Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [14/11/2019] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Raccontami, o Musa... scadenza 2019-11-15    Nika Georgievna Turbina 1974 - 2002 scadenza 2019-11-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Il ponte di ghiaccio
di Salvo Zappulla
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 6858
Media 79.98 %



“Diavoletto, smettila di girarmi intorno, mi rendi nervoso”.
“Eh! eh! eh! Lo so perché sei nervoso. Continui a guardare lassù, verso il ponte. Eh! eh! eh!”.
“Lasciami in pace“.
“Rassegnati, il ponte per te resterà una chimera”.
“Fammi provare”.
“Sarebbe inutile, hai commesso troppi peccati”.
“Non è vero!”.
“Sì, invece”.
“Mi avete condannato ingiustamente. Lo ammetto, ho sbagliato qualche volta, ma niente di così grave da meritarmi il fuoco eterno”.
“Eh, dite tutti così”.
“Voglio provare ad attraversare il ponte!”.
“Ti ho già spiegato che sarebbe un tentativo inutile. Concediamo la prova solo a pochissimi, quando sussistono dubbi sulla loro condanna. Nel tuo caso invece…”.
“Non è vero! Sono certo che riuscirei a farcela”.
“Sei proprio deciso? Non pensi ad altro, vero?”.
“Voglio andarmene da questo maledetto posto. Sono stato un buon cristiano, non merito la dannazione dell’inferno”.
“Un buon cristiano?” Il diavoletto scuoteva la testa e si prendeva gioco di me, poi inaspettatamente disse: “E va bene, ti concedo la prova. Preparati”.
Sgranai gli occhi, incredulo. “Davvero? Non mi prendi in giro?”.
“Sbrigati, prima che cambi idea”.
Mi sollevai da terra e guardai ancora in direzione del ponte: rappresentava la libertà. Riuscire ad attraversarlo significava sfuggire alla condanna del fuoco eterno. Si stagliava ad arco sopra le lingue di fuoco che tentavano di farlo sciogliere, ma esso resisteva e rimaneva a brillare, bianco, lucido, per acuire la sofferenza di noi dannati che trascorrevamo il nostro tempo ad ammirarlo, emblema di ciò che avevamo perduto.
“Allora, ti sei addormentato?” mi spronò il diavoletto. “Cosa c’è, ci hai ripensato?”. Se hai paura, sei ancora in tempo a tirarti indietro”.
“Scherzi?”.
“Bene. Prenditi la cesta”.
“Quale mi dai”.
“Quella di vimini, la più leggera. Vedi che in fondo non sono poi così cattivo. Eh! eh! eh!“.
“Grazie“.
Era odioso con quel suo perenne ghigno beffardo, ma rimasi zitto sperando di rabbonirlo. Mi caricai la cesta sulle spalle e mi avviai: era leggerissima. Questo servì a darmi coraggio. Sospirai, il cuore mi batteva forte per l’emozione. Era la mia unica occasione. Il diavoletto mi svolazzava sopra la testa come un calabrone fastidioso, stranamente mi infondeva coraggio. Non riuscivo a comprendere se era sincero o si divertiva a prendermi in giro. “Dai, sei in gamba! Non ti facevo così caparbio. L’importante è riuscire a superare la prima parte, quella in salita”.
I miei piedi scivolavano a contatto con il ghiaccio, annaspavo cercando invano una presa a cui afferrarmi. Gocce di sudore mi colavano dalla fronte, la paura mi attanagliava le gambe ma, nonostante ciò, faticosamente proseguivo. Il diavoletto cominciò ad incalzarmi: “Ti ricordi? Ti ricordi quella volta che rubasti nella bottega del rigattiere?”.
“Ero bambino allora, non sapevo quello che facevo”.
“Erano tutti i suoi risparmi. Il vecchio morì d’infarto per la tua azione”.
Piegai il capo per la vergogna.
“Toh, prenditi il primo mattone”. E dall’alto lanciò il mattone dentro la cesta, facendomi rabbrividire. Cercai di affrettarmi ma i miei piedi scivolavano e dovevo stare attento a non perdere l’equilibrio.
“Ti ricordi a quella festa di compleanno?”.
“Quale festa?”.
“La ragazza che aveva bevuto un po’ troppo. Era in crisi, aveva litigato con il suo fidanzato”.
“Ah sì, mi pare. Mi offrii solo di accompagnarla a casa…”.
“Ci hai provato in macchina. Era la donna del tuo migliore amico”.
Ammutolii.
“Sei un gran vigliacco”.
Chiusi gli occhi aspettando il tonfo del secondo mattone.
Da sotto, le fiamme scioglievano il ghiaccio ed io lo sentivo scricchiolare al mio incedere. Il peso dei mattoni rendeva più difficoltosa la mia prova. Temetti di non farcela.
“E gli anni del carcere, li hai dimenticati? Quella povera donna, tua madre, che saltava i pasti per portarti le sigarette. Quante umiliazioni ha dovuto subire per colpa tua, lei così onesta, a venire in quel posto”.
Le lacrime mi rigavano il volto per la vergogna, il dolore, la fatica immane. Il terzo mattone arrivò con un fragore assordante, facendomi traballare.
“E la volta che testimoniasti il falso? E quell’altra…e quell’altra…e quell’altra ancora?”. La voce aspra del diavoletto mi assordava mentre i mattoni, uno dopo l’altro, riempivano la mia cesta. Caddi in ginocchio, non riuscendo a sopportare lo sforzo. La lastra di ghiaccio cedette e sprofondai sotto il peso dei miei peccati.

© Salvo Zappulla



Recensioni ed articoli relativi a Salvo Zappulla

(1) Il Mostro di Salvo Zappulla - RECENSIONE
(2) L'Ombra di Salvo Zappulla - RECENSIONE

Testi di Salvo Zappulla pubblicati su Progetto Babele

(1) Non Nobis Domine - I custodi della verità di Cinzia Baldini e Simone Draghetti - RECENSIONE
(2) Storie brillanti di eroi scadenti di Francesco Di Domenico - RECENSIONE
(3) Darò il mio sesso a Dio di Maria Geraci - RECENSIONE
(4) Il diadema di pietra di Roberto Mistretta - RECENSIONE
(5) Fuori gioco di Salvatore Scalia - RECENSIONE
(6) Celeste Aida di Marinella Fiume - RECENSIONE
(7) Tu non dici parole di Simona Lo Iacono - RECENSIONE
(8) Nel cuore che ti cerca di Paolo Di Stefano - RECENSIONE
(9) Sdraiami di Berarda Del Vecchio - RECENSIONE
(10) La ragazza definitiva di Gisy Scerman - RECENSIONE
(11) Nel Dolore di Barbara Becheroni - RECENSIONE
(12) Il ponte di ghiaccio di Salvo Zappulla - RACCONTO
(13) La punizione di Salvatore Scalia - RECENSIONE



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2006-08-08
VISITE: 15666


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.