Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    [17/07/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Scribo scadenza 2019-07-18    Profumi di Poesia scadenza 2019-07-21    Premio Svicolando scadenza 2019-07-29    UN MONTE DI POESIA scadenza 2019-07-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Shamans of digital era II edizione - festival dedicato alle commistioni tra musica elettronica di ricerca e arti audiovisive contemporanee in chiave performativa (EVENTO 2019-07-20)    Festival dello Scrittore - l format, o meglio l’idea base, rimane la stessa: mettere a confronto Autori che abbiano pubblicato un libro con il pubblico (EVENTO 2019-07-21)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.    Racconti     Un sorso di vita di Giulia Calfapietro     L’uomo che non sapeva amare di Marcello Caccialanza     La porta di Cesarina Bo     Lettera dall’ALTO di Maria Mangiarotti     Peppi mmerda ’i secco di Giuseppe Antonio Martino    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
23 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
2 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Le pillole tantriche
di Gianluigi Lancellotti
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5806
Media 79.23 %




Le pillole tantriche.


«Papà, papà,» grida mio figlio di otto anni sbucando all’improvviso dalla cucina, «mamma è rincretinita, mamma è rincretinita, mamma è rincretinita ah, ah, ah!!!» continua ridendo a squarciagola. Oddio che fosse esaurita lo sapevo, ma rincretinita…, che le abbia preso il coccolone? Per un attimo la vedo sbarellata in una clinica psichiatrica, trattenuta da una camicia di forza, e mi scappa un sospiro di sollievo. Marco continua a saltellare, ora su un piede, ora sull’altro, pure il figlio ipercinetico mi mancava «fermati un attimo perdinci.» gli dico, ma quello niente, peggio di prima. Tento di bloccarlo con una serie di fendenti sparati a raffica, ma lui è più veloce di me e li schiva tutti quanti, mi arrendo, lo lascio sospeso in quel suo moto perpetuo.
«Straparla?» Domando
«Sì, sì. Ah, ah, ah, ah! mi ha chiesto chi sono? La mamma è scema, la mamma è scema, la mamma è scemaaa!!! Ah, ah, ah!!!»
«Basta!» Gli intimo mentre d’improvviso faccio scattare una mano in avanti, il morso del cobra si chiama, una mossa di karatè che non perdona, ma tra le dita mi rimangono solo due o tre capelli.
«Come chi sei?» Continuo cercando d’indovinare l’angolo del prossimo rimbalzo.
« Mi ha chiesto se sono il figlio dei vicini, e di tornarmene da loro, che è stufa di vedermi girare qui intorno, ah, ah, ah!!! io vado, ciao papà.»E schizza via a razzo, gli lancio una scarpa nell’ultimo e disperato tentativo di fermarlo ma lui è già fuori, sfreccia sul vialetto scomparendo in una delle tante casette a schiera sorte come funghi qui intorno a noi. Rimango su di un piede con un grido soffocato in gola, è tardi, le notizie qua viaggiano più veloci della luce, ormai lo saprà già tutto il vicinato.
Mi precipito in cucina come una furia, Magda è accucciata davanti al forno, si alza, e prima che cominci a inveire contro di lei, mi trovo davanti una casseruola con dentro un meraviglioso arrosto rosolato al punto giusto, e che emana un profumo …, proprio come piace a me, e poi è l’una e ho fame, e lei s’è messa tutta in ghingheri, la tavola è imbandita come non la vedevo da anni, ma…? «Ti ho preparato l’arrosto che ti piace tanto» mi fa, e mi si struscia pure contro. “Oddio è proprio andata” penso mentre la rabbia sbolle d’improvviso. “Meglio assecondarla.”.
Mangiamo io e lei soli, chissà Angela, l’altra nostra figlia di undici anni, dove è finita, ma il pranzetto ha preso un risvolto del tutto imprevisto. Magda sembra ringiovanita, perfino sexi, di nuovo tutta presa da me, da quello che dico, ride anche alle mie battute, sento come un’eccitazione improvvisa, anche lei è tutta calda e disponibile, da quant’è che non facciamo più l’amore, ho perso il conto. Saliamo di sopra, in camera.


Ridiscendo un po’ stordito. E’ stato stupendo, come i primi tempi, anzi meglio, l’abbiamo fatto a ripetizione recuperando mesi e mesi di astinenza. Adesso si è appisolata, meglio che dorma, non può farle che bene.
In un angolo della cucina sento un singhiozzo soffocato, vedo Angela adagiata su di una sedia, la schiena da lottatore che sobbalza, mi è cresciuta un po’ robustina la bimba, ma con lo sviluppo si snellirà, almeno spero.
«La mamma non mi vuole più.» Mugugna «Mi ha detto di tornarmene dai Rapallo, sono stata con loro fino ad ora, ma poi quando gli ho raccontato della mamma mi hanno buttato fuori.»
Heeee nò, quello che è troppo è troppo, già che la bimba mi sta crescendo complessata, questi traumi poi…, Magda e quel suo nuovo psichiatra alternativo, deve essere tutta colpa sua, certo, è sicuramente colpa sua.
Prendo la borsetta di mia moglie e la svuoto sul tavolo, per fortuna niente preservativi, tiro un sospiro di sollievo, solo una gran quantità di cianfrusaglie, da cui però spunta un biglietto da visita con su scritto a lettere dorate, dott. prof. Werner Worlitz psichiatra comportamentale, e a penna il suo cellulare.
Compongo il numero.
«Pronto.»Risponde quasi subito.
«E’ lei lo psichiatra di mia moglie?»
«Se mi fa la cortesia di dirmi chi è sua moglie magari le posso rispondere.»
«Ah sì, Magda Giuffredi.»
«Magda certo è in terapia da me. La signora era messa maluccio, le ho riservato un trattamento d’emergenza.»
«D’emergenza un bel niente, non mi riconosce più i figli!»
«In che senso non riconosce più i figli?»
«Crede che siano quelli dei vicini. Guardi questa volta non la passa liscia, le faccio causa, la rovino, chiederò un risarcimento da capogiro, lei ha chiuso, finito, può dire addio alla sua brillante carriera…»Urlo.
«Bene, bene,» fa lui imperturbabile «saranno le pillole.»
«Pillole? Di che pillole sta parlando?»
«Pillole tantriche.»
«Pillole tantriche?» Chiedo sbigottito.
«L’ultimo ritrovato della psichiatria comportamentale. Il meglio della medicina orientale unito al meglio di quella occidentale.» Mi dice.
«E quali effetti dovrebbero avere queste pillole tantriche?» .
«Fanno vivere il presente momento per momento rimettendoci in armonia con la forza cosmica che pervade tutto il nostro universo. Ma se sua moglie reagisce in questo modo me la porti domani che le sospendo la cura. Vedrà, nel giro di un paio di giorni tornerà come prima.»
«Come prima…?Cosa vuol dire come prima?»
«Vuol dire come prima.»
«Cioè proprio uguale a prima?»
«E certo, come vuole che diventi, come non era?» Risponde seccato.
Mi ha preso in contropiede il bastardone. Comincio a tergiversare. « Forse sono stato un po’ precipitoso…, sa mi scusi…, non volevo…, ma sa…la situazione… capisce…, io non ci sono abituato a certe cose…, magari aspettiamo qualche giorno poi ci sentiamo.»
«Come vuole, se riscontra altri effetti collaterali indesiderati mi chiami a qualsiasi ora, siamo d’accordo?»
«Certo, come no.» rispondo mentre lo saluto e riattacco in tutta fretta prima che ci ripensi.

Anche la cena è stata squisita, una serata perfetta se non fosse che ogni tanto Magda guarda i bimbi, si gira verso di me, e chiede:
«Caro, ma chi sono questi due?»
Basta non ne posso più. «Staranno con noi per tutta l’estate,» Le dico buttando lì la prima cosa che mi passa per la testa «sai quei programmi per aiutare i bambini di Chernobyl, tre mesi a respirare aria buona. Poi li rimandiamo di nuovo a casa loro.»
«Ah,ah,ah…» comimincia a sghignazzare Marco «bzzz, bzzz, bzzz…» sibila lanciando in fuori le dita a ripetizione, «bzzzz…, sono un bambino di Chernobyl bzzzz…, sono radioattivo, bzzzz, bzzzz, bzzzz…» e mi salta per tutta la cucina correndo intorno al tavolo come un tarantolato, «bzzzz bzzzz,bzzzz…» urla precipitandosi giù in taverna.
Intanto Angela si è messa a frignare di nuovo. «Io non sono una bambina di Chernobyl,» singhiozza «siete voi che siete dei mostri, tutti e due, ecco, non vi voglio più vedere. Vi odio!” e scappa in camera sua.
Ecco, e ti pareva che alla fine non era tutta colpa mia. Intanto Marco è ricomparso con una coperta legata sulle spalle a mo’ di mantello e la torcia elettrica che cercavo da mesi infilata in bocca accesa. Corre con la testa che sembra un teschio parabolando sui muri, strisciando i mobili, sbrecciando gli spigoli; il mantello al vento urlando «Uhhhhhhhhhhh».
«Bastaaaaa!!!» Urlo anch’io.
Sono furioso, ho un diavolo per capello, adesso lo stendo, giuro lo lascio qua stecchito in mezzo alla cucina, ma come si fa a fermare una cosa ipercinetica. Con un’azione uguale e contraria, mi dice una vocina maligna che viene da lontano. Prendo un panino, lo soppeso per bene nella mano, calcolo la quantità di moto m per v, poi quando Marco mi compare davanti miro alla fronte. Questa volta non posso sbagliare, è troppo vicino, finalmente ci siamo, è la volta buona; lancio, ma all’ultimo momento lui scarta di lato schizzando via come un missile. «Muuuunnncato» Riesco a solo a sentire mentre una scia luminosa sale la rampa delle scale e sparisce nel corridoio. Ma come cazzo fa…?
Magda si è alzata, mi sta passando una mano tra i capelli, poi prende la mia testa e se la stringe al seno, ecco sì sprofondato tra questi due morbidi guanciali sento la rabbia svaporare come neve al sole. La cosa più bella che ti può capitare è una donna che ti capisce al volo, e per la prima volta scopro questa qualità in mia moglie. «Senti perché domani non andiamo tutti quanti in montagna, così ci rilassiamo un po’ « Sussurro con un filo di voce mentre le infilo una mano sotto la gonna.

La giornata è stupenda, soleggiata e luminosa, anche se qua dentro piovono patatine e pop corn da tutte le parti. Faccio l’ultimo tornante con l’auto che beccheggia e rolla paurosamente, sono i bimbi che dietro si stanno prendendo a mazzate, tra insulti ed urla beduine.
Io guardo Magda, lei guarda me, le carezzo una coscia, lei mi sfiora una guancia; e sotto di noi s’apre la pianura; tanto vasta che sul bordo estremo sembra tuffarsi fin dentro l’orizzonte. Intanto sento Marco urlare più forte del solito, controllo nello specchietto retrovisore, Angela gli tiene la testa bloccata con un braccio mentre con l’altro gli sta tirando dei gran cazzottoni in piena fronte.
Mi giro verso Magda «Cara non ti preoccupare tanto tra poco li rimandiamo al loro paesello natio.»
«A Chernobyl?» Chiede lei con aria trasognata.
«Certo cara, a Chernobyl.» Rispondo.
Mi sorride mandandomi un bacio, io le soffio un sospiro che le fa ondeggiare un ricciolo e finalmente mi sento anch’io in armonia con la forza cosmica che pervade l’intero universo. Però, son proprio buone queste pillole.

© Gianluigi Lancellotti



Recensioni ed articoli relativi a Gianluigi Lancellotti

Nessun record trovato

Testi di Gianluigi Lancellotti pubblicati su Progetto Babele

(1) Phandahara di Gianluigi Lancellotti - RACCONTO
(2) Casa mia di Gianluigi Lancellotti - RACCONTO
(3) Le pillole tantriche di Gianluigi Lancellotti - RACCONTO
(4) Umani di Gianluigi Lancellotti - RACCONTO
(5) Non aprite quella porta di Gianluigi Lancellotti - RACCONTO
(6) Strada comunale 66 di Gianluigi Lancellotti - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2006-09-04
VISITE: 15115


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.