Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Collabora con PB Cos'è PB?
TeleScrivente:    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    La biblioteca più alta del mondo (forse) (01/05/2018)    Lo stagno dei caimani - ritrovato il racconto perduto di Salgari (12/04/2018)    Il 12 Ottobre 2017 chiude i battenti la storica NETEDITOR (06/10/2017)    [22/05/2018] 14 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Giugno di San Vigilio scadenza 2018-05-25    La casa scadenza 2018-05-29     UN LIBRO NEL BORGO scadenza 2018-05-30    SELLION scadenza 2018-05-30    Terzo Premio Enzo Marchetti scadenza 2018-05-30    Racconti nella Rete scadenza 2018-05-31    Racconti nella Rete® 2018 scadenza 2018-05-31    Concorsi Letterari 2018 scadenza 2018-05-31    CITTÀ DEL GIGLIO scadenza 2018-05-31    Concorso degli Assi scadenza 2018-05-31    Poesie d'Amore scadenza 2018-05-31    Premio Vincenzo Asselta X ediz. del Pomarico Vivaldi Festival scadenza 2018-06-01    ANSELMO SPIGA scadenza 2018-06-04    MIMESIS scadenza 2018-06-04    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Presentazione del libro Nastradin - Nellambito delle attività interculturali (PRESENTAZIONE 2018-06-03)    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    RECENSIONI     Laura Morante, in punta di piedi di Stefano Iachetti     Verde Limone di Marcial Gala     Quei gran pezzi dell'Emilia Romagna di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini     Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati     Amore incompatibile di Francesco Dell´Olio    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
Save the Children Italia Onlus

La biblioteca dei sogni
La Biblioteca dei sogni
di Giuliano Giachino
La Rivista
PB numero 19
Progetto Babele n.19
Scarica GRATIS
Cart ARRETRATI
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
(consigli, indirizzi, dritte per aspiranti scrittori)
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
Agg. 22-05-2018 - 47 conc.
assaggi
Consigli di Lettura
Le Recensioni
     

Adesso sanno e sanno anche attendere
di Roberto Lacchè
Pubblicato su SITO



VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 4892
Media 79.45 %



Non si può fuggire dai propri demoni: ti rincorrono e ti riprendono sempre, inattesi e sorprendenti, anche quando sembra che hai finalmente trovato la pace e la serenità interiore.
E dilaniano peggio di prima.
Ero convinto d’averli seminati, i miei demoni, nascosto da quattro giorni in una stanzetta sordida di un motel di frontiera.
Avevo una scorta di lattine di birra, una stecca di sigarette e qualche genere alimentare per la sopravvivenza secondaria.
Ascoltavo i rumori del traffico della statale, sdraiato sopra un letto sfiancato come un’amaca, fumando, bevendo, con i nervi tesi a captare segnali che solo io potevo percepire.
La portoricana con l’aspirapolvere, quella del servizio in camera, con i capelli come uno zerbino di cocco, si teneva lontana dalla mia stanza, dopo un primo tentativo d’intrusione castrato con qualche bestemmia cavernosa.
S’era segnata, pia, roteando gli occhi da serva scema di ‘Via col vento’, e da quel momento cominciò a ciabattare nei pressi della mia porta in punta di piedi come per un saggio di danza.
Il padrone del motel, un uomo di mondo, già saldato per due settimane riguardo la camera, sapeva stare al suo posto, in portineria.
Io ero solo, dunque, e speravo che non mi riacciuffassero...


Non aiutano, di notte, se si è inquieti, le luci intermittenti dei neon dell’insegna di un motel: avessi avuto una pistola, o anche solo una fionda, avrei risolto il problema in maniera drastica.
Ero, invece, sciabolato da schizzi violetti, poi arancio, poi ancora verdini, con una pausa nera per lo scoppio di un neon probabilmente celeste.
Una mia verità discutibile: alle due e mezza anche gli autisti più nottambuli si fermano, in genere, per un sonnellino.
Assaporavo, quindi, solo fumo e silenzio.
Cigolò all’improvviso un’anta dell’armadio.
Mi dissi, arreso e stanco, che forse il mio scheletro d’armadio era di nuovo alle mie costole.
Distinsi la sagoma di una donna scarmigliata tra i lampi colorati dell’insegna di fuori.
Lei.
Aveva un aspetto maggiormente spettrale, in riverberi d’arancio e verdino, e macchie scure su una pelle disfatta e diafana, ulcerata profondamente, ributtante al solo vedere, con occhiaie profondamente infossate e uno sguardo mesto e severo, liquido.
Inutile l’agitarsi, per me: non era più una sorpresa da qualche tempo.
Stavolta, però, m’apparve con un’espressione maggiormente determinata.

“Non potrai mai sfuggire ai tuoi rimorsi, Al.
Gli scheletri degli armadi conoscono le ante di tutti gli armadi del mondo e viaggiano velocemente in equilibrio sull’onda dei ricordi di chi cerca il dimenticare…”

La figura rantolava un qualcosa che voleva essere un risolino malinconico.
Mi preparai per il ripasso: sfibrante e doloroso.
La donna ricominciò a parlare con voce dimessa e roca.

“Riesci a vederle queste macchie scure nella penombra, Al?
Lo sai che cosa sono, vero?
Lividi, e ferite coagulate.
Sono anche gli urti contro la porta della cantina, dove mi seppellisti viva: ricordi?
E’ stato terribile. Perché lo hai fatto?
Avresti potuto abbandonarmi lasciandomi un messaggio, una lettera: avrei compreso.
Avrei sofferto, ma avrei rispettato la tua decisione e me ne sarei fatta una ragione giustificandoti.
Invece mi hai causato una sofferenza indicibile e una morte orrenda.
Cerchi di dimenticare alla periferia del mondo, ma non riesci, vero, Al?
In effetti, è impossibile: è stata una fine troppo crudele…”

Inutile controbattere: era un copione già vissuto.
E poi non avevo attenuanti: ero stato davvero un bastardo.

“Stavolta sarà diverso, Al…
Sono stanca di correrti dietro per cercare di smuovere un briciolo di rimorso dal tuo cuore di ruggine.
Stavolta capirai.
Definitivamente.
Hai commesso una leggerezza, nel tuo liberarti di me in maniera così crudele, lo sai?
Li hai educati a odori e sapori.
Hanno apprezzato.
Adesso sanno, e sanno anche attendere, come hanno pazientato con me, per giorni e notti, stringendomi in un angolo buio di quella cantina, curiosi, senza sapere ancora nulla.
Da stanotte conoscerai la verità sul come sono stata e forse il tuo cuore sarà scalfito da una stilettata di pietà.
Adesso vado, Al…
Tanto ci rivedremo tra poco tempo…”

Si ritrasse impalpabile nell’armadio lasciandomi nuovamente solo con le luci intermittenti, tra il fumo e l’odore leggerissimo della birra, di quando intiepidisce.
Cercai di pensare ad altro.
Mi aveva ripreso. Mi avrebbe ripreso ancora. Per sempre.
Forse no.
Stavolta aveva parlato di capolinea.
Non sapevo se esserne contento o maggiormente inquieto...


Tutto ebbe inizio, poco dopo, con un rumore di cracker spezzato, quasi impercettibile, nella danza tra buio e luci da luna park dentro la camera, attraverso la tapparella.
Non diedi molta importanza al rumore.
Lo scricchiolio, tuttavia, si ripeté: un biscotto, una galletta sbriciolata, stavolta accompagnato da un leggerissimo fruscio e dal cigolio dell’anta dell’armadio che si schiudeva.
Mi rizzai a sedere sul letto e diedi un tiro alla sigaretta, ma forse più una poppata disperata ad un capezzolo.
Premetti più volte l’interruttore della lampada sul comodino, ma la stanza in quel momento era senza corrente elettrica.
Fuori, invece, l’arancio, il verdino e il violetto, con la pausa del celeste scoppiato, saltellavano una macumba contro l’anta lucida dell’armadio.
Mi parve di intravedere qualcosa di luccicante che si muoveva.
Il rumore dei crackers frantumati ora era continuo e stava tramutandosi in un rumore di pop corn frugati da una mano febbrile dentro un bicchierone di cartone al cinema.
Il fruscio era aumentato in un brulichio, in una spiacevole sensazione di creature in movimento.
Premetti più volte l’interruttore della luce, nel panico.
La lampadina all’improvviso s’accese, fioca, ma impietosa e raggelante.
Il pavimento era cosparso di scarafaggi lucidi e frenetici.
Uscivano a frotte dall’armadio, come se all’interno ci fosse stato un disinfestatore con un badile che li scaricava fuori.
Stavano invadendo l’intera stanza occupando ogni spazio tutto intorno al letto.
Rimasi senza fiato, inorridito da una visione così schifosa.
Mi resi conto che l’impatto visivo era frastornante, che gli scarafaggi sono repellenti, sì, ma anche sostanzialmente innocui, e però fui richiamato ad una vigile attenzione dalle ultime parole di lei – adesso sanno, e sanno anche attendere -.
Continuavano ad uscire dall’armadio, vomitati a plotoni, stratificandosi intorno a me in un tappeto lucido e zampettante che cresceva e s’alzava verso le sponde del letto.
Il ripiano del comodino era già invaso da uno strato uniforme nerastro che sembrava fissarmi.
Distinguevo antenne rivolte verso di me.
Mi stavano guardando.
Mi stavano aspettando.
Attendevano la mia morte per inedia, per paura, per un infarto.
Per poi assaggiarmi nella memoria degli odori e dei sapori che ricordavano di lei.
Inutile agitarmi: sarebbe stata una fine inevitabile a meno di non uscire dalla stanza.
Ma erano troppi, schifosi ed elettrici, e non avevo il coraggio di scavalcarli pestandone qualche centinaio con quel rumore che raschia la spina dorsale.
Il livello degli scarafaggi cresceva in una promiscuità di zampe, antenne, corpi umidi e luccicanti alla luce fioca della lampadina, semicoperta sempre da loro, in una girandola di colori esterni, ora infernali da sopportare.
La notte scivolò estenuante in sgocciolio di sudore e pensieri, e con la prima luce dell’alba sperai in un miracolo e nel ritorno alla normalità fuori d’ogni incubo.
Cessarono soltanto le luci dell’insegna del motel che si spense.
Crebbe ancora, invece, il livello degli insetti.
La stanza era invasa fino all’altezza del materasso e l’anta dell’armadio era ormai quasi del tutto aperta sotto la spinta di una miriade di altri scarafaggi.
Mi sentivo naufrago su un’isola deserta, circondato da una marea bruna che sciabordava lungo le sponde del letto con un curioso rumore di sfregamento, in paziente attesa.
Cominciai ad urlare, a pregare, a bestemmiare, a chiamarla per porre fine al tormento dell’attesa, ma il ruggito di un aspirapolvere coprì le mie invocazioni d’aiuto e il padrone del motel era davvero uomo di mondo per scomodarsi a curiosare.
Allora piansi.
Come un bambino.
Piansi per me, per la paura di morire divorato dagli scarafaggi, e non fu, dunque, un pianto di liberazione e redenzione.
Il brulicare di milioni di zampette continuò a graffiare il cervello già tagliuzzato dai continui sbriciolamenti di biscotti e gallette.
Ero senza fumo, senza birra.
Perdetti la cognizione del tempo, con altre girandole di colori intermittenti, con altro muoversi ipnotico d’antenne sempre più lunghe e di zampette sempre più intraprendenti.
Vigilanza, vigilanza, resistere… Svegli…
Ma le palpebre diventavano sempre più pesanti.
E il mare di scarafaggi s’increspava in onde nere brillanti scricchiolanti che inducevano all’arrendersi e all’abbandonarsi in sfinimento.
Mi osservavano, zampettando vicini, e attendevano la mia morte.
Non avrei potuto resistere all’infinito.
Sopraffatto dalla stanchezza e dalla tensione, dopo tempo estenuante, finalmente chiusi gli occhi…


Sto bene, adesso, in questa stanza bianca.
Il bianco rasserena e sbiadisce ricordi allucinanti e sensazioni dolorose.
Sono tranquillo, intontito da qualcosa che m’inebetisce, ma solido di una pesantezza sfinita che mi tranquillizza.
La stanza è imbottita fino al soffitto altissimo ed è illuminata a giorno da una luce calda e uniforme.
E non ha armadi…
Sono finalmente sereno: forse ho pagato…
M’inquieta soltanto, a volte, un lieve sfregare sotto il pavimento imbottito...
Ma cerco di scacciare, a fatica, pensieri…

© Roberto Lacchè



Recensioni ed articoli relativi a Roberto Lacchè

Nessun record trovato

Testi di Roberto Lacchè pubblicati su Progetto Babele

(1) I collezionisti di Roberto Lacchè - RACCONTO
(2) Adesso sanno e sanno anche attendere di Roberto Lacchè - RACCONTO
(3) TI SPIEGO DI UNA TETTA INTERMITTENTE di Roberto Lacchè - RACCONTO
(4) La poltroncina n.123 di Roberto Lacchè - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB


-

dal 2007-03-30
VISITE: 9953


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.