© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Contatta il WebMaster help&faq
 
 
PB NEWS:    [24/03/2017] L'editore più povero del mondo parla sul blog "La Casa di Carta"    [13/06/2012] Terremoto in Emilia - sospensione temporanea attività Progetto Babele    [18/03/2012] Novità in arrivo per le edizioni Anordest    [13/10/2011] Il cacciatore di titoli    [26/05/2017] 11 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Grani dautore scadenza 2017-06-01    ULTIMI INSERIMENTI SUL SITO AL 26/05/2017    Recensioni     Il lungo cammino del fulmine di Guglielmo Campione     È vero che il giorno sapeva di sporco di Mario Bonanno     Brando Street. La scomparsa di una comparsa di Marisa Cecchetti     Sharaz-De Le mille e una notte di Sergio Toppi    La versione di Gipo di Alberto Facchinetti    Il parere di PB     Papà mi presti i soldi che devo lavorare? di Alessia Bottone    Le rose di Eusebia di Claudio Secci    La lama nera di Dario De Judicibus    Le coincidenze necessarie di Patrizia Marzocchi    Il 18° vampiro di Claudio Vergnani    Articoli e saggi     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.     L'esclusa di Luigi Pirandello    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Frantumi di Edoardo Firpo     Ricordo di Edoardo Firpo     Gioco di Edoardo Firpo    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Una vita nel mistero (ITALIA 2010) regia di Stefano Simone    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix     Tapes (2008) - Alanis Morissette    IL FORUM DI PB    Ultimo topic: Verona Segway Tour inserito il 2017-03-22 (ultimo aggiornamento 2017-03-22)    Ultimo post: inserito da il 2017-03-22 sul topic Verona Segway Tour    
 
 
Email
PSWD
CONSIGLI DI LETTURA
Arretrati e copie stampate
PB International
PB Interactive
IN PRIMO PIANO


OnlineUtenti connessi: 5
Utenti collegati in chat 0

Dal 01/01/2003
questo sito ha generato
95.895.142
esposizioni

 
     

Senza fare il benchè minimo rumore
di Gianluigi Scelsa
Pubblicato su SITO



Ascolta il file Ascolta la versione audio di questo racconto!
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 7906
Media 79.12 %



a Luciano
e a Raymond Carver

Era tardo pomeriggio.
Mentre lavavo i piatti ho visto un forte bagliore provenire dal corridoio.
Pensavo si fosse semplicemente fulminata una lampadina, invece era saltato l’interruttore del salva vita. Ho pensato che fosse colpa dell’umidità; Londra è una città parecchio umida.
Ho preso uno sgabello dalla cucina, ci sono salito sopra e ho riposizionato l’interruttore su ON.
Ma niente, le luci non si accendevano ancora.
Dopo aver fatto un controllo più accurato, mi sono accorto che si era bruciato un fusibile nel quadro principale, detto anche scatola dei frutti.
So che si chiama così, perché ho un amico che fa l’elettricista.
Non avendo un fusibile di scorta, ho lasciato tutto così com’era e sono tornato a lavare i piatti.
Appena ho finito, sono andato in bagno a lavarmi le mani, perché il detersivo dei piatti mi secca la pelle.
Ad un certo punto, ho sentito una goccia d’acqua che mi pioveva sulla testa.
Non ho fatto neanche in tempo ad alzare lo sguardo, che: “Tac”, un'altra goccia.
Guardando attentamente il soffitto, mi sono reso conto che la goccia d’acqua veniva esattamente dalla lampadina.
Era come se l’acqua avesse preso come buco di scarico, il foro in cui era incastrato il porta lampada.
In un secondo ho capito perché era scattato l’interruttore salva vita.
Probabilmente quelli del piano di sopra avevano una perdita nelle tubature, o più verosimilmente si erano dimenticati un rubinetto aperto.
Mi sono dovuto organizzare.
Ho preso un secchio e lo stesso sgabello che avevo utilizzato in precedenza, per raggiungere l’interruttore del salva vita.
Poi ho tirato fuori del bagno tutto quello che c’era.
Ho posizionato secchio e sgabello esattamente sotto la goccia e sono rimasto a guardare lo stillicidio per un po’.
Ad un certo punto mi è venuto in mente che dovevo avvisare quelli del piano di sopra.
Volevo bussare alla loro porta, ma io sono un tipo piuttosto riservato.
Allora gli ho scritto un biglietto.
Prima però l’ho scritto in brutta, perché io sono un tipo piuttosto preciso.
Il messaggio diceva:
“I have a leak in the ceiling (bathroom),
please check your basin, toilet, ecc.
Thank You
Your neigbour”
Quando ho scritto neigbour, mi sono dimenticato la H, così l’ho aggiunta dopo, con il risultato che l’ultima parola del messaggio risultava un po’ pasticciata.
Per scrivere tutte queste parole in inglese, ho usato il dizionario, perché io l’inglese proprio non lo so. Comunque, ho preso il messaggio e l’ho infilato nella loro porta, sfruttando la feritoia della posta. Quando sono rientrato in casa, il telefono ha iniziato a squillare.
Dopo un po’ ho risposto.
Era la mia ragazza. Voleva sapere come andavano le cose.
Io le ho fatto una tragica cronistoria. Le ho detto che avremmo passato la serata al buio, ma ho concluso la telefonata sussurrandole I love you.
Appena ho messo giù la cornetta ho sentito un rumore di chiavi.
Quelli del piano di sopra dovevano essere arrivati.
Io, ho iniziato a muovermi come un gatto.
Mi spostavo da una stanza all’altra senza fare il benchè minimo rumore.
Volevo fingere che nell’appartamento non ci fosse nessuno.
Volevo che la seccatura dei rapporti diplomatici la sbrigasse la mia ragazza.
Volevo evitare di parlare in inglese.
Ad un certo punto il telefono è squillato ancora.
Non avevo idea di chi potesse essere ed ho risposto con un certo terrore.
Fortunatamente era mia sorella Susanna.
Mi ha chiamato per dirmi che mio zio, il fratello di mia madre, era morto.
Io le ho raccontato dell’acqua che mi pioveva dal soffitto, del salva vita che era scattato e via discorrendo.
Insomma, ho rifatto la tragica cronistoria.
Mia sorella Susanna mi ha detto che mio cugino, aveva rinvenuto il cadavere di mio zio nel suo appartamento di Milano.
Io le ho detto che ero preoccupato per la faccenda dell’acqua.
Lei mi ha detto se volevo fare un telegramma.
Quando ha iniziato a dettarmi il nuovo indirizzo di mio cugino,
io le ho detto: “Ma hai capito o no, che sono al buio?”

© Gianluigi Scelsa



Recensioni ed articoli relativi a Gianluigi Scelsa

Nessun record trovato

Testi di Gianluigi Scelsa pubblicati su Progetto Babele

(1) Senza fare il benchè minimo rumore di Gianluigi Scelsa - RACCONTO
(2) Andato di traverso di Gianluigi Scelsa - POESIA
(3) LUI MANGIA DA SOLO di Gianluigi Scelsa - POESIA
(4) Il nemico delle network di Gianluigi Scelsa - RACCONTO
(5) La ruota della fortuna di Gianluigi Scelsa - RACCONTO
(6) Doveva essere inverno di Gianluigi Scelsa - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONT
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB


-

dal 2007-05-28
VISITE: 16555