Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    La biblioteca più alta del mondo (forse) (01/05/2018)    [21/10/2018] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Un Museo senza pareti. Alla scoperta degli Ecomusei del Trentino scadenza 2018-10-26    Il Prete Bambino scadenza 2018-10-30    Socc'mel...che viaggio! scadenza 2018-10-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Capelli struggenti di Franz Krauspenhaar     L’incredibile vicenda che portò Jack Lanarco a salvare l’iperspazio da fine certa di Vincenzo Trama     Polaroid di Davide Rocco Colacrai     Ce sto io … poi ce sta De Niro - Mario Brega Biografia di Ezio Cardarelli     Breve inventario di un’assenza di Michele Paoletti    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
31 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
8 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Emily
di Ivan Visini
Pubblicato su PB6



VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 4753
Media 79.28 %



Emily è una macchina. Di carne e sangue. Di maglie metalliche fuse tra le fibre muscolari. Di micro circuiti e schizzi elettrici. Emily ha luci colorate intermittenti al centro delle pupille, ed un cuore che non batte, ma sibila come un pistone idraulico.

Cosa sono io?

Un ammasso, un agglomerato di materie incompatibili tra loro. Che per strana ragione è stato composto, costruito, edificato su di uno scheletro di carne ed ossa.

Sono qualcosa di diverso da tutto ciò che sia stato mai creato.

Io sono Emily.

Non una macchina, non un essere umano. Ma un fiore semilucido, di petali affilati come lamette da barba.

Esperimento. Chiamano questo corpo.

Esperimento. Sdraiata su di un tavolo da lavoro, dove chirurghi disinfettati manipolano parti meccaniche.

Vedo.

Il loro incessante e rapido muoversi. Cavi colorati fluiscono come arterie, dentro e fuori me. Ho gli occhi aperti e nano punture d'insetti artificiali saldano e modificano, inseriscono. Illuminano. E luce, luce, LUCE.

Fotogrammi scorrono lenti. Saltano. E' la realtà nel suo nascere.

Mani macchiate di sangue. Il mio sangue.

Il mio sangue.

Inseriscono oggetti sconosciuti. Apparentemente irriconoscibili da occhi inesperti.
Organi? Forse.

Quando un robot muore, i suoi organi vengono disinstallati e riutilizzati. Se possibile. Ma io non sono un…

Corpo vuoto.

Macino teorie, pensieri, che silenziosi drogano il mio cervello con visioni supplementari dell'ambiente circostante. Pallido. Freddo. Fluorescentemente bianco.

Occhi fissi. Dicevo. Punzecchiati fino al nucleo.
Guardo il soffitto. Immobile. E' uno specchio. La rifrazione delle sorgenti luminose definisce le forme negli svariati movimenti. Catenarie luminose natalizie. Questi apparentemente uomini asettici.

Il mio corpo disteso è composto da parti disgregate dal tronco. Le braccia fuori dalla propria sede naturale sono poggiate lungo i miei fianchi. Non perdo sangue. Forse è finito. Come accade per le lacrime.

Tutto finisce. E' la legge naturale di ogni inizio.

Il mio petto è un tripudio d'elettricità e movimento. Qualcosa si muove. Pompa, motore, meccanismo propulsore, macchina.

Cuore.

Fluidi scorrono. Non ho gambe. Cosa sono io?

"E" come Emily. "E" come Esperimento.

Ed io?

Sono il risultato di un miscuglio di nomi?

Delimitano il mio essere. Volevo essere un quadro, un'opera grandiosa. Senza cornice.

Le cornici delimitano l'opera. Sono squarci nel tessuto dei sogni. Confezionati a puntino, sfarzosi o semplici, o moderni, oppure antichi. Ma sempre squarci delimitati sono.

No, niente di tutto ciò desideravo. Volevo unirmi al resto del sogno, dissipare quei tratti così sicuri che mi tenevano in questo mondo.

Dissipare, disgregare, disseminare me stessa sul grande quadro della vita. Dare colore a ciò che ormai era pura e meccanica routine.

Ho sempre amato l'arte. Cosa non avrei fatto per amore artistico. Cosa ho fatto?

Poco. Solo colori. Per tingere questo vuoto.

E le mie gambe, no, dico, le mie gambe dove sono? In arrivo forse, oppure disperse…

La mia testa ruota di lato. Deve aver ceduto la colonna vertebrale. Quel che ne restava di una serie di piccole ossa disposte una sopra l'altra diligentemente.

Ho sempre amato i colori. Li ho ricercati in ogni modo, li ho seguiti in ogni mondo. Ma anche quelle piccole pasticche sul comodino mi mostravano solo il bianco prima del vuoto.

Asettico. Puro. Pulito. Freddo. Privo di passionalità. Passionalità.
Il fuoco nelle vene.

Le mie vene ora sono… elettricità.

La mia testa piegata vede un altro tavolo, in un'altra stanza. Oltre una parete di vetro.
Uomini tranquilli contrastano le nevrosi di questi, piegati su me. Per equilibrare le cose mi dico. Per equilibrare le cose.

Perché sono in questo posto dalle pareti riflettenti?

"E' salva" dicono.

Parlano di me. Salva. Da cosa?

Dalla morte? Un pezzo di carne e metallo disteso su di un tavolo da cucina, senza gambe e con le braccia fuori sede.

Sono salva. Forse mi esporranno in un museo.
Uno di quelli super visitati, con lo sconto comitiva e studentesco. Con apertura notturna e con il soffitto trasparente per lasciare entrare anche la luce della notte. Per vedere fuori, per vedere oltre.

Come una statua me ne starò in una teca di vetro antiproiettile, con allarme ad ultrasensori. Guai a chi respira!

Sarò arte moderna. I miei occhi vedranno in eterno facce sorridenti, sguardi interrogatori. Di gente che non comprende l'arte. Quindi la critica.

Sarò luminescente, e lampeggerò come il giallo d'un semaforo.

Sento fluire i pensieri al di fuori della mia testa. Credo escano de quei buchi ai lati del cranio… come si chiamavano… sto vaneggiando. Svanendo. Sfumando.

Veleno che scorre in me.

Assuefazione alla realtà.

Apatia

Ansia

Crisi.

Dei binari.

Un treno.


© Ivan Visini



Recensioni ed articoli relativi a Ivan Visini

(1) Tenebre al femminile di Amoroso Giovanna; Visini Ivan- Il Parere di PB

Testi di Ivan Visini pubblicati su Progetto Babele

(1) Elogio del blu di Armando Saveriano - RECENSIONE
(2) Dire Fare L'amore - Racconti post-erotici di Inachis Io - RECENSIONE
(3) Emily di Ivan Visini - RACCONTO
(4) Only for my love di Ivan Visini - RACCONTO
(5) Becky di Ivan Visini - RACCONTO
(6) Pace notturna di Ivan Visini - RACCONTO
(7) Save Me di Ivan Visini - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2003-05-13
VISITE: 14142


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.