.
“Con la parte destra del mio corpo stavo rimettendomi in sesto e con la sinistra stavo controllando la cornetta del telefono”.
“Sciocco…suvvia, non fate lo sciocco…”.
“Vi trovo in una forma dialettica di primissimo piano, Emma”.
“S'avvicina il solstizio, sarà per quello..pensare che stanotte ho dormito 3 ore…”.
“Oggi sarò oltremodo galante, le pagliacciate del venerdì scorso sono un lontano e flebile ricordo”.
“Uff…quindi sarete un noioso bellimbusto”.
“Diciamo una versione compassata di Paolo Frajese”.
“Oddio il nome m'è familiare ma dovrei aiutarmi…comunque se non sbaglio è un giornalista della rai”.
“Era un giornalista Rai, più di là che di qua infatti ora è di là, ma era di là anche quando era di qua”.
“Madame, voi volete un giuocattolo, un trastullo, un balocco”.
Kasper fece l’offeso.
Silenzio.
Ecco, ora…adesso.
Passa al discorso serio, non ridere o peggio sorridere.
“Emma io io, ti amo”.
Rise lei.
Kasper si sentì bruciare, avvampare allo stomaco, gli aveva riso in faccia.
Si ritrasse.
“Ho detto al criceto nella mia testa, la prima volta che ti ho visto: e questo da dove spunta fuori?”.
Decise di indietreggiare dopo l’affondo.
Si rifugiò dietro la sua ironia.
“Voi non date abbastanza formaggio al criceto nella vostra testa…voi state covando qualcosa…”.
“Si ho partorito un'ovaia….sto covando quella…”.
“Mi raccomando date subito un nome al pulcino!”.
Una prova, dagli una prova.
“Emma io ti amo e te ne darò prova”.
Sorrise ironica: “Vediamo vediamo….se è una delle tue solite burle non ti far più sentire ne vedere”.
Si sentì colto nell’orgoglio…Solite..so-so-so-lite. Emma stai dicendo che racconto frottole stupidaggini, quisquilie.
Pagò velocemente il conto e la prese per mano senza dire nulla, i loro passi andavano svelti sui marciapiedi che conducevano al Gianicolo.
“Anni fa lavorai nel circo, uno dei più spettacolari e rinomati…..”.
“Seee..seee Kasper, ricordati che ti ho detto….”.
Guardò Emma, per un attimo non comprese come potesse essere così crudele.
C’è forse una cosa più umiliante del non essere creduti?
Lasciò la sua mano e quando si trovò a pochi passi le disse “Ero…ero un uomo proiettile…il il più grande! La gente veniva da fuori città per vedere il mio numero!”.
Emma guardò quell’ometto buffo, il gioco era durato troppo.
Guardò la città.
Kasper frugò dietro ad un cespuglio, tra gli sguardi attoniti dei busti garibaldini.
Emma era sempre più curiosa e in fermento e irritata; quella sarebbe stata l’ultima balla di Kasper.
Illuminato dalla luce fioca di un vecchio lampione, Kasper estrasse la sua tutina arancione aderente con una grossa K dorata cerchiata d’azzurro al centro del petto.
Calzava a meraviglia e ogni volta si sentiva il re, gli piaceva sentirsi il numero uno in qualcosa.
Emma lo avrebbe visto finalmente essere il numero uno.
Prese dalla borsa il bazooka giallo pastello, se lo mise in spalla e lo puntò in direzione di Emma.
Pooooffff!
Una rosa, alcune violette e petali di margherite; Emma afferrò la rosa e stette immobile sotto la nevicata floreale.
Dove lo aveva trovato quel buffo, fiero, tenero individuo?
Si pentì di quel duro ultimatum e sussurrò “No, non serve Kasper….”.
Ma Kasper era infilato già per metà nel cannone, con dei tappi di gomma ben inseriti nelle orecchie.
Accese la miccia e….
Niente.
Attese qualche istante.
Si sentì il mondo crollare addosso.
Non aveva il coraggio di voltarsi verso Emma e incontrare il suo sguardo: Compassione? Ira? Derisione?
Emma aveva gli occhi lucidi.
Era stata la più bella dichiarazione d’amore che avesse mai avuto.
Che cosa importava se Kasper era un minuscolo comico fanfarone?
Ma…ma…

Eeeee…..Buuuum! Kasper l’uomo proiettile volò altissimo oltre l’orizzonte, stese al massimo le braccia colpendo nel centro il panorama di una Roma di notte illuminata, stupìta, commossa.

© Flavio Carbone



Recensioni ed articoli relativi a Flavio Carbone

Nessun record trovato

Testi di Flavio Carbone pubblicati su Progetto Babele

(1) 1981 di Flavio Carbone - RACCONTO
(2) La stanza di Flavio Carbone - RACCONTO
(3) Varenne di Flavio Carbone - RACCONTO
(4) Pisa Centrale di Flavio Carbone - RACCONTO
(5) La Guillotine di Flavio Carbone - RACCONTO
(6) L'ultima cartuccia dell'Uomo-Proiettile di Flavio Carbone - RACCONTO
(7) Azione e reazione di Flavio Carbone - RACCONTO
(8) Formaggio di capra di Flavio Carbone - RACCONTO
(9) Visite di Flavio Carbone - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB


-

dal 2006-08-05
VISITE: 10290


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.